Il pilota scopre una nota agghiacciante all'interno dell'aereo

Una lettera scritta a mano “agghiacciante” è stata scoperta più di 400 giorni dopo essere stata scritta, riassumendo in modo commovente il gigantesco bilancio della pandemia di coronavirus.

Il pilota della Delta Airlines Chris Dennis ha lasciato un biglietto all'interno della cabina di pilotaggio della nave Delta 3009 dopo averla parcheggiata all'aeroporto di Victorville, nel deserto della California, il 23 marzo dello scorso anno.

Era uno delle centinaia di aerei, tra cui diversi di proprietà di Qantas, che sono rimasti a terra quando il Covid-19 ha immobilizzato la popolazione e imposto divieti di viaggio diffusi.

La scorsa settimana, il Delta aereo è stato assegnato al primo ufficiale Nick P, che è stato incaricato di “svegliare” l'aereo per la prima volta in più di un anno.

“Una cosa che non si aspettava di trovare era Chris “lettera, nascosta su un vassoio sul tavolo del ponte di volo”, ha detto Delta.

CORRELATO: I voli Project Sunrise di Qantas potrebbero essere Sydney solo per anni

Le 57 parole della lettera “hanno catturato così tanto l'incertezza e l'emozione che tutti abbiamo provato nel marzo 2020” si legge in un post sulla pagina Facebook della compagnia aerea.

“Ehi piloti, è il 23 marzo e siamo appena arrivati da MSP [Minneapolis – Saint Paul International Airport]. È molto agghiacciante vedere così tanto della nostra flotta qui nel deserto”, si legge nella lettera del signor Dennis.

“Se sei qui per raccoglierlo, la luce deve essere alla fine del tunnel . Incredibile quanto velocemente sia cambiato. Avere un volo sicuro portandolo fuori dal deposito.”

La lettera “ha sottolineato la gravità del viaggio”, secondo la compagnia aerea, che ha annunciato che l'aereo si stava preparando per “prendere nuovamente il volo ” dopo 435 giorni.

Mr Dennis ha descritto di aver visto le centinaia di aerei parcheggiati per essere immagazzinati come “agghiaccianti, apocalittici e surreali” in un post che ha condiviso su Facebook il giorno dopo aver lasciato la lettera.

CORRELATO: I leader del G7 chiedono una nuova indagine sulle origini del Covid-19

“Oggi è stato un giorno Ricorderò per il resto della mia vita. Si è aperto un viaggio per portare un Delta A321 a Victorville, in California, per lo stoccaggio. Non avevo idea di cosa avrei visto o delle emozioni che avrei provato”, ha scritto.

“Agghiacciante, apocalittico, surreale… tutte parole che ancora non si adattano a ciò che sta accadendo nel mondo. Ognuno di questi velivoli rappresenta centinaia di posti di lavoro, se non di più.”

In due settimane di quarantena obbligatoria in quel momento, il suo post è servito come un duro promemoria di quanto aggressivamente il virus abbia preso il sopravvento come lo sapevamo.

Più di 400 persone hanno concordato con una petizione non ufficiale che chiedeva di dare all'A321 uno “schema di verniciatura personalizzato” per simboleggiare lo “spirito dell'America” o “speranza”.

76 Views
(Visited 3 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *