Giuliani dice che le forze dell'ordine stanno “cercando di incastrarlo”

L'ex avvocato personale di Donald Trump, Rudy Giuliani, si è scagliato contro le autorità federali degli Stati Uniti, sostenendo che stanno “cercando di incastrarlo” per un crimine.

Investigatori giovedì scorso ha eseguito un mandato di perquisizione presso la casa e l'ufficio del signor Giuliani a New York City e ha sequestrato diversi dispositivi elettronici.

Secondo quanto riferito, stanno esaminando se abbia violato la legge facendo pressioni sul governo degli Stati Uniti per conto di funzionari stranieri senza rivelando tale relazione al Dipartimento di Giustizia, come richiesto dal Foreign Agents Registration Act.

Giuliani, un ex procuratore che ha servito come sindaco di New York dal 1994-2001, ha guidato il team legale di Trump nella sua infruttuosa sforzi per ribaltare il risultato delle elezioni presidenziali dello scorso anno in tribunale.

Prima di allora, ha avuto un ruolo di primo piano nella serie di eventi che hanno portato alla prima impeachment di Trump, mentre cercava di fare rifiuti sull'allora candidato presidenziale Joe Biden e suo figlio Hunter in Ucraina.

CORRELATI: Mattina presto raid nell'appartamento di Rudy Giuliani

Parlando a Fox News oggi, Giuliani ha detto che la decisione delle forze dell'ordine di fare irruzione nella sua casa ha dimostrato che erano “fuori controllo”.

“Verso le 6 del mattino, ci sono stati colpi alla mia porta, colpi molto forti e fuori c'era un gruppo di un numero infinito di agenti dell'FBI”, ha detto.

“Di solito, un persona che è stata un ex assistente procuratore degli Stati Uniti, un procuratore degli Stati Uniti, un sindaco, il procuratore generale associato – di solito ricevono un mandato di comparizione, non hanno la loro casa perquisita.

“Gli unici avvocati che fanno irruzione sono avvocati per Donald Trump. Non riesco a pensare a un altro avvocato che è stato perquisito diverso dagli avvocati di Trump.

“Trump è in una categoria speciale perché non ha diritti costituzionali.”

Autorità ha anche indagato sul precedente avvocato di Trump, Michael Cohen, che alla fine si è dichiarato colpevole di violazioni del finanziamento della campagna, frode fiscale e frode bancaria.

Le spese per il finanziamento della campagna riguardavano più di $ 100.000 di pagamenti che Cohen ha effettuato a un l'attrice di film per adulti, Stephanie Clifford, per farla tacere su una presunta relazione con Trump prima delle elezioni del 2016.

Cohen ha detto di aver effettuato i pagamenti su indicazione di Trump. L'ex presidente nega, e anzi nega che ci sia stata una relazione del genere in primo luogo. La signora Clifford, da parte sua, dice che il signor Trump sta mentendo.

CORRELATO: La porno star rivela rimpianti per l'incontro con Trump

Il raid Giuliani è stato un evento raro

Il signor Giuliani ha ragione che è raro affinché gli investigatori perquisissero l'abitazione e l'ufficio di un avvocato.

Per ottenere il mandato di perquisizione, dovevano persuadere un giudice che c'erano motivi sufficienti per ritenere che i luoghi contenessero prove di un crimine.

“Mi hanno mostrato un mandato che cercava l'elettronica nel mio appartamento e si presumeva riguardasse una presunta violazione della legge sulla registrazione degli agenti stranieri per mancata presentazione come agente straniero per conto di un anonimo funzionario ucraino”, ha detto Giuliani Fox News, sottolineando di “non averlo mai fatto”.

“Sono un avvocato da 51 anni, precedentemente gestivo quell'ufficio”. (In precedenza era un avvocato statunitense per il distretto meridionale di New York.)

“Conosco il diritto penale e non lo violo.”

Ha detto che non c'era “assolutamente no uno “aveva rappresentato che avrebbe potuto metterlo nei guai con la legge in questione.

” Non c'è modo sulla Terra che qualcuno possa dire la verità che stavo agendo come un agente straniero, “Ha detto Giuliani.

” Né hanno alcuna prova che abbia cercato di influenzare il governo per conto dei clienti.

“Sono al di là della capacità di controllare il loro pensiero razionale o la loro decenza, e hanno una seria, seria questione etica, guidata dalla sindrome di Trump Derangement.

“Stanno cercando di incastrarmi. Stanno cercando di trovare qualcosa che possano trasformare in un crimine, qualche violazione tecnica, qualche errore che ho fatto. “

Centri investigativi sulla rimozione dell'ambasciatore ucraino

Nel 2019, Trump si stava preparando per la sua campagna per la rielezione. Il Sig. Biden, che alla fine lo ha battuto ed è ora Presidente, è stato visto come il suo più probabile avversario.

Il Sig. Giuliani ha dedicato molto tempo alla ricerca di informazioni che potessero danneggiare il Sig. Biden, concentrandosi in particolare sui rapporti d'affari di suo figlio Hunter, che aveva prestato servizio nel consiglio di una compagnia energetica chiamata Burisma in Ucraina mentre suo padre era vicepresidente.

I pubblici ministeri sarebbero interessati al ruolo svolto da Giuliani nello spingere il signor Trump a licenziare l'allora -Ambasciatrice degli Stati Uniti in Ucraina, Marie Yovanovitch. Il signor Trump alla fine l'ha rimossa, nel maggio del 2019.

“Mentre faceva pressioni sui funzionari ucraini per indagare sui Biden, Giuliani si è fissato sulla rimozione dell'ambasciatore, che vedeva come un ostacolo ai suoi sforzi, “ Il New York Times ha riferito di quando ha dato la notizia della ricerca della scorsa settimana.

” Nell'ambito dell'indagine in Giuliani, i pubblici ministeri hanno esaminato se stesse lavorando non solo per il signor Trump, ma anche per funzionari o aziende ucraine che volevano che l'ambasciatore fosse licenziato per le loro ragioni. “

Nel frattempo, Il Times è tra i più organi di stampa che hanno pubblicato correzioni nei giorni scorsi, ritrattando i rapporti secondo cui l'FBI aveva avvertito Giuliani di essere oggetto di un'operazione russa per influenzare il Elezioni statunitensi nel 2019.

Gli altri canali erano NBC News e The Washington Post . La NBC ora afferma che era stato preparato un briefing per il signor Giuliani, ma non gli è mai stato consegnato, in parte a causa delle preoccupazioni che avrebbe complicato le indagini sulle sue azioni.

Il signor Giuliani ha risposto alle correzioni chiedendo ai punti vendita di rivelare “Le loro fonti che hanno mentito e preso di mira un cittadino americano”.

36 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *