I test di laboratorio virologici sulla luce ultravioletta-C (UVC) condotti presso l'Università del Nevada Reno hanno confermato la sterilizzazione di un coronavirus umano della famiglia COVID-19 a una distanza di 1,5 metri in meno di 8 secondi. American UVC Science Inc. (AUS), un'affiliata commerciale del Nevada Center for Applied Research dell'Università, ha sviluppato una tecnologia brevettata che combina i diodi LED UVC più potenti con lenti ottiche uniche per intensificare e proiettare i raggi UVC. Credito immagine: Alissa Eckert e Dan Higgins / Centers for Disease Control and Prevention Gli scienziati sanno da tempo che l'uso degli UVC può essere un modo efficace per sterilizzare superfici o aree solide, ma la breve lunghezza d'onda della radiazione UVC (raggi) limita loro la possibilità di utilizzare vetro, plastica o policarbonato per focalizzare i raggi. Il team di scienziati e ingegneri dell'AUS riferisce di aver formulato un nuovo composto per controllare e massimizzare la radianza della luce UVC. Il test per valutare l'efficacia della luce UVC LED è stato condotto da Timsy Uppal, Ph.D., nel laboratorio di Subhash Verma, Ph.D., Dipartimento di Microbiologia e Immunologia presso l'Università del Nevada, Reno, e ha mostrato il Dispositivo LED UVC per essere in grado di inattivare un coronavirus umano della famiglia COVID-19. Nel rapporto sui test di laboratorio, pubblicato nel febbraio 2021, Verma ha affermato: “L'unità di sanificazione UVC-LED ha dimostrato la completa inattivazione del virus in tutte le condizioni testate. Questi risultati hanno confermato che il sistema di disinfezione UVC-LED può fornire un'inattivazione rapida, affidabile, sicura e completa del coronavirus umano dalle superfici … entro 8 secondi a 5 piedi di distanza “. Si prevede che la ricerca futura esplorerà meccanismi robotici autonomi attraverso i quali fornire la luce LED UVC. “American UVC Science sta conducendo lo sviluppo del prodotto nello spazio di laboratorio all'interno della nostra struttura di ricerca applicata”, ha affermato Carlos Cardillo, direttore del Nevada Center for Applied Research. “Siamo lieti che si uniscano alle numerose società tecnologiche con sede nel nostro campus e apprezziamo il loro forte interesse nel lavorare con la nostra facoltà per esplorare scoperte e prodotti significativi per promuovere la salute e la sicurezza”. Fonte: Università del Nevada, Reno

55 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *