Jeffrey Epstein le guardie carcerarie “che si sono addormentate” mentre pervertito si è ucciso ammettono di aver mentito riguardo al controllo del suo cellulare

Le guardie di Jeffrey Epstein che sembravano addormentarsi in video di sorveglianza mentre si era tolto la vita salteranno il carcere dopo aver ammesso di aver falsificato i documenti in un patteggiamento con i pubblici ministeri.

Tova Noel e Michael Thomas, i due dipendenti del Bureau of Prisons che avrebbero dovuto monitorare Epstein, venerdì hanno concordato un patteggiamento con i pubblici ministeri federali.

CORRELATI: Il bizzarro clip di Jeffrey Epstein riemerge

Noel e Thomas sono stati accusati di essersi addormentati e di navigare in Internet quando Epstein si è tolto la vita nell'agosto 2019.

I due sono stati accusati di aver mentito nei registri carcerari e ha ammesso di aver falsificato i documenti come se avessero effettuato i controlli richiesti su Epstein prima che fosse trovato morto il 10 agosto.

Noel e Thomas stipuleranno un accordo di procura differita con il Dipartimento di giustizia.

I due sarebbero quindi soggetti a rilascio supervisionato e sono tenuti a completare 100 ore di servizio comunitario.

CORRELATI: Foto scioccante di Ghisl aine Maxwell dietro le sbarre

Devono anche cooperare pienamente con l'indagine del Dipartimento di Giustizia sulla morte di Epstein.

I registri indicano che i due “hanno ammesso di aver” ha completato intenzionalmente e consapevolmente il conteggio e i round slip materialmente falsi relativi ai conteggi e ai round richiesti '”dove Epstein si è tenuto.

Un giudice deve ancora firmare il loro accordo, che potrebbe arrivare già la prossima settimana.

I pubblici ministeri hanno detto che le guardie sedevano a soli 15 piedi dalla cella di Epstein e facevano acquisti online per mobili e motociclette.

Sono stati visti camminare nell'area comune dell'unità invece di fare il giro di mezz'ora richiesto .

In un periodo di due ore, le due guardie sembravano essersi addormentate entrambe secondo le accuse presentate contro di loro.

Il Federal Bureau of Prisons ha considerato la morte di Epstein come una grave imbarazzo, evidenziando procedure di sicurezza inadeguate e carenze di personale.

Il carcere, il Metropolitan Correctional Center nel centro di Manhattan, è stato rivelato ed a soffrire di carenze croniche di personale che richiedevano alle guardie di fare straordinari obbligatori.

Altre guardie furono costrette a lavorare come ufficiali penitenziari.

La notte della morte di Epstein, entrambe le guardie stavano facendo gli straordinari a causa della carenza di personale.

Una delle guardie non è stata assunta come ufficiale di correzione e ha lavorato per la quinta notte consecutiva di straordinari.

L'altra guardia faceva gli straordinari obbligatori, ovvero un secondo turno di otto ore della giornata.

Questo articolo è apparso originariamente su The Sun ed è stato riprodotto con il permesso

44 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *