Le immagini rivelano la tragica scala dei senzatetto nella famosa striscia di spiaggia

È uno dei luoghi più iconici di una città iconica: una striscia vibrante sinonimo di sole, sabbia, surf e uno spirito semplice e bohémien.

Ma in questo momento, la famosa Venice Beach di Los Angeles è diventata il punto zero per una crisi dei senzatetto che sta andando fuori controllo.

Dove turisti e gente del posto sarebbero normalmente passeggia tra le palme, il lungomare di Venezia è ora punteggiato da centinaia di tende improvvisate che sono sorte nelle ultime settimane mentre i dormiglioni si rifugiano, molti dei quali fuggono dalla famigerata area di Skid Row nel centro di Los Angeles.

Rubbish e gli oggetti personali sono sparsi su un tratto di lungomare di 1,6 km, comprese parti della spiaggia stessa, mentre l'AFP riferisce di “condizioni igieniche spaventose” e l'opprimente puzzo di urina.

La crisi ha portato a lamentele da parte di alcuni locali e imprenditori sulla violenza, comprese le sparatorie e l'aumento della criminalità nell'area, nonché sugli incendi causati dai campeggiatori.

“In nessun luogo l'idillio del lungomare della California si è scontrato con la triste realtà dei senzatetto di strada più che in Venice Beach”, il Los Angeles Times ha commentato in un articolo editoriale questo settimana.

Meno di 200 persone hanno dormito male a Venezia nel 2014, ma ora i numeri stanno aumentando a migliaia e le autorità stanno spingendo per chiamare lo stato di emergenza mentre lottano su come affrontarlo.

Ciò che ha reso Venezia la nuova Skid Row

“Non mi aspettavo di vedere così tanti senzatetto qui a Venezia. Già a Hollywood qualche giorno fa, ero un po' sorpreso, ma qui, tutte queste tende che si toccano, queste baracche, questi teloni, è quasi come un villaggio”, John Jackson, che era in visita dallo stato meridionale degli Stati Uniti dell'Alabama , ha detto all'AFP.

Prima della pandemia di Covid-19, le autorità costringevano i senzatetto che vivevano sulla spiaggia a smontare le tende durante il giorno. Ma le autorità cittadine hanno sospeso quella norma per limitare il rischio di contagio tra le persone già vulnerabili alla malattia.

I senzatetto nel veneziano, molti dei quali hanno perso posto nei rifugi e pasti gratis a causa della pandemia, hanno sfruttato l'emergenza sanitaria per convergere sulla spiaggia della città.

“I senzatetto fanno parte del folklore di Venezia dagli anni '60 o '70, ma ora il loro numero è esploso. E anche loro sono cambiati”, ha detto un assistente in un negozio di souvenir che non voleva essere nominato.

“Prima molti di loro erano hippy, barboni da spiaggia che avevano scelto più o meno questo modo di vita. Ora sono davvero dei poveri ragazzi. Quasi tutti là fuori stanno molto male fisicamente e mentalmente.”

“Vedo dolore, malattie mentali, droghe… Ed è stato difficile per me il mese scorso”, ha detto Denise Diangelo, una senzatetto che ha parlato con AFP vicino all'accampamento sulla spiaggia.

“Probabilmente il problema principale che ho avuto personalmente è stato dormire. Di solito mi piace dormire da solo vicino all'acqua, all'Oceano Pacifico, per stare lontano dai problemi.”

L'unico rifugio della signora Diangelo, dice, è un ombrellone da spiaggia.

Subito prima la pandemia quasi 2000 persone sono state registrate come senzatetto per le strade di Venezia. I numeri sono cresciuti costantemente.

Ma ora che la vita sta tornando alla normalità e i turisti stanno tornando, il campo per senzatetto sulla spiaggia sta iniziando a dare fastidio e persino ad assumere una tendenza politica.

Mike Bonin, un consigliere comunale che sostiene il trasferimento della popolazione senzatetto, si è trovato a scontrarsi con l'ufficio dello sceriffo della contea di Los Angeles e le associazioni di quartiere che vogliono un'evacuazione molto più energica dei senzatetto.

Un problema cronico in California

Come molte persone che visitare Los Angeles, il signor Jackson, il turista dell'Alabama, ha detto che non riesce a capire “perché tutte queste persone sono senzatetto quando la California ha la reputazione di essere così ricca”. In effetti, la California vanta la quinta economia mondiale in termini di PIL. Ma è anche uno degli Stati Uniti con la popolazione più povera.

Detiene il triste titolo di essere la casa della più grande popolazione di senzatetto d'America: più di 66.000 nella sola contea di Los Angeles prima del Covid-19 , in crescita di quasi il 13% rispetto all'anno precedente.

Uno dei motivi principali per questo, secondo l'agenzia cittadina di Los Angeles che cerca di affrontare i senzatetto, è la mancanza di alloggi a prezzi accessibili in una città in cui gli affitti è molto costoso.

Gli affitti sono aumentati del 65% dal 2010 al 2020, quasi il doppio del tasso medio di aumento per il paese nel suo insieme. Nello stesso periodo, il reddito familiare medio di Los Angeles è aumentato solo del 36%.

Alcuni gruppi stanno lavorando per fornire aiuti e alloggi ai senzatetto di Venezia, ma questo è un lavoro duro perché alcuni di loro hanno Vivo per strada da anni.

Prendiamo il caso di Rodrick Sims, che ha 50 anni ed è senzatetto da 15 anni. Ha detto che la sua discesa è iniziata quando ha divorziato.

“Non so cosa fare. Spero che mi diano, sai, un posto dove posso iniziare a imparare a vivere di nuovo dentro”, ha detto all'AFP mentre mangiava uva fuori dalla sua tenda sulla spiaggia.

“Lo farò ti dico, quando sei fuori, diventi selvaggio, come un uomo selvaggio e selvaggio”, ha detto il signor Sims.

Piani divisi per affrontare il problema

Nel frattempo, le autorità rimangono ai ferri corti su cosa fare.

Squadre per i senzatetto sono state inviate nell'area e il consigliere di Los Angeles Mike Bonin, il cui distretto comprende Venice Beach, ha dichiarato di aver pianificato di rimuovere gli accampamenti per senzatetto dal lungomare entro agosto.

Ha detto che i servizi abitativi sarebbero si è offerto di trasferire fino a 200 persone da lunedì.

Nel frattempo, lo sceriffo della contea di Los Angeles Alex Villanueva ha chiesto ai supervisori della contea di dichiarare lo stato di emergenza a Venezia, che è l'unico modo per attivare il finanziamento di emergenza federale.

Il signor Villanueva ha recentemente chiamato il sindaco di Los Angeles Eric Garcetti, così come i cinque supervisori della contea, “arc hitects of failure” per aver ostacolato gli sforzi della polizia per impedire alle persone di campeggiare a Venezia.

“Qual è il fallimento numero uno del governo locale, a livello di contea e città?” ha detto, secondo quanto riportato da Fox News.

“Perché ogni misura fallisce? Vediamo che il problema diventa sempre più grande ogni anno, perché la città e la contea hanno deciso che non regoleranno lo spazio pubblico. Quando non regolerai lo spazio pubblico, sarà occupato da qualcuno da qualche parte.”

Questa settimana il sindaco ha detto che non avrebbe partecipato a una “gara di pissing” con lo sceriffo della contea.

“Non ho intenzione di litigare con lo sceriffo, gli do il benvenuto qui”, ha detto martedì a Venezia Garcetti.

“Se non vuole avere la stampa conferenze ma vuole avere risultati, ieri abbiamo ospitato più persone di quante ne abbia avute per tutta la settimana. E ci si potrebbe chiedere la stessa cosa, dov'è stato? Non si tratta di lanciare pietre in giro.”

31 Views
(Visited 6 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *