Biden aumenta la pressione su Israele per porre fine ai combattimenti

Gli Stati Uniti hanno aumentato la pressione diplomatica su Israele per raggiungere un cessate il fuoco con Hamas, mentre le violenze a Gaza si avvicinano alla fine della sua seconda settimana.

Finora, il i combattimenti hanno causato più di 200 morti palestinesi, mentre almeno 12 persone sono morte in Israele.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato questa mattina con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e ha detto di “aspettarsi” una escalation “nelle prossime 24 ore. È stata la quarta conversazione della coppia nell'ultima settimana.

“I due leader hanno avuto una discussione dettagliata sullo stato degli eventi a Gaza, sui progressi di Israele nel degradare le capacità di Hamas e sugli sforzi diplomatici in corso da parte dei governi regionali. e gli Stati Uniti “, ha detto la Casa Bianca nella lettura della telefonata.

” Il Presidente ha comunicato al Primo Ministro che si aspettava una significativa riduzione dell'escalation oggi sulla via del cessate il fuoco “.

Quel messaggio è notevolmente puntato rispetto alle precedenti dichiarazioni di Biden, la maggior parte delle quali sottolineava il diritto di Israele di difendersi.

CORRELATO: Giornata di rabbia a Gaza come il bilancio delle vittime sale

Lunedì è uscito solo a favore del cessate il fuoco. Prima di allora, la Casa Bianca aveva sottolineato il suo desiderio di mantenere private le sue conversazioni con Israele.

“Il nostro calcolo a questo punto è che avere quelle conversazioni dietro le quinte, pesando sulla nostra importante partnership strategica con cui abbiamo Israele, anche con altri paesi della regione, è l'approccio più costruttivo che possiamo adottare “, ha detto il segretario stampa Jen Psaki all'inizio della settimana.

” Quindi il nostro approccio è attraverso una diplomazia silenziosa e intensa. È lì che riteniamo di poter essere più efficaci. “

La sig.ra Psaki ha ripetutamente rifiutato di dire se Biden riteneva che la risposta di Israele agli attacchi missilistici palestinesi fosse proporzionata.

Anche quando Biden ha espresso la sua voce sostegno per un cessate il fuoco, ha mantenuto il suo linguaggio non ostentato.

“Il presidente ha ribadito il suo fermo sostegno al diritto di Israele di difendersi da attacchi missilistici indiscriminati”, ha detto lunedì la Casa Bianca, dopo una precedente telefonata con il sig. Netanyahu.

“Ha incoraggiato Israele a compiere ogni sforzo per garantire la protezione di civili innocenti.

” Il presidente ha espresso il suo sostegno a un cessate il fuoco e ha discusso l'impegno degli Stati Uniti con l'Egitto e altri partner verso quella fine. “

Quindi siamo passati da Biden che” incoraggia “Israele a proteggere i civili a lui che” si aspetta “una riduzione immediata dell'escalation.

Il signor Netanyahu ha respinto il chiede un rapido cessate il fuoco quando ha parlato oggi con gli ambasciatori stranieri in Israele.

“Non stiamo con un timer. Vogliamo raggiungere gli obiettivi dell'operazione. Le precedenti operazioni sono durate molto tempo, quindi non è possibile fissare un lasso di tempo per l'operazione “, ha detto, secondo i media locali.

La graduale mossa di Biden per fare pressione su Israele ha causato tensioni con alcuni membri del suo partito che vogliono che faccia di più.

“Il presidente deve dire a Netanyahu di smetterla”, ha detto questa settimana il membro del Congresso Ro Khanna.

“Non è il momento per banalità. I bambini stanno morendo e Netanyahu, che vuole disperatamente aggrapparsi al potere, dice che lo sta facendo con il sostegno degli Stati Uniti. Il presidente deve essere molto chiaro: no, non lo sei. “

” Penso solo che sia ovvio che gli Stati Uniti spingano per un cessate il fuoco “, ha detto il senatore Chris Murphy.

” Se Israele non crede che un cessate il fuoco sia nel suo migliore interesse, ciò non significa che dobbiamo accettare questo giudizio. Abbiamo un enorme potere di persuasione. “

” Semplicemente non ricordo una sparatoria in cui i bambini vengono uccisi da entrambe le parti in cui gli Stati Uniti non hanno spinto in modo aggressivo per un cessate il fuoco “, ha detto il senatore Tim Kaine, che era il candidato alla vicepresidenza del partito nel 2016.

I due democratici più anziani al Congresso, la presidente della Camera Nancy Pelosi e il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer, si sono dichiarati entrambi a sostegno del cessate il fuoco davanti al presidente.

38 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *