NVIDIA ha appena annunciato la sua nuova CPU orientata al data center basata sull'architettura ARM. Promette prestazioni 10 volte superiori rispetto ai principali server di oggi. NVIDIA Grace è un processore basato su ARM che promette di fornire prestazioni 10 volte superiori rispetto ai server più veloci di oggi nei carichi di lavoro di elaborazione AI e HPC più esigenti. Credito immagine: NVIDIA Il nuovo microchip specializzato utilizza core ad alta efficienza energetica, tecnologia di interconnessione NVIDIA NVLink di quarta generazione, nuovo sottosistema di memoria LPDDR5x, coerenza della cache unificata e alcuni altri importanti sviluppi volti a semplificare l'addestramento e l'elaborazione dei modelli AI, puntando anche ad altre aree dell'High Performance Computing (HPC) attualmente dominato da altri produttori. Il nuovo prodotto è la prima CPU per data center nel portafoglio dell'azienda e promette molto. Secondo il comunicato stampa diffuso ieri, NVIDIA Grace dovrebbe superare di 10 volte i server più veloci di oggi, rispondendo alle esigenze dei carichi di lavoro più complessi, tra cui l'elaborazione del linguaggio naturale, l'analisi dei dati e il supercalcolo. Per ottenere le massime prestazioni, le CPU Grace dovranno essere accoppiate a GPU anch'esse sviluppate da NVIDIA. La tecnologia di interconnessione CPU-GPU di quarta generazione è in grado di mantenere un collegamento record di 900 GB / s, raggiungendo una larghezza di banda aggregata 30 volte superiore rispetto agli attuali sistemi più veloci. Lo Swiss National Supercomputing Center (CSCS) e il Los Alamos National Laboratory del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti hanno già annunciato i loro piani per costruire i primi supercomputer basati sull'architettura Grace Fonte: NVIDIA Newsroom

58 Views
(Visited 3 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *