Previsioni terribili per la vita dopo COVID-19 delineate nel rapporto dell'intelligence statunitense

Un nuovo importante rapporto rilasciato dalle agenzie di intelligence negli Stati Uniti ha dipinto il quadro di un caotico e potenzialmente disastroso pochi anni a venire per il mondo intero.

Significativa perturbazione globale innescata da la pandemia COVID-19, che ha avuto un impatto per un anno non solo sulla salute, ma anche sulle economie, sulle società e sulla stabilità generale della sicurezza, è ovviamente in primo piano.

Ma non lontano sullo sfondo sono ugualmente minacce allarmanti: grande competizione di potere tra le nazioni, effetti dirompenti del degrado ecologico e di un clima che cambia, un numero crescente di attori non statali autorizzati e tecnologia in rapida evoluzione.

The Annual Threat Assessment of the US Intelligence Il report della community, declassificato per il rilascio martedì, evidenzia come una tempesta perfetta di fattori terrificanti si sia combinata per produrre una “gamma diversificata di minacce”.

Delinea una complessa serie di rischi che l'Occidente deve affrontare e spiega come quelle minacce probabilmente si scontreranno con altre er pericoli, aumentando il “potenziale di eventi a cascata” nel prossimo futuro.

Rende una lettura inquietante e un duro promemoria che coloro che sperano in un imminente ritorno alla vita normale dopo COVID saranno gravemente delusi.

CORRELATI: Il giorno del giudizio di Xi Jinping si prepara alle minacce di “cigno nero” e rinoceronte grigio

CORRELATO : Il principale ammiraglio degli Stati Uniti avverte che la minaccia di una guerra nucleare dalla Russia e dalla Cina è una “ possibilità reale ''

Quattro principali nazioni di preoccupazione

Considerato il poliziotto globale dell'era moderna del mondo, custode della pace e difensore dei suoi alleati, gli Stati Uniti hanno da tempo identificato paesi di preoccupazione in questi rapporti.

La valutazione di quest'anno non è diversa, entrando nel dettaglio di quattro nazioni che rappresentano una minaccia per gli Stati Uniti, i suoi interessi e i suoi alleati: Cina, Russia, Iran e Corea del Nord.

“I principali avversari e concorrenti stanno potenziando ed esercitando le loro capacità militari, informatiche e

altre, aumentando i rischi t o Forze statunitensi e alleate, indebolendo la nostra deterrenza convenzionale e peggiorando la minaccia di vecchia data delle armi di distruzione di massa “, afferma il rapporto.

Piuttosto che rallentare quegli sforzi, la pandemia COVID-19 sembra aver dato una sorta di copertura, una comoda distrazione per promuovere cause nefaste.

Individualmente, e in alcuni casi in partenariato, questi quattro paesi hanno “dimostrato la capacità e l'intento di promuovere i propri interessi a scapito degli Stati Uniti e i suoi alleati, nonostante la pandemia “, sottolinea il rapporto.

Ma è il piano multiforme di Pechino per far crescere drasticamente il suo dominio globale che è un elemento di rilievo nel rapporto.

” La Cina è sempre più un concorrente quasi pari, sfidando gli Stati Uniti in più arene – soprattutto economicamente, militarmente e tecnologicamente – e sta spingendo per cambiare le norme globali “, afferma il rapporto.

CORRELATO: Satellite le immagini rivelano una massiccia espansione all'aeroporto cinese vicino a Taiwan

La sua strategia dell'intero governo per diffondere l'influenza della Cina in tutto il mondo e allo stesso tempo ridurre la potenza degli Stati Uniti probabilmente aumenterà il ritmo.

Così anche i suoi tentativi mirati di “guidare i cunei tra Washington ei suoi alleati e partner “.

Allo stesso tempo, Pechino mostra sempre più la sua forza militare e la sua potenza politica per fare pressione sui suoi vicini regionali e altre nazioni strategicamente importanti affinché si pieghino alla sua volontà, afferma il rapporto.

“Nel Mar Cinese Meridionale, Pechino continuerà a intimidire i pretendenti rivali e utilizzerà un numero crescente di piattaforme aeree, navali e marittime per segnalare ai paesi del sud-est asiatico che la Cina ha un controllo effettivo sulle aree contese. “

Allo stesso modo, la Cina sta facendo pressioni sul Giappone sulle parti contese del Mar Cinese Orientale, afferma il rapporto.

” Pechino spingerà le autorità di Taiwan a procedere verso l'unificazione e condannerà ciò che vede come maggiore impegno USA-Taiwan.

“Prevediamo che l'attrito crescerà man mano che Pechino intensificherà i tentativi di ritrarre Taipei come isolata a livello internazionale e dipendente dalla terraferma per la prosperità economica, e mentre la Cina continua ad aumentare l'attività militare intorno all'isola.”

In generale, la Cina continuerà a “perseguire i suoi obiettivi di diventare una grande potenza, assicurarsi quello che considera il suo territorio e stabilire la sua preminenza negli affari regionali costruendo un esercito di livello mondiale, potenzialmente destabilizzando norme e relazioni internazionali “, Afferma il rapporto.

Nel frattempo, la Russia continua a respingere gli Stati Uniti” dove può a livello globale, impiegando tecniche che includono l'uso della forza “.

” Noi valutare che Mosca impiegherà una serie di strumenti – in particolare campagne di influenza, cooperazione di intelligence e antiterrorismo, aiuti militari ed esercitazioni combinate, operazioni mercenarie, omicidi e vendite di armi – per promuovere i suoi interessi o minare gli interessi degli Stati Uniti e il suo alleato s.

“Ci aspettiamo che Mosca si inserisca in crisi quando sono in gioco gli interessi russi, può trasformare un vuoto di potere in un'opportunità, oppure i costi di azione previsti sono bassi.”

Sull'Iran, il rapporto descrive la nazione canaglia che rimane “una minaccia regionale con più ampie attività di influenza maligna”.

La Corea del Nord è etichettata come “un attore dirompente sulla scena regionale e mondiale” nel rapporto.

CORRELATO: Nuovi filmati rivelano un massiccio rafforzamento militare russo al confine con l'Ucraina

Come COVID sta cambiando il mondo

Ci vorrà del tempo prima che gli effetti della pandemia COVID-19 siano alle nostre spalle e non si sentono più, avverte il rapporto.

I governi e le società di tutto il mondo continueranno a essere messi a dura prova, “alimentando crisi umanitarie ed economiche, disordini politici e competizione geopolitica”.

” Nessun paese è stato completamente risparmiato, e anche quando un vaccino è ampiamente distribuito a livello globale, economico e politico le scosse di assestamento si faranno sentire per anni.

“I paesi con debiti elevati o che dipendono dalle esportazioni di petrolio, dal turismo o dalle rimesse devono affrontare recuperi particolarmente impegnativi, mentre altri si ripiegheranno verso l'interno o saranno distratti da altre sfide.”

Il rapporto aggiunge: “Le implicazioni economiche e politiche della pandemia si propagheranno per il mondo per anni”.

Il coronavirus ha anche fornito un'opportunità per beneficiarne nazioni come Cina e Russia, tra cui attraverso quella che è stata soprannominata “diplomazia del vaccino”.

Questa costruzione dell'influenza potrebbe avere ampie implicazioni sociali, politiche e di sicurezza per gli anni a venire.

Un'altra conseguenza di COVID-19 è il potenziale affinché altre malattie divampino in popolazioni vulnerabili, afferma il rapporto.

“Le interruzioni legate al COVID-19 ai servizi sanitari essenziali – come vaccinazioni, fornitura di aiuti e programmi per la salute materna e infantile – aumenteranno il probabilità di ulteriori emergenze sanitarie, soprattutto tra i paesi a basso reddito.

“Ad esempio, la pandemia ha interrotto i trattamenti per l'HIV / AIDS e le misure preventive nell'Africa sub-sahariana, così come le campagne di vaccinazione contro il morbillo e la poliomielite in dozzine di paesi.”

Altre grandi sfide che il mondo deve affrontare

Il rapporto di valutazione delle minacce approfondisce una serie di altri rischi, dal cambiamento climatico al terrorismo e alla criminalità organizzata.

Sull'ambiente, sottolinea come il degrado ecologico e il cambiamento climatico “continueranno ad alimentare focolai di malattie, minacciano la sicurezza alimentare e idrica e aggravano l'instabilità politica e le crisi umanitarie “.

In questo momento, gran parte degli effetti del cambiamento climatico sull'America e sulla sua sicurezza si fanno sentire” indirettamente in un contesto politico ed economico più ampio “, afferma il rapporto.

Ma un clima più caldo probabilmente produrrà minacce dirette e immediate, aggiunge, attraverso tempeste e inondazioni più intense, ad esempio.

Altrove, picchi migratori che possono minacciare la sicurezza e pugnalare ility, mettere a dura prova le nazioni vulnerabili, innescare malattie e focolai di malattie, causare disastri umanitari e altro ancora – crescerà.

Le popolazioni centroamericane in particolare rischiano di trasferirsi rapidamente, a causa delle ricadute economiche del COVID-19 pandemia, insieme a disastri ambientali come siccità, uragani e altri eventi meteorologici estremi.

Inoltre, i conflitti regionali in Afghanistan, Siria e Iraq continuano ad alimentare le crisi umanitarie.

Il rapporto dettaglia anche come le bande della criminalità organizzata si sono adattate alle sfide al traffico di droga presentate da COVID-19.

E identifica lo Stato Islamico, al-Qaeda e i militanti iraniani come i più grandi cospiratori di attacchi contro il popolo e gli interessi degli Stati Uniti, e in varia misura, direttamente negli Stati Uniti.

“Nonostante la perdita di leadership, i gruppi terroristici hanno mostrato grande capacità di recupero e stanno approfittando di aree non governate per ricostruire.”

54 Views
(Visited 4 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *