Il fumetto cinese prende in giro l'Aus “bifronte”

La Cina ha mostrato il suo disprezzo per i leader delle nazioni del G7 dopo che il gruppo si è unito per chiedere trasparenza da Pechino e spingere per una nuova indagine sulle origini della pandemia di coronavirus.

The Global Times, portavoce del Partito Comunista Cinese, ha promosso una vignetta che prendeva in giro i leader del G7 e li raffigurava come animali diversi.

L'immagine , intitolato The Last G7, è stato pubblicato dal fumettista cinese “Bantonglaoatang” sul sito di social media Weibo.

The Global Times ha affermato che il fumetto è stato elogiato sui social media domenica per “rivelare in modo vivido e diretto le cattive intenzioni dell'Occidente che cerca di assediare la Cina”.

CORRELATO: Il capo dell'OMS prende di mira la Cina

CORRELATO: La nuova inquietante mossa militare di Pechino

Il cartone è una parodia dell'Ultima Cena di Leonardo da Vinci e include raffigurazioni di nove animali che rappresentano gli Stati Uniti, il Regno Unito, Italia, Canada, Giappone, Germania, Francia, Australia e India.

L'Australia è rappresentata da un canguro, gli Stati Uniti sono un'aquila calva, il Regno Unito è un leone, il Canada è rappresentato da un castoro, La Francia è un gallo, l'India è mostrata come un elefante, l'Italia è un lupo, il Giappone è mostrato come un cane shiba inu e la Germania è rappresentata da un falco nero.

Altri elementi del cartone includono dollari USA stampato su un rotolo di carta igienica, una torta stampata con una mappa della Cina e un cane del Giappone che versano liquido verde nelle tazze di tutti da un bollitore contrassegnato con un simbolo di avvertimento radioattivo.

Una citazione sul fumetto recita: “ Attraverso questo possiamo ancora governare il mondo”.

The Global Times sostiene che le diverse espressioni facciali e gesti implicano che ogni leader del G7 ha la sua “propria ascia per macinare sulle cospirazioni comuni di sopprimere la Cina e sostenere l'egemonia occidentale”.

CORRELATO: Il piano della Cina per ferire Aus incontra un nuovo grande intoppo

La pubblicazione ha citato il vlogger “sharp zucca lingua” nel dire che la rappresentazione dell'Australia ha evidenziato la natura “bifronte” del paese.

“Seduto accanto al cane c'è un canguro, che sta allungando la mano sinistra verso le banconote che gli Stati Uniti sta stampando, tenendo nella mano destra una borsa”, The Global Times ha scritto,

“Il canguro simboleggia l'Australia dalla doppia faccia che collabora attivamente con gli Stati Uniti nel contenere la Cina, ma è anche desideroso di guadagnare denaro dalla Cina, il suo più grande partner commerciale, secondo la 'zucca dalla lingua tagliente'.”

La pubblicazione ha anche citato il vlogger dicendo che l'aquila degli Stati Uniti raffigura mostra il Paese “intrappolato nella sua crescente crisi del debito e nei conflitti razziali, ma punta ancora il dito contro la Cina”.

Continua affermando che il lupo che agita le mani mostra la riluttanza dell'Italia a collaborare con gli Stati Uniti contro la Cina e la bevanda verde versata dal Giappone è “l'acqua contaminata” che il Paese intende rilasciare nel Pacifico dalla distrutta centrale nucleare di Fukushima.

La pubblicazione ha anche affermato che il falco nero della Germania e il gallo della Francia sembrano più interessati alle proprie questioni piuttosto che alla “propaganda degli Stati Uniti”.

CORRELATO : Cina: Australia colpevole di 'abuso'

La vignetta arriva dopo che un comunicato diffuso a conclusione del vertice del G7 in Cornovaglia ha chiesto “il tempestivo, trasparente, esperto condotto dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), per determinare come è iniziata la pandemia.

Il gruppo ha anche invitato la Cina a “rispettare i diritti umani e le libertà fondamentali”, alludendo al suo trattamento della minoranza etnica uigura nello Xinjiang, così come a Hong Kong.

Un precedente studio dell'OMS sulle origini di Covid-19 è stato ostacolato dalla mancanza di cooperazione della Cina. Il direttore generale dell'organizzazione, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha affermato che non è “abbastanza ampio” e che sono necessarie “ulteriori indagini”.

Durante la conferenza stampa del presidente degli Stati Uniti Joe Biden al termine del vertice del G7 gli è stato chiesto cosa potrebbe fare la Cina per “allentare le tensioni” con altri Paesi.

“Penso che la Cina debba iniziare ad agire in modo più responsabile in termini di norme internazionali sui diritti umani e sulla trasparenza. La trasparenza conta su tutta la linea”, ha affermato Biden.

“Non abbiamo avuto accesso ai laboratori per determinare se o meno – e non sono giunto a una conclusione, perché la nostra comunità di intelligence non è ancora certa – che sia stata o meno una conseguenza di un mercato, un pipistrello che si interfacciava con gli animali (intendeva gli umani) … o se fosse stato un esperimento andato storto in un laboratorio.

“È importante sapere che .”

70 Views
(Visited 19 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *