Prossimo rapporto sugli UFO e le sue implicazioni per la teoria delle origini umane

L'anno scorso gli Stati Uniti hanno firmato 5.500 pagine di legislazione, la maggior parte delle quali si occupava di stimolo economico. Ma si trattava anche di qualcos'altro: gli UFO! Le rivelazioni hanno implicazioni esplosive che ci indurranno a riesaminare i nostri paradigmi scientifici delle origini umane. Da dove veniamo? Questa è probabilmente la domanda più fondamentale all'interno della condizione umana e, anche per tentare di rispondere, dobbiamo esplorare l'origine di tutta la vita sulla Terra.

La legislazione conteneva l'Intelligence Authorization Act per l'anno fiscale 2021. Nella sezione dei commenti del comitato c'è un'intestazione intitolata “Minacce aeree avanzate”. La disposizione prevede che il Direttore dell'intelligence nazionale collabori con il Segretario della Difesa per creare un rapporto dettagliato, il cosiddetto rapporto UFO, che rivela tutto ciò che il governo sa sugli oggetti volanti non identificati (UFO), un soprannome che hanno ora scartato a favore. di altri come “fenomeni aerei non identificati” (UAP) o “veicoli aerei anomali” (AAV).

Nel 2020, la Marina degli Stati Uniti ha confermato che tre video che circolavano su Internet erano effettivamente autentici e sono stati catturati dai piloti di jet della Marina. La portavoce del Pentagono, Sue Gough, ha ammesso che le immagini dei veicoli luminosi e in rapido movimento, una a forma di sfera, un'altra a forma di ghianda, un “dirigibile metallico” e molti altri, sono state studiate dalla neonata Unidentified Aerial Phenomena Task Forza (UAPTF).

Abiogenesi e origine della vita della Terra

L'abiogenesi è la narrativa prevalente, sebbene altamente speculativa e controversa, sull'origine della vita sulla Terra. In sostanza, questa teoria sostiene che nel corso di milioni di anni di processi evolutivi primordiali, la materia non vivente sia passata in cellule viventi. Quindi, forme di vita semplici e cellulari iniziarono gradualmente a svilupparsi, attraverso la selezione naturale, e dopo epoche di mutazione / adattamento genetico guidato dalla competizione, nacquero una miriade di specie biodiverse.

  • L'evoluzione ci dice che potremmo essere l'unica vita intelligente nell'universo
  • Our Cosmic Ancestry in the Stars: The Deepest Questions

Questa teoria è stata sostenuta dagli anni '50 come fatto scientifico, ei suoi sostenitori indicano una serie di esperimenti degli anni '50 in cui alcuni amminoacidi sono stati sintetizzati con successo da composti inorganici. Il problema è che alcuni amminoacidi non sono lontanamente equivalenti alle proteine necessarie per costituire anche la vita cellulare più elementare, e quindi, anche queste proteine sono molto al di sotto della meravigliosa complessità che è una cellula vivente. In effetti, più la biotecnologia molecolare avanza, così anche la nostra comprensione di quanto siano incredibilmente complesse le cellule.

La panspermia diretta è la teoria secondo cui una specie intelligente ha inoculato intenzionalmente il nostro pianeta per stimolare lo sviluppo della vita. ( iweta0077 / Adobe Stock)

Panspermia e panspermia diretta: teorie sull'origine alternativa della vita

In alternativa, la teoria della panspermia sostiene che la vita sia sorta altrove nell'universo, attraverso processi non specificati, e sia stata poi diffusa sul pianeta Terra da un mezzo come un asteroide, una cometa, un meteorite o una polvere spaziale. Studi moderni e definitivi hanno concluso che esistono molecole organiche complesse all'interno di questo sistema solare e nello spazio interstellare. È quindi molto probabile che questi elementi costitutivi fondamentali della vita siano arrivati qui attraverso questi meccanismi.

La panspermia diretta, d'altra parte, può essere definita come il trasporto deliberato di vita organica complessa attraverso lo spazio con l'obiettivo di introdurre specie su oggetti astronomici privi di vita, ma abitabili. In altre parole, una specie intelligente, che utilizza l'alta tecnologia, inoculando intenzionalmente pianeti o lune per stimolare lo sviluppo della vita.

Questa non è fantascienza. Scienziati di fama mondiale e acclamati come Francis Crick, Leslie Orgel, Sydney Brenner e molti altri, sostengono questa teoria e hanno pubblicato ampi studi sull'argomento. Vale la pena ricordare che Brenner ha condiviso un premio Nobel per il suo lavoro sulla decifrazione del codice genetico e che Francis Crick (insieme a James Watson) ha scoperto l'elica del DNA, ha vinto il premio Nobel e ha dato vita alla scienza genetica come la conosciamo.

Disclaimer darwiniano e Definition of Life

È importante sottolineare che la vita stessa non è facilmente definibile. Esistono centinaia di definizioni e, in alcuni casi, interi capitoli sono stati dedicati esclusivamente alla definizione di questa parola / concetto fondamentale. Secondo i biologi moderni Jane Reece e Neil Campbell, “il fenomeno che chiamiamo vita sfida una semplice definizione di una frase”. La definizione preferita dalla NASA è che la vita è un “sistema chimico autosufficiente capace di evoluzione darwiniana”. In altre parole, la vita è “materia che può riprodursi ed evolversi secondo i dettami della sopravvivenza”.

Questo ci porta a Charles Darwin. Il favoreggiamento della panspermia diretta o indiretta non dovrebbe essere interpretato erroneamente come una rivolta contro il concetto di evoluzione darwiniana. Sfortunatamente, l'evoluzione darwiniana ha accumulato una grande quantità di connotazioni e presupposti che intrecciano le origini della vita, accanto al processo mediante il quale la vita si adatta al suo ambiente.

Si ritiene comunemente che l'origine delle specie di Darwin sia un fatto scientifico consolidato. Il processo di evoluzione, ovvero le mutazioni / adattamenti genetici guidati dalla selezione naturale, è una scienza ben consolidata. Tuttavia, questo processo come origine di tutta la vita, non è affatto un fatto scientifico. Inoltre, ci sono forti prove negli studi moderni di biologia molecolare che la natura competitiva di questo processo è stata sovrastimata e che il processo potrebbe essere molto più simbiotico.

Mentre l'origine delle specie di Darwin è considerata un fatto scientifico consolidato, il processo di evoluzione come origine di tutta la vita non lo è. ( Mario Breda / Adobe Stock)

The Dawn of Man: Evolutionary Theory of Man

La letteratura di studi genetici indica che i primati si sono discostati dai mammiferi circa 85 milioni di anni fa. Poi le varie sottofamiglie delle grandi scimmie divergono da 15 a 20 milioni di anni fa. Da lì, si ipotizza che una transizione dalla locomozione al bipedismo sia avvenuta da sei a sette milioni di anni fa. Questa transizione teorica ha permesso ai primi antenati umani di migrare in tutto il mondo. Tuttavia, alcuni antropologi che studiano lo sviluppo del bipedismo, hanno affermato che questa evoluzione dell'andatura da sola non avrebbe potuto dare sufficiente potere a questi primati per aprirsi a ventaglio in tutto il mondo.

Questi professionisti hanno scoperto che il bipedismo, la costruzione di strumenti e la manipolazione del fuoco sarebbero stati necessari per ottenere la diffusione degli antenati umani. Si ritiene inoltre dalle principali autorità che questi progressi abbiano innescato una rapida encefalizzazione (crescita perpetua del cervello), a partire da circa due milioni di anni fa. Infine, abbiamo esseri umani arcaici e moderni che emergono da un complicato albero di specie di ominidi che si incrociano circa 400.000 – 200.000 anni fa.

Ipotesi del cosiddetto astronauta antico

I pensatori della Grecia antica come Platone, Pitagora e molti altri, scrissero in modo molto dettagliato su come le divinità della mitologia fossero reali, avessero avviato i processi naturali e inoculato il pianeta con la vita. Naturalmente, queste idee sono arrivate dopo migliaia di anni di credenza paradigmatica nei pantheon delle divinità come creatori dell'umanità e del mondo. Questi paradigmi religiosi furono in gran parte relegati alla mera tradizione con l'ascesa del darwinismo e la rivoluzione industriale.

  • Cosa vedevano gli antichi? Oggetti volanti non identificati che hanno avuto un impatto sulla storia antica
  • Pensare in modo critico agli UFO: sono davvero pilotati da extraterrestri?

Esiste un incontro di morte ideologico vecchio di secoli tra visioni del mondo religiose e scientifiche che ha preso piede durante il Rinascimento quando le autorità della Chiesa romana hanno risposto alle esplorazioni scientifiche condannando loro e le loro idee sotto la minaccia di morte e la scomunica. A metà del ventesimo secolo, gli autori di storia alternativa iniziarono a pubblicare libri su artefatti fuori luogo e quindi rese popolari una fusione di scienza e mitologia che è diventata nota come l'ipotesi dell'antico astronauta.

Questo concetto afferma che le divinità della mitologia antica erano in realtà specie non umane intelligenti, che utilizzavano la tecnologia avanzata per stabilire la vita sulla Terra e tramandarono le arti e le scienze della civiltà all'umanità in un lontano passato. Questa divulgazione mainstream è stata alimentata, in parte, da una raccolta sempre crescente di avvistamenti da parte di persone in tutto il mondo di fenomeni aerei anomali e dai progressi compiuti nei campi relativi all'aerospaziale.

L'ipotesi dell'antico astronauta postula che le divinità della mitologia antica fossero specie intelligenti e non umane che arrivarono all'umanità in un lontano passato. ( danielegay / Adobe Stock)

L '”eresia” del credere nelle divinità ultraterrene

Una divinità può essere definita come un essere soprannaturale che ha la capacità di influenzare le forze della natura, osserva l'umanità e periodicamente interviene nelle vicende degli esseri umani. È interessante notare che, secondo questa definizione, una specie anziana che osserva e occasionalmente interagisce con la civiltà umana, rientra ampiamente nei parametri della probabilità scientifica. Anche con innumerevoli avvistamenti, prove fisiche dell'alta tecnologia nei tempi antichi e le postulazioni di grandi pensatori come Crick, Newton, Einstein, Tesla, Pitagora, Platone, l'idea che tali “divinità” o forme di vita anziane siano, almeno, presente in modo intermittente, e l'osservazione della civiltà dell'umanità, è spesso accolta da scherno e scetticismo al vetriolo.

La maggior parte degli oppositori di questo concetto, che ne siano consapevoli o meno, sono stimolati da un ragionamento imperfetto alimentato per via endovenosa nella loro coscienza da zeloti evoluzionisti darwiniani che sono essi stessi colpevoli di pregiudizi di conferma e dissonanza cognitiva, se non apertamente cattiva condotta scientifica. Queste autorità erano molto dispiaciute per il lavoro del dottor Francis Crick e dei suoi colleghi, poiché la sua abilità intellettuale era, ed è, irreprensibile a causa della scoperta sua e di Watson dell'elica del DNA. Loro (le autorità oligarchiche) considerano queste teorie come un'eresia (tragicamente ironica), ed è per questo che ancora oggi il grande pubblico ne è per lo più inconsapevole.

AAV e Advanced Aerospace Threat Identification Program

In un'intervista televisiva con i corrispondenti della CBS, il senatore repubblicano degli Stati Uniti Marco Rubio (R-Fla.), Che all'epoca era il vicepresidente del comitato dei servizi segreti, ha spiegato che “la linea di fondo è che queste cose stanno volando sopra le tue basi militari e non sai cosa sono perché non sono tue e stanno esibendo – potenzialmente – tecnologie che non hai a tua disposizione, che per me è un rischio per la sicurezza nazionale e che dovremmo essere cerca in.” In dichiarazioni pubbliche come questa, i funzionari statali si avvicinano all'argomento come se questi potessero potenzialmente essere avversari stranieri che hanno compiuto salti tecnologici segreti.

Si comportano anche come se l'esercito americano non studiasse questi fenomeni da anni. Loro hanno. Creato nel 2007 e sciolto nel 2012, l'Advanced Aerospace Threat Identification Program è stato scoperto nel 2017. Era gestito dal funzionario dell'intelligence Louis Elizondo che ha chiesto pubblicamente la divulgazione dei risultati del progetto. Il programma è stato poi seguito dalla Unidentified Aerial Phenomena Task Force (UAPTF) nel 2020, sotto l'egida del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Sebbene l'esistenza del progetto sia stata resa pubblica, i suoi risultati e quelli dei programmi precedenti sono ancora classificati. Si spera che alcune delle informazioni, finanziate dai contribuenti, vengano alla luce con il rapporto che uscirà il 1 ° giugno 2021.

Nel 2017, gli astronomi hawaiani hanno scoperto il primo oggetto interstellare mentre attraversava il nostro sistema solare e lo hanno chiamato Oumuamua, che significa messaggero del lontano passato. (nagualdesign / CC BY-SA 4.0 )

Harvard's Top Astronomer e Oumuamua

Alla fine del 2017, gli astronomi hawaiani hanno scoperto il primo oggetto interstellare in assoluto mentre attraversava il nostro sistema solare. L'hanno chiamato Oumuamua. All'inizio è stata designata come una cometa, ma poi si è scoperto che non si adattava ai criteri per una cometa, quindi l'hanno cambiata in un asteroide. Ma poi, si sono resi conto che proveniva dall'esterno del nostro sistema solare e quindi aveva bisogno di una sua nuova designazione come oggetto interstellare.

Il nome stesso è hawaiano e si traduce approssimativamente in “messaggero dal lontano passato”. Avi Loeb è il presidente del dipartimento di astronomia di Harvard che ha sottolineato con coraggio che l'oggetto si sta muovendo troppo velocemente per essere una roccia inerte e non emette getti di vapore come una cometa. La sua posizione è che non può essere un pezzo di roccia come è stato suggerito e, a suo parere di esperti, l'unico scenario che si adatta ai dati è un oggetto che ha avuto origine da un'altra civiltà intelligente. Loeb ha anche sottolineato che è arrogante credere che siamo soli nell'universo, o anche una specie particolarmente unica.

Opinioni di esperti sull'intelligenza extraterrestre dei Moonwalkers

L'astronauta dell'Apollo Al Worden è apparso a Good Morning Britain alcuni anni fa. Prima che lo spettacolo finisse, l'ospite gli ha chiesto se credeva negli extraterrestri. Worden ha risposto di sì, e che sapeva che esistevano perché li vedeva tutti i giorni. I padroni di casa risero, interpretando erroneamente la sua dichiarazione come uno scherzo. Ma non stava scherzando e glielo disse. Ha continuato spiegando che, secondo la sua opinione esperta, nel lontano passato preistorico, una specie intelligente ha seminato la vita sulla Terra. Ha quindi suggerito di leggere la mitologia sumera prima che l'ospite volasse nel panico, ponendo fine al programma.

  • Gli astronomi che studiano l '”astronave aliena” di Oumuamua ne identificano le origini interstellari
  • La vita intelligente è ESTREMAMENTE IMPROBABILE essere là fuori!

Un altro astronauta che cammina sulla luna, Buzz Aldrin, ha dichiarato pubblicamente che un oggetto anomalo di 200 metri su Marte è, secondo la sua opinione esperta, la prova di un non umano civiltà. Ma forse il più intrigante dei moonwalker è Edgar Mitchell e la sua e-mail che è stata scoperta dalle rivelazioni di Wikileaks. In un'e-mail inviata da Mitchell al campo di Clinton mentre Hillary Clinton era Segretario di Stato e si candidava alla presidenza, Mitchell ha scritto: “Ricorda, il nostro ETI non violento dell'universo contiguo ci sta aiutando a portare l'energia del punto zero sulla Terra. Non tollereranno alcuna forma di violenza militare sulla Terra o nello spazio “. ETI è l'abbreviazione di intelligenza extraterrestre e l'energia del punto zero è una fonte di energia pulita e inesauribile.

Cosa significa il rapporto UFO per i paradigmi di origine umana?

Quali conclusioni si possono trarre da questa inversione di 180 gradi da parte del governo degli Stati Uniti e che impatto ha sui paradigmi di origine umana? Prima di tutto, la posizione a lungo sostenuta dal governo degli Stati Uniti secondo cui questi UFO sono semplicemente illusioni aeree / ottiche fraintese è stata per tutto il tempo una completa farsa. Nessuna sorpresa per il ricercatore esigente. Inoltre, sembra che alcuni degli scettici al vetriolo menzionati in precedenza siano in attesa di un lungo, umiliante, alimentato forzato, banchetto di cornucopia di carne di corvo fredda.

Ma ciò che queste rivelazioni significano veramente è che teorie come quelle di Francis Crick, James Watson, Sydney Brenner, Leslie Orgel e altri vengono enormemente rafforzate. Una cosa è ipotizzare che da qualche parte là fuori, nei confini lontani dell'universo (o multiverso), ci siano altre forme di vita intelligenti. Ma, se tali forme di vita sono presenti proprio qui, la probabilità della loro influenza sull'origine della vita su questo pianeta aumenta di diecimila volte.

In questo regno della scienza teorica esiste un concetto noto come paradosso di Fermi. Questo controverso paradosso postula che in base all'età dell'universo (circa 15 miliardi di anni), alle sue vaste dimensioni (così grandi che i suoi confini sono sconosciuti) e, dato ciò che sappiamo sul nostro sviluppo, l'universo dovrebbe collaborare con la vita intelligente o almeno disseminato di resti di esso. Se è così, perché non l'abbiamo trovato? A meno che, forse, non l'abbiamo fatto. Dovremo aspettare che il rapporto UFO UAPTF esca il 1 ° giugno 2021 per saperne di più!

Immagine in alto: cosa significa il rapporto sugli UFO per la teoria delle origini umane? Fonte: James Thew / Adobe Stock

Di Mark A. Carpenter

Riferimenti

Boyle, A. 10 ottobre 2016. “Come gli alieni e l'astronauta dell'Apollo Edgar Mitchell sono rimasti invischiati nelle e-mail di Wikileaks” in Geek Wire . Disponibile su: https://www.geekwire.com/2016/aliens-apollo-astronaut-edgar-mitchell-wikileaks/

Campbell, N. A. & Reece, J. B. 2005. Biology (7 ed.). San Francisco: Benjamin.

Kean, L., Cooper, H. & Blumenthal, R. 16 dicembre 2017. “Glowing Auras and Black Money: The Pentagon's Mysterious UFO Program” in The New York Times . Disponibile su: https://www.nytimes.com/2017/12/16/us/politics/pentagon-program-ufo-harry-reid.html

Keller, MA, Turchyn, Alexandra V. & Ralser, M. 25 marzo 2014. “Glicolisi non enzimatica e reazioni simili alla via dei pentoso fosfati in un plausibile oceano archeano” in Biologia dei sistemi molecolari . 10 (725): 725. Disponibile su: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4023395/

King, A. 14 aprile 2015. “Le sostanze chimiche formate sui meteoriti potrebbero aver iniziato la vita sulla Terra” in Chemistry World (Notizia). Londra: Royal Society of Chemistry. Archiviato dall'originale il 17 aprile 2015. Estratto il 17 aprile 2015. Disponibile su: https://www.chemistryworld.com/news/chemicals-formed-on-meteorites-may-have-started-life-on-earth/8448 .articolo

Luttermoser, D. G. 2012. “ASTR-1020: Appunti delle lezioni del corso di astronomia II, sezione XII” (PDF). East Tennessee State University.

Orlic, C. 9 gennaio 2013. “The Origins of Directed Panspermia” in Scientific American . Disponibile su: https://blogs.scientificamerican.com/guest-blog/the-origins-of-directed-panspermia/

Selk, A. 4 febbraio 2019. “Il miglior astronomo di Harvard dice che una nave aliena potrebbe essere tra noi e non gli importa cosa pensano i suoi colleghi” in Washington Post . Disponibile su: https://www.washingtonpost.com/lifestyle/style/harvards-top-astronomer-says-an-alien-ship-may-be-among-us–and-he-doesnt-care-what- i-suoi-colleghi-think / 2019/02/04 / a5d70bb0-24d5-11e9-90cd-dedb0c92dc17_story.html

Shklovskii, I. S. & Sagan, C. 1966. Vita intelligente nell'universo . New York: Dell.

Stapledon, O. 2008. Last and first men (Unabridged republ. Ed.). Mineola, N.Y .: Dover Publications. p. 238.

Thebault, R. 23 marzo 2021. “Grazie al disegno di legge Covid dell'era Trump, un UFO potrebbe presto essere pubblico e sarà grande, dice un ex funzionario” in Il Washington Post . Disponibile su: https://www.washingtonpost.com/national-security/2021/03/23/ufo-report-covid-bill/

56 Views
(Visited 3 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *