Atterraggio su Marte in Cina: sette minuti di terrore sbarcano sul rover Zhurong

Il rover cinese Zhurong è atterrato sabato su Marte, secondo quanto riportato dai media statali, un trionfo per le ambizioni spaziali sempre più audaci di Pechino e un'impresa storica per una nazione alla sua prima missione marziana.

Il lander che trasportava Zhurong completò la pericolosa discesa attraverso l'atmosfera marziana usando un paracadute per navigare i “sette minuti di terrore” come è noto, mirando a una vasta pianura lavica settentrionale conosciuta come Utopia Planitia.

CORRELATO: 'ronzio' inquietante rilevato oltre il sistema solare

CORRELATO: 'Geloso': la Cina lancia critiche sui missili

La missione “è atterrata con successo nell'area preselezionata”, ha detto l'emittente statale CCTV, mentre l'agenzia di stampa ufficiale Xinhua ha citato la China National Space Administration (CNSA) nel confermare il touchdown .

Rende la Cina il primo paese ad effettuare un'operazione orbitante, di atterraggio e itinerante durante la sua prima missione su Marte, un'impresa ineguagliata dalle uniche altre due nazioni a raggiungere il Pianeta Rosso, gli Stati Uniti e la Russia.

Zhurong, che prende il nome da un mitico dio del fuoco cinese, arriva pochi mesi dopo l'ultima sonda americana su Marte – Perseverance – come suona lo spettacolo della potenza tecnologica tra le due superpotenze oltre i confini della Terra.

A sei ruote, a energia solare e di circa 240 chilogrammi, il rover cinese è alla ricerca di raccogliere e analizzare campioni di roccia dalla superficie di Marte.

Si prevede che vi trascorrerà circa tre mesi.

Il lancio della sonda cinese Tianwen-1 Mars, che trasportava il rover lo scorso luglio, ha segnato una pietra miliare nel programma spaziale cinese.

la navicella spaziale è entrata nell'orbita di Marte a febbraio e dopo giorni di silenzio i media di stato hanno annunciato di aver raggiunto la “fase di atterraggio cruciale” venerdì.

Il complicato processo di atterraggio è stato chiamato i “sette minuti di terrore” perché avviene più velocemente di quanto i segnali radio possano raggiungere la Terra da Marte, il che significa che le comunicazioni sono limitate.

Diversi atteggiamenti statunitensi, russi ed europei In passato i land rover su Marte hanno fallito, più recentemente nel 2016 con l'atterraggio di fortuna della navicella spaziale russa-europea Schiaparelli.

L'ultimo arrivo di successo è avvenuto a febbraio, quando l'agenzia spaziale statunitense NASA ha fatto atterrare il suo rover Perseverance, che da allora ha esplorato il pianeta.

Il rover statunitense ha lanciato un piccolo elicottero robotico su Marte che è stato il primo volo a motore su un altro pianeta.

Il paese ha fatto molta strada nella sua corsa per raggiungere gli Stati Uniti e la Russia, i cui astronauti e cosmonauti hanno decenni di esperienza nell'esplorazione spaziale.

La Cina ha lanciato con successo il mese scorso il primo modulo della sua nuova stazione spaziale con la speranza di avere un equipaggio entro il 2022 e alla fine di inviare umani sulla Luna.

La scorsa settimana un segmento del razzo cinese Long March 5B si è disintegrato sull'Oceano Indiano in un atterraggio incontrollato sulla Terra.

Ciò ha suscitato critiche da parte degli Stati Uniti e di altre nazioni per una violazione di e tiquette che regola il ritorno dei detriti spaziali sulla terra, con i funzionari che affermano che i resti avevano il potenziale per mettere in pericolo la vita e la proprietà.

38 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *