“Sconcertante ignoranza”: i commenti di Imran Khan sullo stupro provocano indignazione

Il Primo Ministro pakistano ha provocato una diffusa indignazione dopo aver esortato le donne a vestirsi in modo più modesto, affrontando un'ondata di casi di stupro.

L'ex giocatore di cricket professionista diventato politico, 65 anni, ha i commenti durante un'intervista televisiva, in cui ha detto che le donne dovrebbero coprirsi il corpo per evitare di essere attaccate.

Prendendo una domanda da un chiamante, al Primo Ministro Khan è stato chiesto cosa stesse facendo il governo per affrontare l'aumento della sessualità attacchi in Pakistan.

“Gli episodi di stupro di donne … (sono) in realtà aumentati molto rapidamente nella società”, ha detto.

Khan ha citato il concetto islamico di purdah, che significa usando veli e schermi per oscurare le donne dagli uomini.

“L'intero concetto di purdah è evitare la tentazione; non tutti hanno la forza di volontà per evitarlo “, ha detto.

Khan ha detto che il suo governo avrebbe introdotto nuove leggi per proteggere le donne dalle aggressioni sessuali, ma ha aggiunto che spetta alla società preservare la modestia delle donne.

Il Primo Ministro ha affermato che un aumento degli stupri indica le “conseguenze in qualsiasi società in cui la volgarità è in aumento”.

I commenti hanno suscitato indignazione furiosa, con attiviste e attiviste per i diritti delle donne nel Paese accusando il Primo Ministro di “sconcertante ignoranza”.

CORRELATI: Condanne a morte per uomini che hanno violentato la madre davanti ai figli

CORRELATI: La punizione insolita di PM per gli stupratori

CORRELATI: Khan avverte del “ bagno di sangue '' del Kashmir

Khan si è scagliato contro la 'sconcertante ignoranza'

Centinaia di persone hanno firmato una dichiarazione diffusa online mercoledì, definendo le dichiarazioni di Khan “effettivamente errate, insensibili e pericolose”.

“La colpa è esclusivamente dello stupratore e del sistema che ena bles lo stupratore, inclusa una cultura promossa da dichiarazioni come quelle fatte da (Khan) “, si legge nella dichiarazione.

Il Primo Ministro è stato anche frustato dalla Commissione per i diritti umani del Pakistan, un cane da guardia indipendente per i diritti, che ha detto che era “sconvolto” dalla “sconcertante ignoranza” di Khan.

“Questo non solo tradisce un'ignoranza sconcertante di dove, perché e come si verifica lo stupro, ma dà anche la colpa alle sopravvissute allo stupro, che , come il governo deve sapere, può variare dai bambini piccoli alle vittime di crimini d'onore “, ha affermato la Commissione.

Ex giocatore di cricket ora più conservatore

Khan è diventato notevolmente più conservatore dopo aver lasciato il cricket professionistico per entrare in politica nel 1996.

Dopo i suoi nove anni matrimonio con Jemima Goldsmith dal 1995 e un tempestoso matrimonio di nove mesi con l'ex giornalista della BBC Reham Khan, terminato nel 2015, la star vincitrice della Coppa del Mondo si è sposata per la terza volta nel 2018.

La sua terza moglie, Bushra Bibi, 47 anni, lo spirito di Khan al consigliere, era completamente velata durante la tradizionale cerimonia islamica, e comunemente indossa l'hijab completo per coprirsi il viso durante le apparizioni pubbliche.

A seguito delle segnalazioni dei commenti del suo ex marito sullo stupro, Jemima Goldsmith ha twittato ieri (mercoledì): “Spero che questa sia una citazione / traduzione errata. L'Imran che conoscevo diceva: “Metti un velo sugli occhi dell'uomo, non sulla donna” “.

Khan è stato criticato dopo un'altra apparizione televisiva l'anno scorso, quando non ha contestato l'affermazione di un religioso musulmano secondo cui la pandemia COVID-19 era stata scatenata a causa dei peccati delle donne.

È stato accusato di non aver affrontato i pregiudizi sistemici nei confronti delle donne nel Pakistan conservatore, dove i delitti d'onore rimangono comuni, preferendo attaccare la “volgarità “Dell'ovest e delle oscenità promosse dal cinema nella vicina India.

– con fili

53 Views
(Visited 5 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *