L'Indonesia sta sperimentando i test COVID-19 in stile etilometro

Un nuovo dispositivo di rilevamento COVID-19 introdotto in Indonesia potrebbe vedere la fine dei tamponi che si infiltrano nel naso, con sviluppatori nella regione che difendono l'uso di un nuovo etilometro sviluppato localmente negli aeroporti in mezzo a contraccolpi.

I ricercatori della Gadjah Mada University di Yogyakarta hanno sviluppato il test pre-imbarco GeNose C-19, sperimentando la nuova tecnologia negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie di tutta l'Indonesia da febbraio.

Gli sviluppatori hanno l'ambizione di testare fino a 1,2 milioni di persone al giorno con il nuovo metodo GeNose mentre l'Indonesia cerca risposte al suo crescente rischio di virus. Al 20 aprile, la nazione del sud-est asiatico ha registrato una media di 126 morti e oltre 5.000 nuovi casi registrati ogni giorno.

Se qualcuno risulta positivo al test del colpo, è tenuto a sostenere un adeguato screening diagnostico e quarantena per 10 giorni.

Gli epidemiologi locali hanno riserve sul test, con il professor Paul Riono dell'Università dell'Indonesia che ne ha contestato l'efficacia. Afferma che il test potrebbe rilevare il coronavirus solo due giorni dopo che l'infezione era “pericolosa”.

“È impossibile”, ha detto Riono tramite il Sydney Morning Herald. “Ciò che è problematico è che l'affermazione non è mai stata convalidata. E ciò che mi rende ancora più confuso è che la Task Force COVID-19 lo ha permesso. “

Il portavoce del ministero della Salute indonesiano Widyawati ha detto che il test, che costa solo $ 2,65 per colpo, è stato approvato ma solo per a scopo di screening, con i tamponi ancora utilizzati per ottenere una diagnosi definitiva sulle condizioni del paziente.

“Se ci sono informazioni dal terreno che non sono accurate, beh, penso che non ci sia alcun test metodo che fornisce un'efficacia del 100% “, ha detto Irawati.

” C'è una condizione nel fare i test GeNose … non puoi mangiare e bere per 30 minuti prima di fare il test. Dalle segnalazioni che abbiamo ricevuto dagli operatori, alcune persone non sono state oneste al riguardo.

“Hanno detto di non aver mangiato e bevuto prima di fare il test ma quando il risultato è stato positivo hanno ammesso di aver mangiato o ha bevuto meno di 30 minuti prima di fare il test GeNose. “

Tuttavia, lo sviluppatore di GeNose Dian Kesumapramudy afferma che il test è estremamente affidabile e riduce la necessità del test del tampone invasivo che è attualmente lo standard globale. Il sig. Kesumapramudy ha detto che il test di blow-in ha avuto una precisione dal 93 al 94% quando è stato testato su quasi 2000 civili nel 2020.

“Sono confuso perché alcune persone dicono che la nostra ricerca non era aperta. Ho tenuto discorsi ovunque, anche davanti al PDUI [the Association of Indonesian General Practitioners] “, ha detto.

” Da dicembre ho parlato della nostra ricerca ovunque. In tempi normali, le procedure sono prima di pubblicizzare la tua ricerca e dopo aver ottenuto un brevetto puoi iniziare la produzione. Ma non siamo in condizioni normali.

“Ho detto più volte che siamo partiti da un test clinico validato. La valutazione è iniziata nel momento in cui abbiamo presentato la nostra proposta. Il team che ha testato la nostra proposta e i test clinici proveniva da varie università. Non erano una squadra del Ministero della Salute. Erano esperti competenti nel loro campo. “

Dall'inizio della pandemia, l'Indonesia ha registrato un totale di 43.424 morti e 1,6 milioni di casi confermati.

Notizie di il nuovo sviluppo è arrivato quando l'Australia si è mossa per ripristinare i viaggi all'estero con la vicina Nuova Zelanda.

Il ripristino della bolla tra le due nazioni è stato etichettato come “monumentale” e un “giorno di rinascita” dai membri in l'industria del turismo, che è stata decimata da quando è stata dichiarata la pandemia COVID-19.

Il primo ministro Scott Morrison ha detto che l'inizio della bolla trans-Tasman attraverso il fosso è una “pietra miliare” e persino una mossa chiave sia nel turismo che nella ripresa economica per entrambe le nazioni.

“La pietra miliare di oggi è una vittoria per australiani e neozelandesi, stimolando le nostre economie mantenendo la nostra gente al sicuro e giusto in tempo per ANZAC DAY “, Ha affermato Morrison.

” Entrambi i paesi hanno svolto un lavoro straordinario nel proteggere le nostre comunità da COVID e i voli di andata e ritorno sono un passo importante nella nostra strada. “

Il signor Morrison ha detto che vorrebbe consentire agli australiani di viaggiare più lontano all'estero per scopi essenziali nella seconda metà dell'anno e tornare senza dover subire la quarantena alberghiera, ma devono essere vaccinati per viaggiare.

Da oggi gli australiani potranno viaggiare in Nuova Zelanda con voli “zona verde” senza chiedere l'esenzione dall'attuale divieto di viaggio. La Nuova Zelanda è l'unico paese in cui gli australiani possono volare senza questa esenzione. Non è richiesta alcuna vaccinazione per il viaggio, tuttavia i passeggeri saranno tenuti a fornire le informazioni di contatto per il loro tempo in Nuova Zelanda.

37 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *