Impatto “drammatico” di “oscillazione” della luna

La NASA ha avvertito che una “oscillazione” nell'orbita della Luna e l'innalzamento del livello del mare inizieranno “un decennio di drammatici aumenti del numero delle inondazioni” negli anni 2030.

Si dice che ogni costa degli Stati Uniti dovrà affrontare alte maree in rapido aumento che vedranno uno tsunami di problemi per il globo.

CORRELATI: Almeno 67 morti per le inondazioni dell'Europa occidentale

La conclusione, pubblicata sulla rivista Nature Climate Change dal Sea Level Change Science Team della NASA dell'Università delle Hawaii, ha a che fare con il ciclo della Luna, che impiega 18,6 anni per essere completato secondo la NASA.

La NASA spiega che queste inondazioni si verificheranno probabilmente in gruppi che dureranno un mese o più, il che significa che il loro impatto sarà molto più grave del solito, a seconda delle posizioni del Sole, della Luna e della Terra .

Per metà del periodo di tempo le maree non saranno un problema, ma “l'alta marea aumenta e la bassa marea si abbassa. L'innalzamento globale del livello del mare spinge le alte maree in una sola direzione: più in alto.

Quindi metà del ciclo lunare di 18,6 anni contrasta l'effetto dell'innalzamento del livello del mare sulle alte maree e l'altra metà aumenta l'effetto ”, ha spiegato la NASA.

Attualmente, la Luna non è nel suo ciclo di amplificazione delle maree e non c'è motivo di preoccuparsi di drammatiche inondazioni.

Tuttavia, quando la Luna ritorna ciclo di amplificazione delle maree, i mari avranno avuto quasi un decennio per alzarsi.

“I mari più alti, amplificati dal ciclo lunare, causeranno un aumento del numero di inondazioni su quasi tutte le coste della terraferma degli Stati Uniti, Hawaii, e Guam.

Solo le coste più settentrionali, inclusa quella dell'Alaska, saranno risparmiate per un altro decennio o più perché queste aree di terra stanno aumentando a causa di processi geologici a lungo termine”, ha detto la NASA mercoledì.

Quanto saranno gravi le inondazioni? Gli scienziati prevedono che ci saranno più di 2000 inondazioni ogni anno entro il 2030.

In confronto, nel 2019 ci sono state 600 alluvioni, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration.

Amministratore della NASA Bill Nelson ha affermato che la combinazione dell'attrazione gravitazionale della luna, che causa in primo luogo le maree, e il cambiamento climatico sono le ragioni dietro le previste inondazioni.

“Le aree basse vicino al livello del mare sono sempre più a rischio e sofferenza a causa dell'aumento delle inondazioni e non farà che peggiorare”, ha affermato Nelson nella dichiarazione.

Lo studio ha determinato che alcune inondazioni potrebbero verificarsi in gruppi, il che significa che potrebbero durare più di un mese.

A seconda della posizione della Luna, del Sole e della Terra, alcune città potrebbero subire un'alluvione in giorni consecutivi o ogni due giorni.

“Se si allaga 10 o 15 volte al mese, un'azienda può 't continuare a operare con il suo parcheggio sott'acqua. Le persone perdono il lavoro perché non possono andare a lavorare. L'infiltrazione di pozzi neri diventa un problema di salute pubblica”, ha affermato Phil Thompson, assistente professore presso l'Università delle Hawaii e autore principale dello studio.

La NASA spera che il rilascio dei loro risultati aiuterà le città potenzialmente colpite ad adottare misure per evitare troppi danni.

Questa storia è stata pubblicata dal New Zealand Herald ed è stata ripubblicata con il permesso.

54 Views
(Visited 6 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *