L'autista ha “falciato” il vigile sul marciapiede

Un agente del traffico è stato falciato da un guidatore arrabbiato dopo che avevano remato in strada, un tribunale ha sentito.

Steven Smith è stato scagliato in aria a tre metri dopo che l'auto lo ha investito in fila sopra la strada a destra a un incrocio a Burgess Hill, West Sussex.

È stato mandato a sorvolare le ringhiere ed è rimasto ferito e sanguinante dopo essere atterrato in un giardino lo scorso agosto.

Arthur McGhie, 55 anni, è sotto processo alla Hove Crown Court accusato di tentato omicidio e aggressione a un ufficiale fuori servizio che ha cercato di arrestarlo.

CORRELATO: mamma, 40 , e papà, 39 anni, ucciso in un incidente “mordi e fuggi”

Mr McGhie poi ha cercato di prenderlo a pugni di nuovo mentre era intrappolato in un cespuglio, è stato detto a una giuria .

Il video dell'incidente del 24 agosto dello scorso anno è diventato virale dopo essere stato condiviso su Facebook.

'Rabbia stradale' autista aggredito in tribunale

Il signor Smith, che stava tornando a casa dal lavoro in divisa intorno alle 12:15 ha cercato di lasciare il posto al furgone dei soccorsi autista Mr McGhie bef prima che i due uomini siano scesi dalle loro auto.

Il video mostra il signor Smith che viene sbattuto contro un cespuglio mentre torna alla propria auto dopo la rissa.

Descrizione dei residenti sentendo un forte scoppio e il rumore di vetri infranti mentre veniva colpito dalla Kia argentata.

Mr McGhie, ha deliberatamente guidato a Mr Smith a meno di 100 metri da casa sua, Rachel Beckett per la Corona ha detto a una giuria.

“Il caso della Corona è che guidando deliberatamente il signor Smith e colpendolo con il suo veicolo, intendeva in quel momento ucciderlo”, ha detto la signora Beckett.

L'ufficiale stradale ha detto che era “parassita”

Il signor Smith ha acceso le luci a un incrocio vicino alla sua casa a Burgess Hill, nel West Sussex, per indicare che stava lasciando andare l'altro conducente, la corte ha sentito.

CORRELATO: Il conducente del carrello elevatore ha capovolto l'auto dopo l'”assalto” alla fattoria

Entrambi i conducenti si sono fermati vicino a una mini rotonda e sono scesi dalle loro auto.

“Il signor Smith ha chiesto se avesse fatto qualcosa di sbagliato”, ha detto la signora Beckett d.

“L'imputato ha risposto, dicendo che il signor Smith era 'subdolo' e 'cercava di intrappolare le persone'.

“Ha guardato l'emblema sulla maglietta del signor Smith e ha detto: 'Sì molti, siete subdoli.'

“L'imputato ha ripetuto che il signor Smith era un parassita e avvoltoi che seguono e seguono le persone.”

C'è stata una colluttazione tra di loro , in parte sul marciapiede e in parte sulla strada.

La signora Beckett ha dichiarato: “Il signor Smith si è allontanato dall'imputato poiché un membro del pubblico gli aveva chiesto se stesse bene.

“Quando si voltò, vide l'imputato lanciarsi verso di lui.

“Il signor Smith è riuscito a farsi da parte, causando la caduta in avanti dell'imputato.

“ L'imputato si è avvicinato di nuovo a lui, ma il signor Smith ha alzato la mano e gli ha detto di smetterla e di non fare lo stupido.”

Il signor Smith tornò alla sua macchina presumendo che l'incidente fosse finito.

“Ha sentito un urlo, seguito da un motore di un'auto che girava su di giri. Si è guardato dietro la spalla destra e ha visto il veicolo dell'imputato che lo stava guidando.

Ufficiale “preso a pugni” dopo essere stato speronato da un'auto

“Subito poi ha sentito la schiena sbattere contro il cofano dell'auto e la testa contro il parabrezza. Poi sentì il suo corpo colpire una siepe e si alzò.

“Il signor Smith era nella siepe di un giardino davanti e non poteva muoversi. Ha sentito la gente gridare ma non riusciva a ricordare le parole usate.

“Ha visto l'autista scendere e avvicinarsi a lui. Il signor Smith non è stato in grado di muovere il corpo.

“L'imputato gli ha lanciato un pugno in faccia, che il signor Smith ha mosso per evitare”, ha detto la signora Beckett.

Il signor Smith ha subito diverse ferite e aveva sangue che gli gocciolava dalla testa quando è stato in grado di telefonare al suo compagno dalla scena per dire che non aveva i pantaloni.

Arthur McGhie ammette di aver tentato di causare gravi lesioni personali al signor Smith con intento, pericoloso guida e aggressione provocando effettive lesioni personali su un agente di polizia.

Nega tentato omicidio e aggressione alla polizia.

Il processo continua.

Questo articolo è apparso originariamente su The Sun ed è stato riprodotto con il permesso

52 Views
(Visited 5 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *