Gli anti-vaxx inondano il Facebook di MP

Gli anti-vaxxers hanno inondato il post online di un parlamentare federale con informazioni sbagliate che presumevano provenire dal principale regolatore della droga della nazione.

Sabato il parlamentare laburista Julian Hill ha caricato una foto di lui che riceve il jab su Facebook, esortando gli australiani a seguire l'esempio.

Il post è stato immediatamente inondato di informazioni errate presumibilmente dalla Therapeutical Goods Administration (TGA), comprese le false affermazioni che i vaccini Covid-19 hanno causato più di 200 morti.

Il post, che sabato è stato il più interagito da qualsiasi parlamentare, è stato visto da più di 500.000 utenti e ha attirato più di 25.000 commenti.

Il signor Hill ha accusato il governo di ” vacating the field “e consentendo alle teorie del complotto online di prosperare non riuscendo a implementare una campagna nazionale sulla salute pubblica.

CORRELATI: Gli australiani sono invitati a stare attenti a COVID -19 disinformazione

In una lettera al ministro della Sanità Greg Hunt lunedì, ha chiesto al governo federale di avviare urgentemente una i ncampagna informativa per combattere l'esitazione nei confronti dei vaccini.

“È necessario uno sforzo proattivo per spiazzare e richiamare la roba francamente folle che si sta diffondendo”, ha scritto.

” Se finalmente riesci a commissionare una campagna di informazione, ti suggerirei di trovare un gruppo di persone diverso da coloro che hanno inventato l'annuncio del milkshake. “

Un portavoce del signor Hunt ha detto che erano stati stato assegnato alle campagne pubblicitarie Covid-19, con il professor John Skerritt e altri esperti di TGA.

“La pubblicità continua a crescere man mano che il programma si espande e tutta la comunicazione si basa sulla ricerca per rivolgersi ai gruppi chiave , “Ha detto.

” Questo approccio ha fornito un contrasto alla disinformazione sui vaccini e ha fornito garanzie alla comunità.

“Come sempre, suggeriamo agli australiani di ottenere consigli medici da esperti medici, non da Facebook.”

University of NSW il ricercatore Dr Kate Faase ha detto che i social media c ommenti stavano mettendo a rischio il programma di vaccinazione australiano e aumentando l'esitazione sui vaccini esagerando gli effetti collaterali.

“Le persone hanno maggiori probabilità di condividere le loro esperienze negative sui social media rispetto a quelle positive, quindi ciò che vedi online non lo è l'intera storia o necessariamente quella più probabile “, ha detto.

” Sapere questo su noi stessi e assicurarci di tenere d'occhio anche le informazioni positive può aiutare a garantire che stiamo ottenendo informazioni più equilibrate su i vaccini. “

Il dottor Faase ha detto che una campagna sociale potrebbe aiutare a enfatizzare gli aspetti positivi delle vaccinazioni Covid-19.

“Sapere quante persone non hanno effetti collaterali è importante. Ci offre una visione più realistica di cosa aspettarci e ci aiuta a concentrarci sui benefici di questi vaccini “, ha detto.

NCA NewsWire ha contattato Facebook per un commento.

Facebook il mese scorso ha rivelato di aver rimosso più di 14 milioni di contenuti classificati come disinformazione Covid-19, inclusi 110.000 post da pagine o account australiani.

Ha anche rimosso definitivamente la pagina del deputato indipendente Craig Kelly ad aprile per ” ripetute violazioni “delle sue politiche Covid-19.

Ma nonostante abbia lanciato un programma di verifica dei fatti nel 2016, l'azienda ha lottato per regnare nella disinformazione durante la pandemia.

” Che si tratti di contenuti falsi o fuorvianti su Covid-19 e vaccini, cambiamenti climatici, elezioni o altri argomenti, ci assicuriamo che meno persone vedano disinformazione sulle nostre app “, ha scritto in un post sul blog la scorsa settimana.

44 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *