“Grande cifra”: numero spaventoso per l'Australia

Mentre l'India raggiunge il record giornaliero di infezioni da coronavirus e l'Australia litiga per divieti e voli di rimpatrio, è stato rivelato un altro numero devastante.

Almeno 170 minori non accompagnati sono tra gli australiani bloccati nel Paese crivellato di virus mentre lotta per contenere la sua seconda ondata.

Arriva dopo che venerdì a una commissione COVID del Senato sono state presentate prove “strazianti” da genitori di bambini che sono bloccati all'estero – alcuni per quasi due anni.

All'audizione COVID, i nuovi dati del Dipartimento degli Affari Esteri e del Commercio hanno mostrato un aumento del numero di australiani che vogliono tornare a casa.

Lynette Wood, prima assistente segretaria con il ministero degli Affari esteri e del commercio, ha detto di quegli australiani in India, circa 9500 sono bloccati e vogliono tornare a casa. Dei 9500, 950 sono classificati come vulnerabili.

CORRELATI: La donna rivela le ultime parole strazianti del padre

CORRELATI: Gli australiani bloccati all'estero portano frustrazioni all'ONU

Ma ciò che ha colpito una corda per molti sono stati i 173 bambini che sono rimasti bloccati in India senza un genitore o un tutore che li riportasse a casa. Stephen Dziedzic dell'ABC lo ha descritto come una “grande figura”.

Tra i soggetti vulnerabili vi sono “173 clienti registrati come minori di 18 anni in India al di fuori di un gruppo familiare – cioè, sono da soli e cercano di tornare in Australia “, ha detto la signora Wood.

Si ritiene che la maggior parte dei minori sia ospitata da altri membri della famiglia.

Alcuni genitori sono apparsi e hanno dato racconti devastanti di essere lontani dai loro figli.

Harjinder Singh Mandair era tra coloro che hanno detto al comitato di essere stato separato dal figlio di quattro anni da settembre 2019.

“Sua sorella è qui con noi e ogni di tanto in tanto facciamo una chat video con lui, ma non è all'altezza quando i bambini sono in una casa, in una famiglia e giocano insieme e si conoscono “, ha detto.

“Tutti quegli affetti e legami che un fratello e una sorella dovrebbero avere non stanno accadendo.”

Il professor Paul Kelly ha detto che il governo valuterà la situazione, ma attualmente i minori non accompagnati non sono ammessi per tornare a casa con i voli Qantas. L'unico modo per tornare a casa sono i voli di rimpatrio che non sono programmati fino al 15 maggio, quando il divieto di viaggio verrà sospeso.

“Anch'io ho figli e posso immaginare che questa sarebbe una situazione difficile per qualsiasi genitore”, professor Kelly ha detto.

“Tuttavia, avremo bisogno di esaminarli caso per caso come abbiamo fatto in tutto.

” Abbiamo avuto molti altri non accompagnati i minori provengono da molti paesi del mondo. “

L'Alto Commissario per l'India Barry O'Farrell ha detto che il governo ha aiutato 20 bambini a tornare a casa dall'India da dicembre.

Ha anche detto Air I voli per l'India potrebbero portare minori non accompagnati sui voli per l'Australia.

Il primo ministro Scott Morrison ha confermato venerdì che il controverso divieto di viaggio in India del governo sarebbe stato revocato il 15 maggio, aprendo la strada agli australiani per l'imbarco sui voli di rimpatrio.

Ma i posti non sono garantiti e il signor Morrison è stato accusato di aver lasciato indietro i bambini australiani.

Senatrice laburista Kristina Keneall y ha criticato il Primo Ministro, descrivendo la separazione tra le famiglie come “incredibile”.

“Quando i miei figli erano piccoli, trascorrevano le vacanze con i nonni che vivevano all'estero per poterli conoscere”, ha detto.

“È quello che hanno fatto questi genitori. Poi è scoppiata una pandemia che ha bloccato i loro figli in India. Scott Morrison ha appena lasciato indietro i loro figli.

“Che tipo di nazione lascia indietro i suoi figli in una crisi umanitaria?”

Al comitato, la sig.ra Keneally ha chiesto se il governo avesse preso in considerazione un volo misericordioso per prelevare minori non accompagnati e riportarli a casa dalle loro famiglie, con la signora Wood che risponde: “non abbiamo considerato un volo specifico”.

42 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *