Cheney, estromesso dalla leadership, giura di continuare a combattere Trump

La deputata statunitense Liz Cheney ha promesso di fare tutto il possibile per impedire a Donald Trump di diventare di nuovo presidente dopo aver perso oggi la sua posizione di leadership nel Partito Repubblicano per essersi espresso contro di lui.

Fino a questa mattina, la sig.ra Cheney è stata presidente della conferenza repubblicana, che l'ha resa il terzo membro più alto del partito alla Camera dei rappresentanti.

Ma il suo rifiuto di smettere di contraddire pubblicamente le bugie di Trump sulle elezioni del 2020 ha spinto i suoi colleghi a muoversi contro di lei.

In una riunione di oggi, i membri della Camera Repubblicana hanno votato per rimuovere la sig.ra Cheney dal suo ruolo di leadership. Dovrebbe essere sostituita dalla membro del Congresso Elise Stefanik, una sostenitrice vocale di Trump, alla fine di questa settimana.

CORRELATO: “Se n'è andata”: la lenta caduta della nemesi di Trump

La sig.ra Cheney ha rilasciato brevi osservazioni ai colleghi prima della votazione, anche se il risultato non è mai stato messo in dubbio. È rimasta ribelle.

“Non possiamo lasciare che l'ex presidente ci trascini indietro e ci renda complici dei suoi sforzi per sbrogliare la nostra democrazia. Su questa strada si trova la nostra distruzione, e potenzialmente la distruzione del nostro paese “, ha detto.

” Se vuoi leader che consentano e diffondano le sue bugie distruttive, io non sono la tua persona. Hai molti altri tra cui scegliere. Questa sarà la loro eredità.

“Te lo prometto: dopo oggi, guiderò la lotta per riportare il nostro partito e la nostra nazione ai principi conservatori, per sconfiggere il socialismo, per difendere la nostra repubblica, per fare il partito degno di nuovo di essere il partito di (Abraham) Lincoln. “

Un precedente tentativo di estromettere la signora Cheney a febbraio fallì con un margine di 145-61. Questa volta non abbiamo un conteggio, in quanto vi è stata solo una votazione vocale invece di una votazione per appello nominale.

Poco dopo la riunione, la sig.ra Stefanik ha scritto ai suoi colleghi chiedendo il loro sostegno per sostituire la sig.ra Cheney come presidente di conferenza. È già stata sostenuta dal leader della minoranza della Camera Kevin McCarthy e, più significativamente, dal signor Trump.

CORRELATI: L'ascesa fulminea del nuovo alleato di Trump

L'ex presidente ha ripetutamente esortato i repubblicani della Camera ad abbandonare la sig.ra Cheney nella settimana precedente la sua rimozione, rilasciando denunce pubbliche nei suoi confronti sul suo blog.

L'ha presa di nuovo dopo quella di questa mattina votare.

“Liz Cheney è un essere umano amaro e orribile”, ha detto Trump.

“L'ho guardata ieri e ho capito quanto è cattiva per il Partito Repubblicano. Non ha personalità o niente di buono che abbia a che fare con la politica o il nostro Paese.

“È un argomento di discussione per i Democratici, sia che questo significhi il confine, le linee del gas, l'inflazione o la distruzione della nostra economia. È una guerrafondaia la cui famiglia ci ha stupidamente spinti nel disastro senza fine del Medio Pasqua, prosciugando le nostre ricchezze e impoverendo il nostro grande esercito, la peggiore decisione nella storia del nostro paese.

“Non vedo l'ora di vederla presto come collaboratore retribuito su CNN o MSDNC! “

Il padre della signora Cheney, l'ex vicepresidente Dick Cheney, è stato ovviamente una figura centrale nell'avvio delle guerre in Iraq e in Afghanistan durante l'amministrazione Bush.

Il DNC è il Comitato Nazionale Democratico. MSNBC è una rete di notizie. A Trump piace combinarli per far intendere che la MSNBC è un braccio della DNC.

Anche i più accesi sostenitori di Trump nel Partito Repubblicano sono stati contenti della rimozione della signora Cheney. Ecco, ad esempio, il membro del Congresso venticinquenne Madison Cawthorn.

CORRELATO: Stati Uniti scioccati dal rapporto sul lavoro abissale

Nel frattempo, l'ex presidente della conferenza si è rivolto ai giornalisti nelle aule del Congresso.

“Sono assolutamente impegnata, come ho detto poc'anzi ai miei colleghi, che dobbiamo andare avanti basandoci sulla verità”, ha detto la signora Cheney.

“Non possiamo abbracciare la grande menzogna e abbracciare la Costituzione.

“ Andando avanti, la nazione ha bisogno di un partito repubblicano forte. La nazione ha bisogno di un partito che si basi sui principi fondamentali del conservatorismo. E sono impegnato e dedito a garantire che sia così che questo partito vada avanti, e ho intenzione di guidare la lotta per farlo. “

Un giornalista ha chiesto alla signora Cheney quanto fosse preoccupata per la prospettiva di Trump diventando di nuovo presidente.

“Farò tutto il possibile per garantire che l'ex presidente non si avvicini mai più allo Studio Ovale”, ha risposto.

“Abbiamo visto il pericolo che continua a provocare con la sua lingua. Abbiamo visto la sua mancanza di impegno e dedizione alla Costituzione. E penso che sia molto importante che ci assicuriamo che chiunque eleggiamo sia qualcuno che sarà fedele alla Costituzione. ”

Alla domanda se si è sentita“ tradita ”dal voto per estrometterla, la signora Cheney ha risposto di no.

“Penso che sia un'indicazione di dove sia il Partito Repubblicano. E penso che il partito sia in un posto da cui dobbiamo riportarlo indietro “, ha detto.

” Dobbiamo tornare a una posizione in cui siamo un partito che può combattere per conservatori principi, che possono lottare per la sostanza. Non possiamo essere trascinati indietro dalle bugie molto pericolose di un ex presidente. “

CORRELATI: L'alto costo della vendetta di Donald Trump

Sei mesi dopo la sua sconfitta contro il presidente Joe Biden, e quasi quattro mesi dopo aver lasciato l'incarico, Trump insiste ancora che le elezioni gli siano state rubate a causa di una diffusa frode elettorale.

Le sue affermazioni sono state ampiamente testate in tribunale dopo l'elezione. I giudici a livello federale e statale, compresi diversi nominati da Trump, hanno ritenuto di non avere fondamento. Anche lo stesso Dipartimento di Giustizia di Trump non ha trovato prove a sostegno delle sue teorie del complotto.

Il 6 gennaio, migliaia di sostenitori di Trump hanno attaccato il Campidoglio degli Stati Uniti nel tentativo di impedire al Congresso di certificare la vittoria di Biden, convincendolo è stato fraudolento.

Trump è stato poi messo sotto accusa per “istigazione all'insurrezione” contro il governo – la signora Cheney era una dei soli 10 repubblicani a votare contro di lui – anche se in seguito è stato assolto dal Senato. Una maggioranza di 57-43 senatori ha votato per condannare Trump, ben al di sotto dei 67 voti necessari per dichiararlo colpevole.

La signora Cheney ha continuato a contraddire le affermazioni smascherate di Trump sulle elezioni nei mesi successivi. Parlando ieri sera sul pavimento della Camera, ha spiegato perché.

“Oggi affrontiamo una minaccia che l'America non ha mai visto prima. Un ex presidente che ha provocato un violento attacco a questo Campidoglio nel tentativo di rubare le elezioni ha ripreso i suoi sforzi aggressivi per convincere gli americani che gli era stato rubato “, ha detto.

” Rischia di incitare ulteriori violenze. Milioni di americani sono stati ingannati dall'ex presidente. Hanno sentito solo le sue parole, ma non la verità, poiché continua a minare il nostro processo democratico.

“Le elezioni sono finite. Questo è lo stato di diritto. Questo è il nostro processo costituzionale. Chi rifiuta di accettare le sentenze dei nostri tribunali è in guerra con la Costituzione.

“Non si tratta di politica. Non si tratta di partigianeria. Riguarda il nostro dovere di americani. Rimanere in silenzio e ignorare la menzogna incoraggia il bugiardo. Non parteciperò a questo.

“Non mi siederò in silenzio mentre altri guidano il nostro partito su un sentiero che abbandona lo stato di diritto e si unisce alla crociata dell'ex presidente per minare la nostra democrazia.”

40 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *