Perché la variante Delta spaventa gli esperti

Si diffonde più facilmente, è più grave ed è più resistente ai vaccini.

Più di un anno e mezzo da quando il Covid-19 è emerso in Cina – scintilla una pandemia globale che ha paralizzato le economie, ucciso milioni di persone e costretto alla chiusura dei confini internazionali: crescono i timori che il ceppo indiano del virus possa far fallire le tanto attese riaperture e far ricadere il mondo nella crisi.

La cosiddetta variante Delta, che è stata rilevata per la prima volta in India lo scorso ottobre, si è ora diffusa in almeno 62 paesi tra cui l'Australia ed è dietro un numero crescente di focolai in Asia e in Africa, ha affermato questa settimana l'Organizzazione mondiale della sanità.

Nel Regno Unito, la variante Delta – a cui l'OMS ha dato il nuovo nome per semplificare il suo nome scientifico, B.1.617.2, e per evitare di stigmatizzare i paesi che rilevano nuovi ceppi – rappresenta ora il 90% dei nuovi casi , che hanno ricominciato a crescere nonostante una campagna di vaccinazione di successo.

Venerdì, la Gran Bretagna ha registrato 8125 nuovi casi a livello nazionale, il numero giornaliero più alto in quattro mesi e un aumento settimanale del 58 per cento, con 158 persone ricoverate in ospedale.

I dati inquietanti stanno costringendo il governo a considerare di ritardare l'allentamento finale delle restrizioni il 21 giugno di due o quattro settimane, The Times riportato.

L'obiettivo è dare alle persone più tempo per ottenere il loro secondo colpo. Circa il 75% del Regno Unito è stato vaccinato, ma solo il 40% ha ricevuto due dosi.

I dati pubblicati questa settimana mostrano che i due terzi dei 383 ricoveri della variante Delta erano persone che non erano state vaccinati, mentre ci sono stati 42 ricoveri e 12 decessi in persone che avevano ricevuto entrambe le dosi del vaccino.

“Si tratta di dare certezza alle persone”, ha detto una fonte del governo The Times . “Lo scenario peggiore è che allentiamo le restrizioni e poi dobbiamo implementarle di nuovo. Questo deve essere un biglietto di sola andata.”

Il primo ministro britannico Boris Johnson dovrebbe aspettare fino a domenica per esaminare le cifre e prendere una decisione definitiva da annunciare, secondo il giornale, ma un il ritardo è ampiamente previsto.

Il quotidiano Sun ha riferito venerdì che Johnson avrebbe dovuto posticipare il “giorno della libertà” al 19 luglio.

Ciò è arrivato dopo che l'analisi di Public Health England ha mostrato che le infezioni sono aumentate a 42.323 da 12.431 la scorsa settimana, un balzo del 240 per cento.

Il signor Johnson ha detto ai leader mondiali al vertice del G7 venerdì che ” dobbiamo assicurarci di non ripetere alcuni degli errori che abbiamo commesso nel corso degli ultimi 18 mesi”.

Anthony Costello, pediatra britannico e membro del gruppo consultivo Independent SAGE, ha detto alla BBC all'inizio di questo mese che il 21 giugno era troppo presto per allentare le restrizioni.

Ha notato che si pensava che la variante Delta fosse dal 50 al 70% più trasmissibile, con una probabilità di ricovero in ospedale 2,7 volte maggiore , e ha mostrato prove di “fuga del vaccino”.

“Se hai avuto una dose del vaccino, sei protetto solo al 34%”, ha detto il dottor Costello.

“Se hai preso due dosi, sei protetto solo per due terzi. Ciò significa che ci sono milioni e milioni di persone che potrebbero essere infettate da questo virus. Ora, molti di loro saranno più giovani e i tassi di mortalità dovrebbero essere molto, molto più bassi. Ma molte persone potrebbero finire in ospedale, il servizio sanitario nazionale potrebbe essere gettato in un'altra ondata – semplicemente non lo sappiamo. “

Oltre alla maggiore trasmissibilità, ci sono rapporti aneddotici dall'India che la variante Delta è più grave nei bambini del cosiddetto ceppo Alpha.

E i medici che curano i pazienti in India hanno segnalato nuovi sintomi preoccupanti, tra cui cancrena e perdita dell'udito.

Un sondaggio YouGov pubblicato da Il Times di sabato ha rilevato che la maggioranza degli elettori britannici ha sostenuto il rinvio della riapertura del 21 giugno.

Il sondaggio ha rilevato che il 53% ha affermato che le restrizioni dovrebbero rimanere oltre giugno 21, con il 34% che afferma che dovrebbero finire.

Il primo ministro Scott Morrison, prima di volare ai colloqui del G7 nel Regno Unito all'inizio di questa settimana, ha avvertito che la preoccupante diffusione della variante Delta significava che l'Australia le frontiere potrebbero rimanere chiuse senza fine in vista.

“Hanno tassi di vaccinazione negli anni '70 e con la loro popolazione anziana anche più alti di quella , e hanno 4000 casi al giorno, ogni giorno – 4000 casi al giorno”, ha detto Morrison alla stazione radio di Perth 6PR.

L'ospite Liam Bartlett ha interrotto per notare “hanno confini aperti a molti più paesi di noi fare”.

“Esattamente, quindi se stai suggerendo che dovremmo mirare a una posizione in cui possiamo avere 4000 casi al giorno, allora no, non credo che gli australiani sarebbero d'accordo con te, ” ha detto il PM.

“Ti dirò cosa è reale, ti dirò cosa è reale. Tassi di vaccinazione nel Regno Unito superiori al 70% e oltre 4000 casi al giorno. I tassi di vaccinazione dove vado oggi a Singapore sono oltre il 40% e sono bloccati. Quindi quello che abbiamo sempre imparato da questa pandemia è che non ci sono assoluti. Il virus scrive le regole.”

frank.chung@news.com.au

45 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *