47 passeggeri risultano positivi dopo il volo all'estero

Un nuovo triste record è caduto a più di un anno da quando la pandemia di coronavirus ha iniziato a diffondersi con il maggior numero di passeggeri su un singolo volo registrando un test positivo.

La compagnia aerea indiana Vistara detiene il nuovo record dopo 47 passeggeri su 188 su un volo da Delhi a Hong Kong è risultato positivo.

La compagnia aerea indiana Vistara ha decollato il volo 6395 il 4 aprile sul volo di cinque ore fiduciosa del viaggio dopotutto i passeggeri a bordo sono risultati negativi al virus entro un periodo di 72 ore prima del volo.

Ma dopo l'arrivo a Hong Kong, dove tutti i passeggeri provenienti dall'estero devono entrare in quarantena obbligatoria in hotel, i casi sono esplosi.

Sei passeggeri sono risultati positivi all'arrivo a Hong Kong ma ce ne sarebbero di più. Ci sono stati 25 casi legati al volo entro la fine della prima settimana e altri 22 passeggeri sono risultati positivi a quasi due settimane dall'arrivo.

The Hindustan Times riferisce che dopo che il virus si è diffuso tra i passeggeri, Hong Kong ha sospeso tutti i voli in collegamento con l'India.

Fonti hanno riferito alla pubblicazione che Hong Kong ha “sospeso anche i voli da e per il Pakistan e le Filippine” per un periodo di due settimane.

Un portavoce di Vistara ha affermato che “tutte le linee guida emesse dalle autorità indiane e dei paesi di destinazione per tutti i voli” sono state rispettate “inclusi tutti i voli charter da e per Hong Kong” .

Sul sito web della compagnia aerea, accoglie i viaggiatori di ritorno ma avverte: “Sebbene prenderemo tutte le precauzioni necessarie, è imperativo che coloro che viaggiano con noi seguano anche precauzioni personali e misure di sicurezza tutti facendo la nostra parte per essere al sicuro e far sentire di nuovo al sicuro il volo. ”

La situazione in India continua a peggiorare.

Lunedì, il governo ha aperto la campagna di vaccinazione COVID-19 a tutti gli adulti da maggio, mentre la vasta nazione combatte contro un picco record di infezioni che ha costretto la capitale a una settimana -lungo blocco.

Il blocco incombente ha scatenato una cotta in un importante terminal degli autobus di Nuova Delhi, con decine di migliaia di lavoratori migranti che cercavano di sfuggire alle restrizioni – alimentando i timori che potessero diffondere il virus nelle loro città natali rurali .

L'India, che attualmente limita i colpi a chi ha più di 45 anni, ha avviato la campagna di inoculazione a metà gennaio e finora ha somministrato più di 123 milioni di colpi.

Ma esperti hanno chiesto un'implementazione più rapida per combattere l'impennata, che ha messo a dura prova il sistema sanitario già sovraccarico del vasto paese.

Poiché gli aumenti giornalieri del carico di lavoro sono scesi al di sotto di 9000 a febbraio, i numeri sono cresciuti è salito alle stelle, con un nuovo record di 273.810 contagi lunedì per portare il totale a 15,06 mi llion, secondo solo agli Stati Uniti.

News.com.au la scorsa settimana ha riferito che più di 1 milione di casi sono stati registrati in una sola settimana ad aprile, quando il bilancio giornaliero delle vittime dell'India ha superato il 1000 per la prima volta da allora metà ottobre.

Centinaia di persone sono risultate positive al test nel sito della più grande festa religiosa del mondo.

Il virus è stato rilevato in più di 1000 persone in sole 48 ore in la città di Haridwar, che si trova lungo il fiume sacro dove si sta osservando il festival Kumbh Mela, hanno detto i funzionari.

Gli esperti danno la colpa a eventi religiosi massicci, manifestazioni politiche fitte in stati vincolati ai sondaggi e luoghi pubblici affollati.

Mercoledì scorso il governo ha rinviato gli esami di scuola superiore per i ragazzi dai 15 ai 18 anni, che si sarebbero tenuti a maggio-giugno, in mezzo alla recrudescenza del virus.

– Con AFP

46 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *