La morte orribile del laureato in giurisprudenza

Una laureata in giurisprudenza britannica è stata uccisa a colpi d'arma da fuoco in Pakistan dopo che due uomini hanno litigato per lei, si sostiene.

Mayra Zulfiqar, 26 anni, sarebbe stata colpita e strangolata da sospetti che ieri hanno fatto irruzione nel suo appartamento a Lahore.

La sig.ra Zulfiqar si era trasferita in Pakistan solo due mesi fa dal Regno Unito, dove era una studentessa di legge alla Middlesex University e ha continuato a lavorare come assistente legale presso lo studio legale Duncan Blackett.

Aveva affittato un appartamento con un amico nella zona della Difesa di Lahore, dove è stata scoperta morta accanto al suo telefono, secondo i rapporti locali.

Un esame preliminare post mortem ha rivelato che la vittima era stata strangolata e colpita da colpi di arma da fuoco – con cicatrici trovate anche sul suo corpo.

Secondo la polizia di Lahore, i sospetti sono entrati in casa e l'hanno uccisa.

Nei documenti legali depositati dallo zio della donna, si presume che due amici della vittima stessero tentando di costringerla a sposarsi, ma lei li aveva rifiutati entrambi.

Secondo il documento, anche sua nipote era venuta a casa pochi giorni prima dell'incidente lamentandosi che due uomini La stavano minacciando e molestando.

L'ufficiale di stazione Qasim, della polizia di Lahore, ha detto che la donna si è recata in Pakistan dal Regno Unito per partecipare a un matrimonio, ma non è tornata.

Ha aggiunto : “La donna aveva una ferita da arma da fuoco alla spalla, ma la causa esatta della morte sarà nota dopo il suo rapporto post mortem e forense, se la morte era dovuta a una ferita da arma da fuoco o se la sua gola è stata strangolata.”

Qasim ha detto che lo zio della donna aveva registrato una denuncia legale alla polizia.

Altri due uomini sono stati indagati dalla polizia perché sospettati di assistere i presunti assassini. La polizia non ha ancora effettuato alcun arresto.

La scena del crimine è stata isolata mentre gli esperti forensi indagano.

Questa storia è stata pubblicata da The Sun e riprodotta con autorizzazione.

41 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *