Il piano radicale del Paese per “convivere con il covid”

Un paese che è stato uno dei più riusciti al mondo nella lotta contro il Covid-19 ha annunciato che presto cambierà radicalmente il modo in cui gestisce la pandemia.

La città stato di Singapore ha dichiarato che il covid sarà trattato come altre malattie endemiche come l'influenza.

Non ci saranno obiettivi di trasmissione zero. La quarantena sarà scaricata per i viaggiatori e lo stretto contatto dei casi non dovrà isolare. Prevede inoltre di non annunciare più i numeri giornalieri dei casi.

Ma potrebbe essere necessario fare dei test per recarsi nei negozi o andare al lavoro.

I ministri anziani di Singapore hanno affermato che è il “nuova normalità” di “convivere con il covid”.

“La cattiva notizia è che il Covid-19 potrebbe non andare mai via. La buona notizia è che è possibile conviverci normalmente in mezzo a noi”, hanno scritto il ministro del commercio di Singapore Gan Kim Yong, il ministro delle finanze Lawrence Wong e il ministro della salute Ong Ye Kung in un editoriale sullo Straits Times questa settimana.

“Significa che il virus continuerà a mutare e quindi a sopravvivere nella nostra comunità.”

CORRELATO: Singapore pianificata per la prossima bolla di viaggio

Singapore non è mai arrivata a zero, ora non vuole

Come la maggior parte dei paesi, Singapore ha avuto un picco iniziale di casi lo scorso anno, arrivando a 600 casi al giorno a metà aprile. Dopo un'ondata più piccola ad agosto, da allora il Covid-19 non si è più manifestato.

Tuttavia, la nazione di 5,7 milioni, leggermente più grande di Sydney, ha avuto una corrente sotterranea costante di circa 20-30 casi ogni giorno . La nazione ha registrato 35 morti in totale.

Singapore ha rigorosi controlli alle frontiere con la maggior parte dei paesi, inclusi test all'arrivo, quarantena in hotel e ordini di soggiorno a casa.

Non è dissimile da Australia, ma Singapore varia le richieste sui viaggiatori a seconda del rischio nel luogo in cui hanno visitato l'ultima volta.

Ma tutto ciò sarebbe alla fine eliminato con il piano messo a punto dai ministri Kung, Yong e Wong che compongono la task force multiministeriale Covid-19 di Singapore.

“Ogni anno, molte persone prendono l'influenza. La stragrande maggioranza guarisce senza bisogno di essere ricoverata in ospedale e con pochi o nessun farmaco. Ma una minoranza, soprattutto gli anziani e le persone con comorbilità, può ammalarsi gravemente e alcuni soccombere.

“Non possiamo sradicarla, ma possiamo trasformare la pandemia in qualcosa di molto meno minaccioso, come l'influenza o la varicella, e andiamo avanti con le nostre vite “, ha detto il trio.

CORRELATO: Zero casi: la statistica di Covid-19 in Australia deve svezzarsi

Prima la vaccinazione, poi la riduzione delle restrizioni

La vaccinazione è stata fondamentale. La road map per le misure attuali non potrebbe iniziare fino a quando non saranno state colpite più persone.

Singapore è destinata a dare a due terzi dei suoi residenti almeno un jab entro settimane e ad avere due terzi completamente vaccinati all'inizio di agosto.

Singapore ha registrato alcuni locali completamente vaccinati che hanno contratto il Covid-19, ma nessuno di loro ha avuto sintomi gravi.

I ministri affermano che è probabile che ciò continui e aumenti potrebbero essere necessari colpi.

Anche i test dovrebbero essere più facili e veloci. I test autosomministrati, come gli etilometri, dovrebbero sostituire lo scomodo auricolare nella parte posteriore del metodo della gola.

Singapore's ' new covid normal'

I ministri hanno affermato che il Covid-19 potrebbe essere “domato” se non sconfitto.

Hanno definito quella che hanno definito “una nuova normalità”.

“Con il tempo, l'aeroporto, il porto, gli edifici per uffici, i centri commerciali, gli ospedali e le istituzioni educative potranno utilizzare questi kit per monitorare il personale e i visitatori. ”

Le persone con covid guarirebbero a casa perché i sintomi saranno per lo più lievi e i contatti stretti verrebbero vaccinati.

Poiché la maggior parte dei casi sarà meno problematica, la necessità di tracciare i contatti e la quarantena sarà bassa.

Un grande cambiamento sarebbe non riportare più i numeri dei casi giornalieri.

“Invece di monitorare i numeri di infezione da Covid-19 ogni giorno, ci concentreremo sul risultati: quanti si ammalano gravemente, quanti in terapia intensiva, quanti necessitano di essere intubati per l'ossigeno, e così via.

“Questo è come il modo in cui ora monitoriamo l'influenza.”

I ministri hanno scritto sullo Straits Times che questo sarebbe un modo per Singapore di uscire dalla Covid-19, riprendi i principali eventi e viaggia a livello internazionale.

La road map è in contrasto con il primo ministro australiano Scott Morrison, che non ha dettagliato come potrebbero tornare i viaggi internazionali.

On Channel 7' Sunrise ha detto che l'apertura dei confini rappresentava un rischio enorme.

“Una volta che lo fai entrare, non puoi più farlo uscire. Se facciamo gli altri passi che altri suggeriscono, dobbiamo sentirci a nostro agio con 5000 casi al giorno. Non credo che gli australiani sarebbero felici.”

Anche se ha aggiunto che l'Australia stava osservando da vicino i paesi altamente vaccinati.

“La cifra chiave in futuro sarà quante persone saranno soffre di una grave malattia, ed è ciò che stiamo osservando da vicino nel Regno Unito.”

I ministri di Singapore hanno affermato che il paese non era affatto in una fase in cui il piano post-covid potrebbe iniziare. Per il momento, le attuali restrizioni dovrebbero rimanere in vigore.

In effetti, il paese ha appena rafforzato l'ingresso alle persone dal Nuovo Galles del Sud a causa dell'attuale epidemia di Sydney.

Ma “una road map per transitare verso una nuova normalità” stava venendo insieme.

“La storia ha dimostrato che ogni pandemia farà il suo corso”.

43 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *