Adolescente picchiato a morte per aver indossato i jeans

Continuano a emergere notizie di giovani donne in India che sono state brutalmente aggredite mentre la loro famiglia allargata si sarebbe rivolta loro per cose banali come le loro scelte di vestiti.

Neha Paswan, 17 anni, è morta la scorsa settimana dopo essere stata picchiata a morte dai membri della sua famiglia allargata nello stato settentrionale dell'Uttar Pradesh.

L'attacco, che ha visto Neha picchiata con dei bastoni, sarebbe iniziato perché a suo nonno e agli zii non piaceva indossava i jeans.

Parlando con la BBC, sua madre Shakuntala Devi Paswan ha detto che Neha indossava jeans a casa per eseguire un rituale religioso quando è iniziata la discussione.

“Aveva tenuto un digiuno religioso di un giorno. La sera, ha indossato un paio di jeans e un top ed ha eseguito i suoi rituali. Quando i suoi nonni si sono opposti al suo abbigliamento, Neha ha ribattuto che i jeans erano fatti per essere indossati e che li avrebbe indossati “, ha detto la signora Paswan alla pubblicazione.

Neha era stata nella sua casa nel villaggio di Savreji Kharg a Deoria distretto, vicino al confine nepalese.

La signora Paswan ha detto che un'altra famiglia, non coinvolta nell'attacco, ha chiamato un risciò per cercare di portare Neha, allora incosciente, all'ospedale.

Tuttavia , la polizia sostiene che l'autista del risciò abbia tentato di sbarazzarsi del corpo di Neha, ma la famiglia l'ha trovata il giorno dopo appesa su un ponte vicino.

“Non mi hanno permesso di accompagnarli, quindi ho avvisato i miei parenti che si è recata all'ospedale distrettuale per cercarla ma non è riuscita a trovarla”, ha detto la signora Paswan.

Neha è stata trovata impiccata a un ponte sul fiume Gandak.

Dieci membri di La famiglia di Neha è stata accusata di omicidio e distruzione di prove, inclusi i nonni, gli zii, i cugini di Neha e l'autista del risciò.

La signora Paswan ha affermato che i nonni di Neha si sono spesso scontrati con l'adolescente per il suo desiderio di indossare abiti più moderni, invece dei tradizionali abiti indiani.

A marzo, migliaia di donne si sono rivolte ai social media per condividere foto di se stesse in jeans strappati dopo il commento stonato di un politico ha scatenato l'indignazione globale.

Tirath Singh Rawat, primo ministro dello stato dell'Uttarkhand, nell'India settentrionale, ha affermato che le donne che indossano jeans strappati stanno dando un “cattivo esempio” per i bambini.

“Kaynchi se sanskaarn (maniere acute) – mostrare le ginocchia nude, indossare jeans strappati e sembrare ragazzini ricchi – questi sono i valori che vengono dati ora”, ha detto in un forum anti-abuso di sostanze.

“Da dove viene questo , se non a casa? Qual è la colpa degli insegnanti o delle scuole? Dove sto portando mio figlio, mostrando le ginocchia e con i jeans a brandelli?

“Le ragazze non sono da meno, mostrando le ginocchia. È buono questo? Mentre il mondo occidentale ci segue, facendo yoga… coprendosi adeguatamente il corpo. E corriamo verso la nudità.

“Ciò che facciamo, i nostri figli lo seguono. Un bambino a cui viene insegnata la giusta cultura a casa, non importa quanto moderno diventi, non fallirà mai nella vita.”

45 Views
(Visited 7 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *