Il “colpo di avvertimento” della Cina all'Australia

Un osservatore della difesa ha affermato che il ritiro della Cina da un accordo di alto livello con l'Australia è un “colpo di avvertimento” sugli archi di Canberra che potrebbe arrivare una punizione molto più punitiva se il paese non inizia a giocare a palla.

La scorsa settimana, Pechino ha strappato il Dialogo economico strategico Cina-Australia (SED), secondo quanto riferito come vendetta per l'annullamento da parte del governo federale dell'accordo di cooperazione del Victoria con la Cina sulla sua nave ammiraglia Belt e Il grande piano delle infrastrutture stradali.

Il dottor John Coyne, del think tank dell'Australia Strategic Policy Institute (ASPI), ha dichiarato a news.com.au che il ritiro dell'accordo con Victoria fa parte di una crescente reticenza globale la Belt and Road Initiative (BRI), che ha “messo in imbarazzo” la Cina.

Giovedì, il pianificatore economico statale cinese ha detto che stava interrompendo tutte le attività del dialogo economico strategico (SED).

La Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma della Cina ha accusato il governo di “aver lanciato una serie di misure per interrompere i normali scambi e la cooperazione tra Cina e Australia fuori dalla mentalità della guerra fredda e dalla discriminazione ideologica”.

Quelli ” misure ”è stato ampiamente interpretato come comprendente la fine dell'accordo BRI di Victoria, che è avvenuta pochi giorni prima.

Il SED è stato il principale forum economico a livello di governo bilaterale tra Cina e Australia con l'obiettivo di incoraggiare gli investimenti tra le due nazioni e facilitare i colloqui commerciali e finanziari.

Tuttavia , Gli analisti cinesi in Australia hanno sottolineato che la fine del SED ha avuto scarso effetto diretto dato che non si incontrava dal 2017. Inoltre, il ritiro di Pechino non ha modificato alcun accordo commerciale, sebbene questi siano stati interrotti in altri modi.

Tuttavia, è stata la prima volta che la Cina ha adottato misure contro l'Australia durante l'attuale impasse, proprio perché scontenta delle politiche del governo.

Mentre si sospetta lo schiaffo delle tariffe di merci come orzo e il vino è dovuto alla rabbia di Pechino nei confronti di Canberra, ha insistito che non fosse così.

Ad esempio, le tariffe di oltre il 200% sul vino erano ufficialmente a causa delle affermazioni che l'Australia stava scaricando il prodotto sul mercato cinese .

“Non è una buona notizia. Questo è chiaramente un segnale diplomatico, ed è un segnale molto visibile dalla Cina che esprime dispiacere per i recenti annunci in Australia, in particolare relativi alla demolizione della struttura della cintura e della strada di Victoria “, ha detto a ABC News Caitlyn Byrne del Griffith University Asia Institute la scorsa settimana. lo strappo del SED.

CORRELATO: L'accordo Victoria's Belt and Road con la Cina solleva preoccupazioni

Il “colpo di avvertimento” della Cina sul leasing del porto di Darwin

Parlando a news.com.au, ASPI Il dottor Coyne ha detto che l'ira della Cina per la fine dell'accordo BRI di Victoria è stata un po 'ipocrita da parte sua.

“In nessuna circostanza il Partito comunista cinese permetterebbe a un governo locale in Cina di fare qualsiasi forma di accordo formale con un governo straniero.

“Allo stesso modo, non permetterebbero mai a nessuna compagnia straniera di avere un contratto di locazione a lungo termine di un porto di un aeroporto in Cina.”

Piuttosto, ha detto, il mossa doveva fungere da deterrente.

“Sospetto t questo era un colpo di avvertimento. “

Il dottor Coyne ha detto che il colpo di avvertimento aveva lo scopo di trasmettere il messaggio che una ritorsione molto più forte potrebbe essere in corso se il governo annulla l'affitto della società cinese Landbridge sul porto strategicamente importante di Darwin.

Landbridge ha firmato un contratto di locazione da 506 milioni di dollari nel 2015 per gestire il porto per 99 anni. La società ha promesso un enorme investimento nella struttura, precedentemente cronicamente sottofinanziata, che è il porto per container più importante dell'Australia settentrionale.

Ma la scorsa settimana, il Dipartimento della Difesa ha detto che stava cercando consigli di sicurezza sulla custodia del porto di Landbridge. Si dice che Landbridge abbia stretti legami con l'esercito cinese. Si trova a soli tre chilometri da una base navale australiana.

“Se ci sono consigli del Dipartimento della Difesa o delle nostre agenzie di sicurezza che cambiano il loro punto di vista sulle implicazioni per la sicurezza nazionale di qualsiasi infrastruttura critica, abbiamo una legislazione ora che si occupa di infrastrutture critiche “, ha affermato il Primo Ministro Scott Morrison.

Se il contratto di locazione fosse terminato, Landbridge avrebbe diritto a un generoso compenso.

Non esiste un accordo BRI specifico in merito Porto di Darwin. Ma il dottor Coyne ha sottolineato che i video patinati prodotti da Landbridge hanno evidenziato il ruolo che Darwin potrebbe svolgere nella BRI – nota anche come One Belt, One Road – un progetto di punta del leader cinese Xi Jinping.

La BRI include il cinese. finanziato o costruito porti, aeroporti, strade e ferrovie che trasportano merci – e potenzialmente influenzano – dalla Cina al mondo.

Il porto di Darwin, ha detto un video di Landbridge, era ora una parte cruciale di un “importante trasporto marittimo -pivot operativo per One Belt e One Road per contribuire alla Cina una forza portuale più potente “.

CORRELATI: porto australiano al centro di Pechino furore

Belt and Road assente un 'imbarazzo' alla Cina

Il dottor Coyne ha detto che la preoccupazione della Cina era che le mosse dell'Australia per eliminare i progetti interni collegati alla BRI non sarebbero passate inosservate da altri paesi.

“Fa parte di un modello simile a livello globale di un'inversione del BRI ed è motivo di imbarazzo per la Cina.

“Sarebbe altamente se Non è sensibile alla Cina se sembrava che la Belt and Road stesse andando indietro. ”

Un certo numero di paesi tra cui Malaysia Pakistan, Sierra Leone e Kirghizistan hanno cancellato completamente o ridotto le dimensioni dei progetti BRI. La Malesia ha risparmiato 5 miliardi di dollari australiani su una nuova linea ferroviaria originariamente sostenuta dalla Cina di 20 miliardi di dollari.

“Alcuni ricercatori suggeriscono che potremmo aver già visto il 'picco' Belt and Road”, ha scritto il commentatore Wade Shepherd in Rivista Forbes .

“I racconti di corruzione lungo la BRI sono diventati comuni, la teoria della diplomazia della trappola del debito ha in tutta l'Eurasia in guardia, e il fatto che dozzine di importanti progetti di sviluppo guidati dalla Cina in tutta l'Asia siano diventati elefanti bianchi ha reso la BRI una proposta poco attraente in molti mercati. “

I media cinesi hanno menzionato il porto di Darwin in editoriali e ha avvertito cupamente che Pechino “non starà a guardare”.

“Se l'Australia rompe di nuovo la sua parola, equivarrebbe a spargere più sale sulle ferite aperte dei legami bilaterali”, ha detto un editoriale nella pubblicazione del governo il China Daily la scorsa settimana.

“Per i politici australiani ossessionati dalla mentalità della guerra fredda, dovrebbero sapere La Cina non lo farà è inattivo mentre mettono a repentaglio gli interessi della Cina. “

Il portavoce comunista Global Times ha detto che Landbridge ha fornito i fondi necessari per l'aggiornamento Il porto di Darwin, ma ha riflettuto se sarebbe stato il prossimo accordo da scartare.

“Il contratto di locazione non è cambiato, ma l'ambiente internazionale è cambiato.”

Si postulava che gli Stati Uniti fossero entusiasti mettere le mani sul porto come parte di una mossa per prendere potenzialmente lo Stretto di Malacca, vicino a Singapore, attraverso il quale passa gran parte del commercio della Cina con il mondo.

“I già gelidi legami politici tra Pechino e Canberra farà un altro tuffo, il ritmo del disaccoppiamento economico tra i due paesi accelererà, la loro fiducia reciproca strategica svanirà completamente e la possibilità di errori di valutazione strategica sarà notevolmente aumentata “, ha detto il giornale di qualsiasi rottamazione del contratto di locazione.

L'eliminazione da parte di Pechino del SED Cina-Australia potrebbe avere poche conseguenze. Ma potrebbe avere una punizione più severa nella manica se Canberra gli togliesse di mano il porto di Darwin.

46 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *