I leader del G7 svelano un piano per prevenire future pandemie

Il G7 ha svelato i piani guidati dagli Stati Uniti per contrastare la Cina nel finanziamento delle infrastrutture per le nazioni più povere e un nuovo accordo per prevenire future pandemie, poiché il gruppo d'élite ha cercato di mostrare l'unità occidentale al suo primo vertice di persona dal 2019.

Promettendo di “catalizzare collettivamente” centinaia di miliardi di investimenti infrastrutturali per i paesi a basso e medio reddito, i leader del G7 hanno affermato che avrebbero offerto “un servizio guidato dai valori, di alto livello e trasparente ”.

Il loro progetto “Build Back Better World” (B3W) è mirato a competere con l'iniziativa infrastrutturale Belt and Road da trilioni di dollari della Cina, che è stata ampiamente criticata per aver sellato piccoli paesi con un debito ingestibile ma ha incluso anche l'Italia membro del G7 dal lancio nel 2013.

CORRELATO: I Queen si presentano come leader mondiali al G7

La Casa Bianca ha affermato che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e altri leader hanno affrontato la “competizione strategica” con Pechino il secondo giorno del loro vertice di tre giorni a Sabato a Carbis Bay, nel sud-ovest dell'Inghilterra.

Nel frattempo, la Gran Bretagna nel frattempo ha salutato l'accordo del G7 sulla “Dichiarazione di Carbis Bay” – una serie di impegni per frenare le future pandemie dopo che Covid-19 ha distrutto le economie e causato milioni di vite in tutto il mondo.

I passi collettivi includono la riduzione del tempo necessario per sviluppare e autorizzare vaccini, trattamenti e diagnostica per qualsiasi futura malattia a meno di 100 giorni, rafforzando nel contempo le reti di sorveglianza globali.

Il Il G7 — Gran Bretagna, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Stati Uniti — pubblicherà ufficialmente il patto domenica, ora locale, insieme al suo comunicato finale contenente ulteriori dettagli sul B3W.

'Problemi fondamentali'

“La #CarbisBayDeclaration segna per noi un momento storico e orgoglioso tutti”, ha dichiarato su Twitter il primo ministro britannico Boris Johnson.

“In base a questo accordo, le principali democrazie del mondo si impegneranno a prevenire il verificarsi di una pandemia globale ancora una volta, assicurando che la devastazione causata dal Covid-19 non si ripeta mai”, ha affermato.

Il capo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, criticato in alcuni ambienti per essere troppo accomodante nei confronti della Cina da cui ha avuto origine il coronavirus, ha accolto con favore il patto per la salute.

E ha affermato che l'agenzia delle Nazioni Unite esaminerà una proposta britannica per creare un “radar pandemico globale” per inviare avvisi tempestivi di future epidemie.

Tuttavia, l'organizzazione benefica Oxfam ha affermato la dichiarazione “non fa nulla per affrontare i problemi fondamentali che impediscono ai vaccini di essere accessibili alla stragrande maggioranza dell'umanità”.

I leader del G7 dovrebbero impegnarsi a donare un miliardo di dosi di vaccino ai paesi poveri quest'anno e poi, sebbene gli attivisti affermino che il lancio è troppo lento per porre fine alla crisi prima.

I leader sono anche pronti a emettere nuovi impegni sui cambiamenti climatici, compresi gli aiuti finanziari per il mondo in via di sviluppo, nel al vertice ambientale delle Nazioni Unite COP26 in Scozia a N novembre.

'Azione concreta'

Dopo un tuffo tonificante nel mare della Cornovaglia per il signor Johnson e una vivace corsa sulla spiaggia per il primo ministro canadese Justin Trudeau, i leader hanno ampliato la loro agenda sabato alle questioni di politica estera.

Sono stati raggiunti dai leader di Australia, Sud Africa e Corea del Sud, con l'India che partecipa a distanza.

Biden ha spinto anche per un'azione del G7 contro le presunte pratiche di lavoro forzato della Cina, anche contro la minoranza uigura.

“Questo non si tratta solo di affrontare o affrontare la Cina”, ha detto un alto funzionario della Casa Bianca. “Si tratta di fornire una visione alternativa affermativa e positiva per il mondo.”

Ha affermato che Biden solleciterà “un'azione concreta” contro le accuse di lavoro forzato, definendole “un affronto alla dignità umana e un esempio lampante della concorrenza economica sleale della Cina”.

La Cina nega le accuse di “genocidio” costringendo fino a un milione di uiguri e persone di altre minoranze etniche turche nei campi di internamento nella regione dello Xinjiang .

Brexit frizioni

Il presidente degli Stati Uniti cercherà anche di affrontare le relazioni logore con Mosca, in particolare sulla sua attività informatica.

La maggior parte dei leader del G7 si riunirà lunedì a Bruxelles per un incontro della NATO, prima che Biden si diriga al suo primo vertice con il presidente russo Vladimir Putin a Ginevra, promettendo di trasmettere un messaggio schietto sul comportamento russo.

In una rara intervista rilasciata venerdì ai media statunitensi, Putin ha espresso la speranza che il signor Biden sia meno impetuoso di Donald Trump, che infamemente si è schierato con il leader russo contro le opinioni dei suoi stessi capi dell'intelligence.

“È mia grande speranza che, sì, ci siano alcuni vantaggi, alcuni svantaggi, ma non ci saranno qualsiasi movimento basato sull'impulso per conto del presidente degli Stati Uniti in carica”, ha detto Putin a NBC News.

Più vicino a casa per i padroni di casa del G7, Johnson è stato sottoposto a pressioni concertate in incontri separati con i leader della Francia, Germania e Unione Europea per rispettare i suoi impegni sulla Brexit sull'Irlanda del Nord.

In seguito ha affermato che la Gran Bretagna “non esiterà” a sospendere un protocollo post-Brexit che disciplina il commercio lì se l'UE si rifiuta di cambiare tattica.

Sottolineando che il Regno Unito è un territorio unificato che comprende l'Irlanda del Nord, ha detto a Sky News che “devono solo metterselo in testa”.

43 Views
(Visited 3 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *