Un detenuto della contea di Los Angeles ripreso in un video mentre aggredisce brutalmente la dipendente dello sceriffo

Una dipendente dello sceriffo della contea di Los Angeles è stata brutalmente aggredita mercoledì da una detenuta che le ha chiesto il permesso di usare il bagno prima di tirare una serie di pugni, hanno detto le autorità.

Arnulfo Meza, 29 anni, aveva la mano sinistra non assicurata dalla catena della vita al Centro di accoglienza dei detenuti quando ha ripetutamente preso a pugni una donna di 54 anni che lavorava come assistente alla custodia, lo sceriffo ha detto il dipartimento.

Le riprese di sicurezza dell'incidente mostrano la donna che si avvicina a Meza per porgergli la carta igienica quando lui le dà un pugno in testa. Mentre incespica per il colpo, lui sferra altri due pugni, facendola cadere a terra.

Mentre è a terra, Meza sferra altri due pugni, hanno detto le autorità.

Lui poi si avvicina con calma a una barella e la donna chiede assistenza. Diversi vicesceriffi rispondono in pochi secondi e Meza viene legata alla barella. Altri due detenuti giacevano sulle barelle quando è avvenuto l'attacco.

La donna è stata portata in ospedale per cure e rimane in condizioni stabili. Meza è stata portata in una zona di massima sicurezza. Affronta possibili accuse di aggressione e crimini d'odio, hanno detto le autorità.

L'ufficio dello sceriffo non ha specificato per cosa Meza è stato inizialmente incarcerato.

In un tweet in risposta al video, lo sceriffo Alex Villanueva hanno detto che i deputati spesso affrontano “situazioni difficili”.

“Il loro impegno al dovere e la disponibilità a fare sacrifici, a volte l'ultimo sacrificio, sono in linea con le più alte tradizioni del Dipartimento”, ha scritto Villanueva.

Questo articolo è apparso originariamente su Fox News ed è stato riprodotto con il permesso

37 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *