Uomo, 46 anni, accusato di omicidio dopo che la “adorabile” mamma di due, 43 anni, è stata accoltellata a morte

Un uomo è stato accusato di omicidio dopo che una “adorabile” mamma di due figli è stata accoltellata a morte a Manchester.

Aubrey Padi, 46 anni, è stato accusato dell'omicidio della 43enne Tamara Padi.

È stato rinviato a giudizio ed è apparso al Manchester Magistrates Il tribunale di oggi.

I poliziotti sono stati chiamati intorno alle 3.40 di mercoledì scorso da paramedici che chiedevano assistenza in una casa su Lake Road nell'area di Stalybridge.

Tamara è stata portata d'urgenza in ospedale con ferite da taglio ma è morta poco dopo.

Sua figlia Tia Padi ieri ha reso un tributo straziante a sua madre.

Ha scritto: “Mi sento così sconvolta a dover scrivere questo. Tutto sembra ancora così surreale quando mi sono svegliato con questo oggi, semplicemente non è stato lo stesso sapendo che non eri qui, sapendo che la donna più importante della mia vita non è più qui con me.

“Non solo ho perso mia madre, ma anche la mia migliore amica tutta in una volta.

“Sei sempre stata un'anima così felice ed estroversa, hai sempre saputo come farmi sorridere semplicemente stando il tuo io pazzo e felice.

“Spero che tu sappia che eri e sei ancora amato da tutti e mi assicurerò di prendermi cura di Mia per te. Ti amo.”

Gli amici intimi di Tamara hanno reso omaggio sui media dopo la sua tragica morte.

Tanagra Jabu Nala ha scritto su Facebook: “Ho il cuore spezzato. Sembra ieri che stavamo discutendo con te che studiavi legge e tu l'hai portato a ulteriori vette.

“La tua bellezza, gentilezza e intelligenza rimarranno nei nostri cuori per sempre.

“Mia il cuore è con i tuoi bellissimi e adorabili bambini.”

Parlando al Manchester Evening News, l'ex collega Adele Gardiner ha dichiarato: “Sono scioccata, era una donna così adorabile.

“Era una ragazza così divertente ed estroversa.”

Questo articolo è apparso originariamente su The Sun ed è stato riprodotto con il permesso

21 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *