Fossa comune piena di donne morte trovate nel cortile di un ex poliziotto

Una fossa comune piena di dozzine di cadaveri femminili – che si ritiene siano vittime di rapporti sessuali violenti e omicidi – è stata trovata nel cortile di un ex poliziotto in El Salvador, dicono i rapporti.

La polizia ha fatto la macabra scoperta questa settimana mentre indagava sull'ex agente di polizia Hugo Ernesto Osorio Chavez per il duplice omicidio di una donna di 57 anni e della figlia di 26 anni – un crimine che l'ex poliziotto ha apparentemente ammesso, ha riferito il Daily Beast .

Quando i poliziotti sono entrati nel cortile di Chavez a Chalchuapa, a circa 50 miglia dalla capitale San Salvador, hanno notato che il terreno sembrava essere irregolare e soffice.

Gli investigatori hanno presto scoperto otto pozzi pieni di quelli che credono potessero essere almeno una dozzina di corpi ciascuno, ha riferito lo sbocco.

Chavez, 51 anni, ha una fedina penale che include accuse di crimini sessuali. È stato licenziato nel 2005 dopo aver ammesso di essere un predatore sessuale, che ha trovato donne sui social media e le ha attirate con la promessa del “sogno americano”, hanno detto i poliziotti ai giornalisti.

Chavez e dieci altri sono stati arrestati in quello che i poliziotti ritengono fosse un giro di sesso e omicidio che ha lasciato le donne, e forse alcuni giovani uomini, morti.

“Questo psicopatico è stato arrestato e credo che il 99 per cento delle persone che lo hanno assistito sono state arrestate “, ha detto ai giornalisti il capo della polizia Mauricio Arriaza Chicas.

La violenza sessuale sembra essere un denominatore comune in tutte le morti di donne, ha detto la polizia.

Graciela Sagastume, il pubblico ministero incaricato dell'indagine, ha detto che “l'asse centrale delle indagini è la violenza sessuale”.

Nessuno dei sospetti in custodia ha spiegato cosa ci fosse dietro il cimitero improvvisato – si ritiene siano almeno due o più anni. Il ministro della Giustizia Gustavo Villatoro ha indicato più di una persona è complice nella fossa comune.

Venerdì, le persone con parenti scomparsi si sono radunate a casa di Chavez, stringendo le foto dei loro cari e sperando che sarebbero in grado di farlo. identificare uno dei cadaveri.

Almeno due dozzine di corpi sono già stati riesumati dalla polizia sospettando che potrebbero essercene almeno altri 40. Potrebbe volerci un mese per scavarli tutti.

Questo articolo è apparso originariamente sul New York Post ed è stato riprodotto con il permesso

54 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *