Casi COVID di Taiwan: Paese colpito dalla peggiore epidemia dalla pandemia

Scene di supermercati affollati, compratori presi dal panico e strade vuote sono tornate a Taiwan, nonostante il paese abbia completamente sradicato COVID solo poche settimane fa.

Tuttavia in passato settimana, la popolazione di 24 milioni di persone è stata colpita dalla peggiore epidemia in 18 mesi. Un record di 180 casi è stato confermato al 15 maggio, con i timori che il paese stia avanzando verso il suo primo blocco su vasta scala.

Questo porta il numero totale di casi di Taiwan a 1290 con un totale di 12 morti . In confronto, l'Australia – che ha una popolazione simile a Taiwan ed è stata applaudita a livello mondiale per la sua gestione della pandemia – ha registrato 29.927 casi con 910 decessi.

CORRELATI: In che modo il paese è in gran parte sfuggito a COVID

CORRELATO: I leader mondiali che hanno vinto la lotta contro i virus

Con sede nella capitale del paese, Taipei, corrispondente per l'Asia di Quartz, Leslie V. Nguyen-Okwu, ha condiviso le scene di un negozio di alimentari pieno di acquirenti presi dal panico solo 30 minuti dopo che le restrizioni di livello tre erano state annunciate a Taipei e New Taipei.

“Gli scaffali sono vuoti. Le linee di pagamento serpeggiano intorno all'edificio. L'attesa è di più di 1 ora e si allunga “, ha condiviso in un tweet

Un post su Facebook del Ministero dell'Economia di Taiwan ha anche chiesto ai residenti di evitare di accumulare scorte come carta igienica, spaghetti istantanei e lattine cibo.

“Ricordate che l'anno scorso molti di voi hanno comprato parecchio [of toilet paper]. Controlla prima la tua casa per vedere se ne hai “, hanno scritto.

In base alle nuove restrizioni, i residenti devono indossare un must in ogni momento quando sono fuori casa, con riunioni al chiuso limitate a cinque e all'aperto restrizioni limitate a 10. La maggior parte delle aziende e delle imprese è passata anche al lavoro da casa e l'apprendimento online è ripreso per le scuole.

Mentre cinema, palestre, bar, club, centri sportivi e alcune scuole sono stati chiusi , i punti vendita alimentari e commerciali possono continuare a operare se sono in grado di attenersi alle regole di distanziamento sociale.

Altrove, la maggior parte di Taiwan è sotto le restrizioni di livello due, il che limita le riunioni all'aperto a 500 persone e raduni interni a 100. Le maschere devono essere indossate anche in riunioni pubbliche e i luoghi di intrattenimento, bellezza, fitness e tempo libero sono stati chiusi.

CORRELATI: Chiamata effettuata a Sydney Restrizioni COVID

CORRELATI: Racconto cautelativo da una nazione altamente vaxxed

Mistero casi che lasciano perplessi i dipendenti

Sebbene Taiwan non abbia registrato un solo caso di COVID-19 tra aprile e dicembre dello scorso anno, le autorità sanitarie sono più preoccupate per i 132 casi interni non collegati. All'inizio di questa settimana, il governo ha deciso di mettere in quarantena tutti i piloti di China Airlines per 14 giorni dopo che il sequenziamento del DNA ha collegato diverse infezioni a un'epidemia in un hotel dell'aeroporto.

Come riportato dalla Cina meridionale Morning Post, alcuni dei piloti infetti hanno frequentato diversi bar e ristoranti nel nord di Taiwan prima che le loro infezioni venissero confermate.

Mentre i residenti taiwanesi si adeguano a una serie di nuove regole, i funzionari taiwanesi hanno dichiarato che non lo faranno implementare un blocco a livello dell'isola fino a quando non sarà necessario.

Il ministro della Sanità Chen Shih-chung ha confermato che le nuove regole di livello tre rimarranno in vigore fino al 28 maggio, tuttavia le autorità potrebbero dover implementare un livello quattro blocco se le trasmissioni da fonti sconosciute superano i 100 nuovi casi al giorno.

Fino ad allora, la corsa è aperta per Taiwan per eliminare ancora una volta i casi rimanenti di COVID-19.

33 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *