Trump interviene personalmente per spingere a cacciare Liz Cheney

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump è intervenuto personalmente nel tentativo di cacciare il suo più accanito critico repubblicano dalla sua posizione di leadership, sostenendo pubblicamente la donna che spera di accettare il suo lavoro.

L'obiettivo di Trump è la deputata del Wyoming Liz Cheney, il cui ruolo di presidente della conferenza repubblicana la rende il terzo membro più alto del partito alla Camera dei rappresentanti.

Ms Cheney, figlia dell'ex vicepresidente Dick Cheney , è una conservatrice convinta, ma le sue critiche a Trump dopo la rivolta del Campidoglio del 6 gennaio e le denunce pubbliche delle sue bugie sulle elezioni del 2020 hanno innescato uno sforzo per rimuoverla dalla presidenza della conferenza.

Come abbiamo scritto ieri, quello sforzo sta guadagnando slancio e sembra certo che avrà successo.

CORRELATO: Spettacolare caduta della nemesi repubblicana di Trump

Mr Trump non è stato timido nello sbattere la signora Cheney, e questa mattina l'ha attaccata di nuovo in due dichiarazioni separate.

“Guerrafondaio Li z Cheney, che praticamente non ha più sostegno nel grande stato del Wyoming, continua a dire inconsapevolmente e scioccamente che non ci sono state frodi elettorali nelle elezioni del 2020 quando in realtà le prove, comprese le approvazioni legislative richieste dalla Costituzione, mostrano che esattamente l'opposto “, ha detto nella prima dichiarazione.

Nota a margine: Trump alludeva a un argomento che ha avanzato più volte dopo le elezioni, secondo cui alcuni stati hanno infranto la legge modificando le loro regole per far sì che il voto posta più facile senza l'approvazione delle legislature statali.

La questione è stata oggetto di controversia nel periodo post-elettorale ei giudici hanno respinto l'argomento di Trump. In Wisconsin, ad esempio, il giudice del tribunale distrettuale Brett Ludwig ha stabilito che era “contrario sia al semplice significato del testo costituzionale che al buon senso”.

Continuando la sua dichiarazione, Trump ha continuato a far saltare in aria il suo ex vizio il presidente Mike Pence e il leader della minoranza del Senato repubblicano Mitch McConnell.

“Se Mike Pence avesse rinviato le informazioni su sei stati (ne servono solo due) alle legislature statali e avesse ha fatto saltare due seggi in Georgia che non avrebbero mai dovuto essere persi) ha combattuto per esporre la corruzione che è stata presentata all'epoca, con più scoperte da allora, avremmo avuto un risultato presidenziale molto diverso e il nostro paese non si sarebbe trasformato in un incubo socialista ! ” ha detto.

“Non mollare mai!”

CORRELATI: I rivoltosi del Campidoglio volevano giustiziare Mike Pence

Il signor Pence ha presieduto la sessione congiunta del Congresso in cui i voti elettorali sono stati formalmente contati il 6 gennaio. Questo è stato il processo che migliaia di sostenitori di Trump hanno cercato di fermare assaltando violentemente il Campidoglio.

Trump ha affermato che il signor Pence aveva il potere di respingere unilateralmente i risultati di alcuni stati oscillanti vinti da Joe Biden, consentendo ai legislatori statali controllati dai repubblicani di dare a lui i voti elettorali invece.

Si era sbagliato. Il signor Pence non aveva tale autorità e avrebbe infranto la legge se avesse rispettato le richieste del signor Trump di intervenire.

L'ex presidente ha anche torto riguardo al bisogno di “due” stati per voltare pagina dal sig. La colonna di Biden per modificare il risultato elettorale.

Il conteggio dei voti elettorali è stato di 306-232 a favore di Biden. Il signor Trump era almeno tre stati a corto di vittorie, e forse quattro, a seconda di quali stati teoricamente capovolgi.

I due Senato i seggi menzionati da Trump durante il suo colpo di fortuna a McConnell erano in gioco in un paio di elezioni speciali in Georgia il 5 gennaio.

Entrambe sono state vinte da candidati democratici, che hanno sconfitto i repubblicani in carica. Di conseguenza, il Senato è ora diviso in 50-50 e il vicepresidente Kamala Harris detiene il voto decisivo.

Di chi è la colpa? Il signor Trump ha la sua teoria. L'onorevole McConnell ne avrebbe senza dubbio un altro. Dipende da chi chiedi.

Ad ogni modo, un paio d'ore dopo quella prima dichiarazione, il signor Trump ha fatto un altro passo avanti e ha concluso il discorso appoggiando un'altra deputata repubblicana, Elise Stefanik di New York, a prendere la signora Cheney lavoro come presidente della conferenza.

“Liz Cheney è una sciocca guerrafondaia che non ha nulla a che fare con la leadership del Partito Repubblicano”, ha detto Trump.

“Vogliamo leader che credano nel Make American Great Again Movement, e dai la priorità ai valori di America First.

“Elise Stefanik è una scelta di gran lunga superiore e ha il mio appoggio COMPLETO e TOTALE per la sedia da conferenza. Elise è un comunicatore duro e intelligente! “

La signora Stefanik era tra i 147 repubblicani della Camera che si erano opposti ai risultati del collegio elettorale il 6 gennaio, votando essenzialmente per ribaltare la vittoria di Biden. Puoi capire perché il signor Trump la preferisce alla signora Cheney.

Le possibilità della signora Cheney di mantenere il suo lavoro sono svanite nelle ultime 48 ore, con il leader della minoranza domestica Kevin McCarthy che si rifiuta di difenderla.

“Ho sentito da membri preoccupati per la sua capacità di svolgere il lavoro di presidente della conferenza, per portare avanti il messaggio”, ha detto McCarthy a Fox News ieri.

“Dobbiamo tutti essere lavorare all'unisono se riusciamo a ottenere la maggioranza.

“Non ho sentito membri preoccupati per il suo voto sull'impeachment. È più preoccupato per la capacità lavorativa e qual è il nostro miglior passo avanti che possiamo lavorare tutti insieme, invece di attaccarci a vicenda. “

Poche ore dopo, Axios riferì che il signor McCarthy era stato catturato in un hot mic prima del segmento televisivo, dove era un po 'più schietto.

“Penso che lei abbia dei problemi reali”, ha detto al co-conduttore Steve Doocy fuori onda.

“Io ce l'ho con – ce l'ho con lei. Sai, ho perso la fiducia. “

Oggi, il membro del Congresso repubblicano Andy Biggs ha segnalato che la signora Cheney sarebbe andata sicuramente durante la sua apparizione su Fox News.

” Cosa è cambiato da febbraio ? ” ha chiesto l'ospite John Roberts, riferendosi a un precedente tentativo (fallito) di rimuoverla.

Un fattore cruciale, secondo il signor Biggs, è stato il ritiro del suo sostegno da parte del signor McCarthy.

” Ciò che è cambiato di più, tuttavia, è che ha continuato la sua invettiva contro il presidente Trump e coloro che sostengono il presidente Trump, e lo sta facendo da una posizione di presidente della conferenza “, ha spiegato.

Ha detto che la signora Cheney era” attaccando la base del Partito Repubblicano ”.

La signora Cheney ha ancora alcuni difensori. Ieri, il Wall Street Journal ha pubblicato un editoriale che respingeva la mossa di “epurarla”, dicendo che i leader repubblicani “non dovrebbero mentire sul 2020 per mantenere il loro lavoro “.

” Il signor McCarthy sa che la signora Cheney ha ragione. Le elezioni non sono state rubate, eppure Trump vuole che l'approvazione della sua affermazione rubata sia una cartina di tornasole per ogni candidato repubblicano. È lui che vuole riconquistare la sua campagna perdente “, ha scritto la redazione del giornale.

” La parte migliore della prudenza politica sarebbe che la signora Cheney ignorasse Trump. Ma il signor Trump non la ignorerà. Lunedì ha rilasciato quattro dichiarazioni e tre delle quattro erano attacchi ai compagni repubblicani.

“Potrebbe essere estromessa perché osa dire la verità agli elettori repubblicani, ea rischio politico personale.”

The Journal ha avvertito che i repubblicani sembreranno “sciocchi o peggio” agli elettori moderati se sceglieranno di “rifare il 2020 nel 2022”.

Anche una manciata di colleghi della signora Cheney al Congresso hanno difeso per lei.

“Ogni persona di coscienza traccia una linea oltre la quale non andrà: Liz Cheney si rifiuta di mentire”, ha detto il senatore Mitt Romney, un altro importante critico di Trump.

“Come mi ha detto uno dei miei colleghi repubblicani dopo il mio voto di impeachment: 'Non vorrei essere un membro di un gruppo che ha punito qualcuno per aver seguito la propria coscienza . '”

Il membro del Congresso Adam Kinzinger è stato uno dei soli 10 repubblicani della Camera a votare a favore dell'impeachment Trump per la rivolta del Campidoglio. La signora Cheney era un'altra.

“Il 6 gennaio, sia Kevin McCarthy che Liz Cheney hanno condannato le parole dell'ex ragazzo. Liz non ha cambiato tono come ha fatto Kevin velocemente “, ha detto oggi.

” Stanno cercando di rimuovere Liz per averti detto la verità. “

È sempre più chiaro, tuttavia, che la stragrande maggioranza del partito è contro di lei.

40 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *