I residenti del Regno Unito affamati di viaggi si rallegrano

Le vacanze all'estero potrebbero essere solo poche settimane di distanza per le persone nel Regno Unito poiché le autorità esprimono il desiderio di consentire ai cittadini completamente vaccinati di entrare e uscire dal paese senza quarantena.

Il governo del Regno Unito ha rivelato che le persone che hanno ricevuto entrambe le dosi del vaccino Covid-19 potrebbero essere autorizzate a viaggiare liberamente entro il 26 luglio, secondo quanto riportato dal Times.

I tempi si allineano con le imminenti vacanze scolastiche del paese tra circa tre settimane.

Come parte del piano proposto, i residenti del Regno Unito potrebbero viaggiare in qualsiasi parte dell'Europa e nei paesi su un elenco “ambrato” , senza dover mettere in quarantena al loro ritorno.

CORRELATO: Come funzionerebbe il piano radicale di Singapore per convivere con il Covid in Australia

I residenti nel Regno Unito con accesso al servizio sanitario nazionale saranno i primi a viaggiare senza quarantena, con il governo che, secondo quanto riferito, è nelle fasi finali della firma di un accordo per renderlo applicabile a tutti i cittadini dell'Unione europea.

Sotto il viaggio relax, i viaggiatori del Regno Unito sarebbero autorizzati a rientrare liberamente dopo aver visitato paesi tra cui Cina, Italia, Messico, Canada, Tailandia, Corea del Sud, Francia e Stati Uniti.

L'Australia presenta sul Lista verde del Regno Unito, il che significa che i residenti sono già stati autorizzati a rientrare nel paese senza entrare in quarantena obbligatoria di 14 giorni.

CORRELATO: Perché alcuni australiani sono più disposti a correre il rischio AZ

Tali indennità potrebbero essere ancora tra un anno per le persone in Australia, dove la maggior parte dei confini di stato del paese rimane chiusa l'una all'altra a causa dei focolai della variante Delta.

L'Australia è anche molto indietro rispetto al lancio delle vaccinazioni nel Regno Unito e negli Stati Uniti, con meno dell'otto per cento degli adulti australiani vaccinati quattro mesi dopo l'introduzione.

La cifra è abissale se confrontata con gli Stati Uniti, dove il 46 per cento della popolazione è vaccinata e il Regno Unito, dove il 47% ha ricevuto un vaccino.

Il lancio in Australia è stato sventato da problemi di approvvigionamento precoce e ora, messaggi contrastanti che circondano il vaccino AstraZeneca.

CORRELATO: Perché milioni di australiani sono così confusi

Secondo quanto riferito, il primo ministro Scott Morrison ha colto di sorpresa i medici australiani questa settimana quando ha ha rivelato che tutti gli adulti potrebbero ricevere il vaccino AstraZeneca se prima chiedessero l'approvazione del proprio medico di famiglia.

L'annuncio è in netto contrasto con i consigli aggiornati dell'Australian Technical Advisory Group on Immunization (ATAGI) che raccomandava AstraZeneca per le persone oltre 60.

I leader di stato e territorio hanno incontrato lunedì Morrison per discutere nuove misure per combattere le epidemie del Delta, approdando alle vaccinazioni Covid obbligatorie per gli operatori dell'assistenza agli anziani.

Il signor Morrison ha affermato che la decisione costringere tutti i lavoratori dell'assistenza agli anziani ad avere almeno il loro primo vaccino entro la metà di settembre, non è stata presa alla leggera.

Il governo nazionale ha inoltre concordato di imporre la vaccinazione e il test di tutti i lavoratori in quarantena, compresi quelli nei trasporti, come così come i loro contatti familiari.

24 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *