Scienziati cinesi hanno creato Covid in un laboratorio, secondo un nuovo rapporto

Un nuovo studio esplosivo afferma che il Covid-19 è stato creato dagli scienziati di Wuhan che hanno poi coperto le loro tracce con versioni “retro-ingegnerizzate” del virus per far sembrare che si sia evoluto organicamente dagli animali.

Gli autori dello studio, il professor Angus Dalgleish, esperto di oncologia britannico e lo scienziato norvegese Dr Birger Sørensen, affermano che ulteriori prove della copertura sono state ignorate dagli accademici per un anno.

L'articolo di giornale di prossima pubblicazione, che è stato ottenuto dal Daily Mail , sfida la teoria prevalente di “origine naturale” del Covid-19, che il virus è saltato naturalmente dai pipistrelli agli umani in un mercato umido a Wuhan.

Arriva quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ordina alla comunità dell'intelligence di “raddoppiare” gli sforzi per determinare la causa del Covid-19, inclusa la teoria è scappato da un laboratorio di Wuhan, cosa che la Cina nega.

Il professor Dalgleish è un professore di oncologia alla St George's University di Londra che ha lavorato al rivoluzionario “vaccino contro l'HIV” e il dottor Sørensen è un virologo e presidente del dipartimento farmaceutico società Immunor che ha sviluppato un candidato vaccino Covid-19 chiamato Biovacc-19, riporta il Daily Mail .

Hanno affermato che quando L'anno scorso analizzando campioni di Covid-19 per sviluppare un vaccino, hanno notato “impronte digitali uniche” che potevano essere attribuite solo alla manipolazione di laboratorio, ma i loro tentativi di pubblicare i loro risultati all'epoca sono stati respinti dalle principali riviste scientifiche.

Dopo ulteriori studi, il Prof Dalgleish e il Dr Sørensen hanno pubblicato un nuovo rapporto di 22 pagine, che sarà pubblicato nel Quarterly Review of Biophysics Discovery tra pochi giorni, e conclude “SARS- Il Coronavirus-2 non ha un antenato naturale credibile “e che il virus è stato creato in un laboratorio” oltre ogni ragionevole dubbio “.

Hanno detto che dopo aver riversato gli esperimenti condotti presso il laboratorio di Wuhan tra il 2002 e il 2019, hanno trovato prove Gli scienziati di Wuhan hanno preso una “spina dorsale” naturale del coronavirus trovata nei pipistrelli delle caverne e vi hanno unito una nuova “punta”, che è diventata Covid-19.

Un indizio chiave era una fila di quattro amminoacidi caricati positivamente su il picco di SARS-Cov-2. Gli scienziati hanno detto che anche una fila di tre amminoacidi era rara da trovare in natura – poiché tendevano a respingersi a vicenda, come i magneti – quindi era “estremamente improbabile” trovare una fila di quattro in un organismo naturale.

“Le leggi della fisica significano che non puoi avere quattro amminoacidi caricati positivamente di seguito. L'unico modo per ottenerlo è se lo produci artificialmente “, ha detto il Prof Dalgleish al Daily Mail .

La scoperta ha portato la coppia a concludere” la probabilità che (Covid-19) sia il risultato di processi naturali è molto bassa “.

” Ci si aspetta che una pandemia di virus naturale muti gradualmente e diventi più contagiosa ma meno patogena, che è ciò che molti si aspettavano con la pandemia COVID-19 ma che non sembra essersi verificata “, hanno scritto nel loro studio.

Hanno anche mirato a ottenere esperimenti funzionali, che coinvolgono la manipolazione, lo splicing e la ricombinazione di virus.

“L'implicazione della nostra ricostruzione storica, che ora supponiamo oltre ogni ragionevole dubbio, del virus chimerico manipolato di proposito SARS-CoV-2 rende imperativo riconsiderare quali tipi di esperimenti di guadagno di funzione è moralmente accettabile intraprendere”, afferma lo studio.

“A causa dell'ampio impatto sociale, queste decisioni non possono essere lasciate ai soli ricercatori.”

Lo studio afferma che dopo l'inizio della pandemia, gli scienziati di Wuhan hanno cercato di coprire le loro tracce “retroingegnerizzando” il virus per far sembrare che si fosse evoluto naturalmente.

“Hanno cambiato il virus, poi hanno cercato di capire che fosse in una sequenza anni fa “, ha detto il prof Dalgleish.

Hanno anche affermato che nei laboratori cinesi c'era stata” distruzione deliberata, occultamento o contaminazione dei dati “e hanno affermato” cinese gli scienziati che desideravano condividere le loro conoscenze non sono stati in grado di farlo o sono scomparsi “.

Il dottor Sørensen ha affermato di ritenere che il virus sia fuggito dalle aree a bassa sicurezza dell'istituto in cui si stava conducendo la ricerca sul guadagno funzionale .

“Abbiamo visto perdite di laboratorio e sappiamo che stanno accadendo. Sappiamo anche dai rapporti che abbiamo visto che il coronavirus viene lavorato nei laboratori di livello di biosicurezza 2 o 3. Se ottengono guadagno di funzione in tali laboratori, cosa ti aspetti? ” ha detto.

La teoria della fuga dal laboratorio dell'origine del Covid-19 è iniziata come una teoria marginale ma ha acquisito sempre più slancio.

Questa settimana, il dottor Anthony Fauci, che è il il miglior consigliere per la pandemia Covid-19 al governo degli Stati Uniti, ha detto che è necessario fare di più per dimostrare che il virus non è iniziato al Wuhan Institute of Virology.

Parlando prima al festival United Facts of America questo mese, il dottor Fauci si è detto “non convinto” che il virus si sia sviluppato naturalmente.

“No in realtà. Non ne sono convinto “, ha detto il direttore dell'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive.

” Penso che dovremmo continuare a indagare su ciò che è accaduto in Cina fino a quando non continueremo a scoprirlo al meglio delle nostre capacità cosa è successo. “

Ha aggiunto:” Certamente, le persone che lo hanno indagato dicono che probabilmente era l'emergere da un serbatoio animale che poi ha infettato gli individui, ma potrebbe essere stato qualcos'altro, e noi bisogno di scoprirlo.

“Quindi, sai, questo è il motivo per cui ho detto che sono perfettamente a favore di qualsiasi indagine che esamini l'origine del virus.”

Il dottor Fauci ha detto in un'audizione al Senato l'11 maggio che era necessaria una “indagine completa”.

Questa settimana ha visto anche l'affioramento di un rapporto dell'intelligence precedentemente non divulgato che affermava che diversi ricercatori dell'istituto di Wuhan si ammalavano e avevano ricoverato in ospedale nel novembre 2019.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha incaricato le agenzie di intelligence di intensificare gli sforzi per “raccogliere e analizzare le informazioni che potrebbero avvicinarci a una conclusione definitiva “sull'origine del virus.

Biden ha detto che la maggior parte della comunità dell'intelligence si è” coalizzata “attorno alle due possibilità: che il virus è trapelato da un Wuhan lab, e che è balzato all'uomo da un animale infetto – ma “non credo che ci siano informazioni sufficienti per valutare che uno sia più probabile dell'altro”.

Il presidente ha detto che gli Stati Uniti “manterranno lavorare con partner che la pensano allo stesso modo in tutto il mondo per spingere la Cina a partecipare a un'indagine internazionale completa, trasparente e basata su prove “.

La Cina ha fermamente respinto la teoria del lab-leak e ha mantenuto la sua posizione in una dichiarazione questa settimana dalla sua ambasciata negli Stati Uniti.

“Le campagne diffamatorie e lo spostamento di colpa stanno tornando alla ribalta, e la teoria del complotto della 'fuga di notizie' sta riaffiorando”, si legge nella dichiarazione di giovedì.

46 Views
(Visited 6 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *