Chi sostiene Aus in Cina stoush

Il Giappone ha sostenuto l'Australia nella sua lotta contro la coercizione economica di Pechino.

I due Paesi hanno anche chiesto un accesso “urgente, significativo e senza restrizioni” allo Xinjiang, dove gruppi per i diritti umani avvertono i La minoranza musulmana uigura affronta abusi e ha chiesto a Pechino di “mantenere il suo impegno” nei confronti del popolo di Hong Kong.

Il primo ministro Scott Morrison era in viaggio verso il G7 nel Regno Unito giovedì mentre l'Australia cercava di rafforzare una coalizione internazionale in mezzo alla sua stretta con la Cina.

Il ministro degli Esteri Marise Payne e il ministro della Difesa Peter Dutton hanno incontrato i loro omologhi giapponesi per discutere dell'intensificarsi delle tensioni nel Mar Cinese Meridionale.

In una riunione congiunta dichiarazione poco dopo l'incontro videolink di mercoledì sera, il Giappone ha dato il suo sostegno a Canberra dopo oltre un anno di sanzioni economiche imposte a Canberra da Pechino.

CORRELATO: Scott Morrison afferma che la Cina 'cerca di dividere' Australia e Nuova Zelanda

“Ci impegniamo all'opposizione alla coercizione e al comportamento destabilizzante con mezzi economici, che mina il sistema internazionale basato sulle regole”, si legge.

Un punto critico chiave per il Giappone è stato il Mar Cinese Orientale, dove Tokyo afferma che il suo territorio è regolarmente violato da navi cinesi.

Canberra e Tokyo hanno criticato l'atteggiamento “coercitivo e destabilizzante” di Pechino nella regione, chiedendo che la guardia costiera cinese agisca in linea con il diritto internazionale.

“Rafforzamo la nostra forte opposizione a qualsiasi azione unilaterale destabilizzante o coercitiva che potrebbe alterare lo status quo e aumentare le tensioni”, afferma la nota.

“Rimarremo in stretta comunicazione sulla situazione nel Mar Cinese Orientale.”

La newsletter di Party Games Ricevi il tuo briefing politico dall'editore politico di news.com.au Samantha Maiden.

La newsletter di Party Games Successo! Controlla la tua casella di posta per i dettagli. Vedi tutte le newsletter


I leader della Cina e del sud-est asiatico questa settimana hanno deciso di attuare misure di contenimento nel Mar Cinese Meridionale , dove le vaste rivendicazioni territoriali di Pechino hanno fatto arrabbiare i vicini e suscitato allarme internazionale.

Ma Australia e Giappone hanno accusato la Cina di violare il diritto internazionale nella regione “continuando la militarizzazione delle caratteristiche controverse, l'uso pericoloso di navi della guardia costiera e milizia, e gli sforzi per interrompere le attività di sfruttamento delle risorse di altri paesi”.

I due paesi hanno anche preso di mira i tentativi di “indebolire le istituzioni democratiche” e i diritti concessi al popolo di Hong Kong.

Anche le violazioni dei diritti umani a Hong Kong e nello Xinjiang, dove gli uiguri e altre minoranze musulmane hanno affrontato l'oppressione religiosa, i campi di rieducazione e hanno denunciato le sterilizzazioni forzate, sono state di “serie preoccupazioni”, si legge nella dichiarazione.

Pechino ha negato gli abusi nello Xinjiang, insistendo che il suo approccio intransigente è progettato per reprimere un nazionalista movimento terroristico nella regione.

Ma l'Australia e il Giappone hanno chiesto all'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani di accedere alla regione.

“Chiediamo alla Cina di concedere servizi urgenti, significativi e accesso illimitato allo Xinjiang per osservatori internazionali indipendenti”, continua la dichiarazione.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin si è scagliato contro la dichiarazione, accusando Canberra e Tokyo di “calunniare e attaccare maliziosamente” Pechino e di “intromettersi sfrenata negli affari interni della Cina”.

“Problemi relativi allo Xinjiang e Hong Kong sono gli affari interni della Cina che non tollerano interferenze straniere. Il Giappone e l'Australia stanno pubblicizzando la cosiddetta teoria della “minaccia cinese”, ha detto mercoledì.

113 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *