L'alto ministro lascia aperta la possibilità di braccialetti alla caviglia per la quarantena domestica

Un alto ministro ha lasciato aperta la possibilità di tornare i viaggiatori che indossano braccialetti alla caviglia per assicurarsi che non violino un sistema di quarantena domestica propagandato dal governo federale.

Il primo ministro Scott Morrison il La domenica ha sollevato la prospettiva che gli australiani completamente vaccinati entrassero in isolamento domestico al ritorno dall'estero nel tentativo di liberare lo spazio di quarantena dell'hotel.

Il ministro del lavoro Stuart Robert è stato pressato su come il governo avrebbe assicurato che i viaggiatori di ritorno rispettassero le regole quando ci si isola a casa.

“Che idee ci sarebbero per questo? Visite regolari, ispezioni per assicurarsi che siano a casa, braccialetti alla caviglia, una sorta di monitoraggio, come si fa? ” Ha chiesto il conduttore di ABC Insiders David Speers.

Il signor Robert non ha escluso queste prospettive. Ha detto che gli australiani completamente vaccinati che viaggiano all'estero sarebbero un “primo passo logico” con la riapertura del paese, ma le sfide ammesse nella quarantena domestica dovrebbero essere risolte.

“Tutto ciò dovrà essere risolto prima che una ricetta politica diventi attiva “, ha detto.

Ma ha indicato una serie di misure attuate mentre ha trascorso” tre o quattro mesi “in quarantena domestica l'anno scorso.

“La polizia si presentava in momenti casuali a casa nostra, chiamavano. Chiamerebbe il Dipartimento della Salute di varie giurisdizioni. Erano alcune delle cose messe in atto per affrontare quel problema esatto “, ha detto.

Il signor Morrison domenica ha confermato che il governo federale era aperto alla prospettiva di isolamento domestico nella seconda metà dell'anno , iniziando con australiani completamente vaccinati di ritorno da un viaggio essenziale.

“Questo potrebbe potenzialmente aprire la porta in un secondo momento al ritorno dei residenti australiani per avere una quarantena di isolamento domiciliare di successo … Se funziona, hai liberato il tuo hotel sistema di quarantena, e questo significa che i lavoratori essenziali possono iniziare ad entrare “, ha detto.

Ma Morrison ha avvertito che è necessario” molto lavoro “per garantire che il sistema fosse efficace quanto la quarantena dell'hotel, affermando che Il Commonwealth lavorerebbe “un passo alla volta” con gli stati e i territori in un “modo molto controllato e molto sicuro”.

“Con COVID, devi aspettarti l'inaspettato. Ciò rende questo tipo di problemi molto difficile da prevedere “, ha detto ai giornalisti.

” Assicuro agli australiani che non metterò a rischio il modo in cui viviamo in questo paese che è così diverso dal resto del mondo oggi.

“Le questioni relative alle frontiere e il modo in cui vengono gestite saranno affrontate con molta, molta attenzione.”

Il ministro della Salute Greg Hunt martedì ha detto che non c'era alcuna garanzia che l'Australia i confini si aprirebbero anche se l'intera popolazione fosse vaccinata, dicendo che occorreva sapere di più sulla longevità e sull'efficacia del colpo contro la trasmissione.

Morrison ha anche affermato che l'Australia non aveva “fretta” di aprire i suoi confini internazionali e ha avvertito che il processo sarebbe stato scaglionato.

“L'idea che un giorno in cui tutto si apre, non è così che accadrà”, ha detto.

L'implementazione del vaccino già fiacca da parte del governo è stata intaccata dal consiglio che il vaccino AstraZeneca, centrale nella sua strategia, non dovrebbe essere assunto da persone di età inferiore a 50 anni ogni volta che possibile.

Lo sviluppo ha costretto la Coalizione ad abbandonare tutti i calendari delle vaccinazioni, ma il primo ministro ha insistito sul fatto che non ci fosse “nessun cambiamento” nel suo focus sull'immunizzazione dei lavoratori in prima linea e degli anziani.

Morrison la scorsa settimana si è chiesto se la fornitura di vaccini dell'Australia potesse supportare un sito di vaccinazione di massa proposto dal governo del NSW, che a suo avviso potrebbe vaccinare 30.000 persone a settimana da metà maggio.

Ha detto che sarebbe favorevole a una discussione sul proposta in una riunione del gabinetto nazionale lunedì, ma ha insistito sul fatto che non sarebbe avvenuta a costo del lancio già in corso.

“Quello che sottolineo in quanto tale processo sarebbe integrare, aggiungere, cosa i MMG stanno facendo “, ha detto.

” Non si tratta di spostare le dosi dai MMG alle distribuzioni statali e territoriali. Si tratta di utilizzare quelle opportunità aggiuntive statali e territoriali che ci sono per aumentare la capacità di quelle popolazioni. “

44 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *