Zanetti: 'Gravi problemi finanziari all'Inter'

Javier Zanetti ha confessato che l'Inter ha “seri problemi finanziari” e che i proprietari Suning avrebbero potuto vendere il club a “metà stagione” mentre la Super League era “un errore”.

Mentre i nerazzurri festeggiano attualmente il loro primo titolo di Serie A in 11 anni, i problemi rimangono e il direttore dello sport Zanetti li ha spiegati al quotidiano argentino La Nacion.

“Conte ha portato prima di tutto un'etica e una mentalità del lavoro. Ha convinto anche i giocatori più giovani che il suo progetto poteva davvero funzionare. Dal giorno in cui è arrivato, non è passato giorno senza che lui abbia pensato a come migliorare questa squadra. Ha convinto il club a seguirlo.

“C'era un po 'di scetticismo iniziale sul suo passato alla Juventus, ma hanno imparato ad amarlo. È concentrato sin dal primo giorno e ha accettato questa sfida come un vero interista. “

Zanetti ammette fino a che punto l'Inter stava lottando e avrebbe potuto vedere Suning salvarsi.

“È vero che il club avrebbe potuto essere venduto a metà stagione. Stavamo attraversando seri problemi finanziari, anche se non eravamo gli unici in un momento così difficile.

“Ho visto che come club possiamo ancora migliorare. L'allenatore ha fatto qualcosa di straordinario in due anni, ora tocca a noi migliorare il meccanismo interno e aspirare a qualcosa di più.

“I problemi finanziari rimangono e potrebbero volerci un paio d'anni per ritrovare quell'equilibrio. Abbiamo bisogno di persone allo stadio per rendere felici gli sponsor. In sostanza, un ritorno alla normalità.

“Non dobbiamo nasconderci, è un momento delicato, ma lo vogliamo per poter fare un passo avanti più grande. Ciò di cui abbiamo bisogno è una strategia di vasta portata che garantisca la sostenibilità a lungo termine. “

È stato anche a causa di questi problemi finanziari che l'Inter è stata una delle tre squadre italiane – insieme a Juventus e Milan – ad iscriversi alla Super League Europea.

“L'idea non è durata a lungo e i tifosi hanno dato la loro risposta”, ha aggiunto Zanetti. “Non intendo nemmeno solo i 12 club fondatori, ma i tifosi di tutto il calcio.

“È stato un errore e dobbiamo imparare dagli errori. È stato un errore, senza dubbio, ma sicuramente aiuterà la FIFA, la UEFA e i principali organi di calcio a unirsi ai club e trovare modi alternativi per migliorare il mondo del calcio. ”

51 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *