Abitanti dei villaggi di montagna di Cipro sotto shock dopo un incendio boschivo

Gli abitanti dei villaggi dei monti Troodos di Cipro sono rimasti scioccati domenica, ora locale, quando hanno osservato le loro colline annerite dopo un incendio mortale alimentato da alte temperature e forti venti.

Vaso , una donna sulla cinquantina, ha raccontato la sua frettolosa ritirata con sua figlia nella loro auto mentre le fiamme si sono spente sabato nel suo villaggio di Odos, ai piedi meridionali della catena dei Troodos.

“Mio marito mi ha detto : 'Prendi nostra figlia e vai'”, ha detto. “L'abbiamo detto alle autorità ma purtroppo i soccorsi tardano ad arrivare.”

I vigili del fuoco si sono imbattuti nei corpi di quattro operai egiziani uccisi nell'incendio a poche centinaia di metri dal villaggio.

Il loro veicolo bruciato era precipitato in un burrone e i corpi sono stati trovati a circa 600 metri di distanza.

Un poliziotto sul posto ha detto all'AFP che sembravano essere fuggiti dal veicolo a piedi ma sono corsi in direzione del fiamme alimentate dal vento, in un fallito tentativo di fuga.

Un abitante di un altro villaggio vicino, Ora, ha descritto una scena di panico sabato mentre suonavano le campane della chiesa.

“È è andato tutto buio; non potevamo respirare. Il capo del villaggio ci ha detto di andare, andare, andare”, ha detto Elpida Papastylianou, 64 anni. “Le campane della chiesa continuavano a suonare”.

La CNN riferisce che un uomo è stato arrestato in relazione all'incendio, ma le autorità non ha rivelato la causa.

L'incendio è una “traedia senza precedenti”, ha detto il presidente di Cipro Nicos Anastasiades in una trasmissione in diretta.

Con l'incendio principale messo in gran parte sotto controllo domenica, ora locale, Akis Giorgiou ha detto di essere rimasto per proteggere la sua casa a cinque chilometri di distanza, nel villaggio di Arakapas.

“Tutto era un incubo e un vero inferno qui, il villaggio era circondato dal fuoco”, ha detto il 45 -anni.

L'incendio ha danneggiato o distrutto circa 50 case, molte delle quali ad Arakapas, ha detto il ministero dell'Interno.

Il calore e il fumo dell'incendio hanno ucciso più di 50 persone, 0000 polli in una fattoria vicino a Ora, ha riferito un fotografo dell'AFP.

Il presidente Anastasiades ha affermato che più di 50 chilometri quadrati di foreste e terreni agricoli erano stati distrutti.

“Ho pianto quando ho visto cosa succede d al paesaggio”, ha detto Andria, una trentenne originaria di Arakapas.

“Sono ancora sotto shock”, ha detto, con le mani che tremano davanti a una tazza di caffè nella taverna del villaggio.

L'ottantenne Giorgiu Herculis è scoppiato in lacrime. “È stato il peggior incendio della mia vita. Non avevo mai visto niente del genere. È stato terribile”, ha detto.

Dopo diverse ore di lotta alle fiamme con l'aiuto di elicotteri e aerei antincendio, gli operatori della protezione civile hanno avvertito che le colline fumanti potrebbero riaccendersi in caso di ritorno di forti venti.

Italia e Grecia hanno inviato aerei in aiuto, mentre Israele ha schierato un C-130 Hercules e due aerei antincendio “Air Tractor”.

La Gran Bretagna, che ha basi militari a Cipro, ha schierato due elicotteri di ricerca e soccorso.

Un agricoltore di 67 anni è stato arrestato e posto in custodia cautelare con l'accusa di aver innescato l'incendio, un'accusa che ha negato.

È stato visto da un testimone oculare lasciando il villaggio di Arakapas nella sua auto nello stesso momento in cui è iniziato l'incendio, ha detto la polizia.

44 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *