L'ufficiale di polizia del Campidoglio descrive vili abusi razzisti

La commissione del Congresso degli Stati Uniti istituita per indagare sulla rivolta del Campidoglio ha tenuto oggi la sua prima udienza a Washington DC.

La commissione ristretta ha ascoltato quattro testimoni: gli agenti di polizia del Campidoglio Harry Dunn e Aquilino Gonell, e gli agenti della polizia metropolitana Michael Fanone e Daniel Hodges.

Il 6 gennaio, tutti e quattro gli uomini erano tra le forze dell'ordine che difendevano il Campidoglio da una folla di sostenitori dell'ex presidente Donald Trump, che stavano cercando di fermare Congresso dal certificare la vittoria di Joe Biden alle elezioni del 2020.

Il signor Hodges è l'ufficiale che è stato filmato mentre veniva schiacciato in una porta, urlando di dolore, mentre una parte della folla cercava di forzare l'ingresso nell'edificio.

Il signor Fanone è stato invaso dai rivoltosi, trascinato giù per i gradini del Campidoglio, colpito con una pistola stordente e picchiato. Ha subito un attacco di cuore e una commozione cerebrale.

La folla ha cercato di rubare la sua arma di servizio e uno dei rivoltosi è stato sentito urlare: “Uccidilo con la sua stessa pistola!” È sopravvissuto gridando che era un padre, cosa che ha spinto alcuni membri della mafia ad aiutarlo a mettersi in salvo.

“Ciò che rende la lotta più dura e dolorosa è conoscere tanti miei concittadini, tra cui così tante delle persone per cui ho messo a rischio la mia vita per difendere, stanno minimizzando o negando apertamente quello che è successo”, ha detto Fanone all'udienza di oggi.

“Mi sento come se fossi andato all'inferno e tornato per proteggerli , e le persone in questa stanza, ma ora sono in troppi a dirmi che l'inferno non esiste, o che l'inferno non era poi così male.

“L'indifferenza mostrata ai miei colleghi è vergognosa.”

CORRELATO: Il Congresso degli Stati Uniti scoppia in un atto “senza precedenti”

“Questo negro ha votato per Biden”

Il signor Dunn, un ufficiale afroamericano, ha descritto l'abuso razziale che ha dopo aver detto ai rivoltosi che aveva votato per il signor Biden.

“Ho detto loro di lasciare il Campidoglio e in risposta hanno urlato: 'Nessuno, questa è casa nostra. Il presidente Trump ci ha invitato qui. Siamo qui per fermare il furto. Joe Biden non è il presidente. Nessuno ha votato per Joe Biden'”, ha raccontato.

“Sono un agente delle forze dell'ordine e faccio del mio meglio per tenere la politica fuori dal mio lavoro, ma in questa circostanza ho risposto: 'Beh io ha votato per Joe Biden. Il mio voto non conta? Non sono nessuno?'

“Ciò ha provocato un torrente di epiteti razziali. Una donna con una maglietta MAGA rosa ha urlato: “Avete sentito ragazzi? Questo negro ha votato per Joe Biden.'

“Poi la folla, forse circa 20 persone, si è unita alle urla. 'Boo, fottuto negro' Nessuno mi aveva mai, mai chiamato un mentre indossavo l'uniforme.

“Nei giorni successivi alla tentata insurrezione , altri ufficiali neri hanno condiviso con me le loro storie di abusi razziali il 6 gennaio. Un ufficiale mi ha detto che non era mai stato, in tutti i suoi 40 anni di vita, stato chiamato in faccia un , e quella serie si è conclusa il 6 gennaio

“Un altro ufficiale nero in seguito mi ha detto di essere stato affrontato da insurrezionisti all'interno del Campidoglio, che gli hanno detto: 'Metti giù la pistola e ti mostreremo che razza di negro lo sei davvero.'”

L'indagine della commissione è già stata viziata dalla politica.

A maggio, i repubblicani al Senato hanno bloccato la creazione di una commissione bipartisan per indagare sulla rivolta e gli eventi che la circondano. Quella commissione sarebbe stata composta da un numero uguale di repubblicani e democratici.

Incapace di procedere con quell'idea, la presidente della Camera Nancy Pelosi ha invece creato un comitato ristretto, con sette membri democratici e due repubblicani.

Entrambi i repubblicani, Liz Cheney e Adam Kinzinger, stanno prendendo parte contro la volontà della leadership del loro partito, che ha etichettato l'indagine come una “farsa” partigiana.

Durante la sua testimonianza, il signor Dunn ha risposto a quell'argomento.

“C'è stato un sentimento che è andato in giro che dice: 'Tutti stanno cercando di rendere politico il 6 gennaio'. Beh, non è un segreto che fosse politico”, ha detto.

“Quindi quando la gente dice che non dovrebbe essere politico: lo è! Lo era, ed è. Non c'è modo di aggirarlo.

“Dire la verità non dovrebbe essere difficile. Combattere il 6 gennaio è stato difficile. Presentarsi il 7 gennaio è stato difficile.

“Liz Cheney e Adam Kinzinger vengono lodati come eroi coraggiosi, e anche se sono d'accordo con questa idea, perché? Perché hanno detto la verità? Perché dire la verità è difficile? Immagino che in questa America lo sia.

“Noi quattro ufficiali, rifaremmo tutto da capo il 6 gennaio. Non saremmo rimasti a casa perché sapevamo che sarebbe successo. È coraggioso. È eroico.

“Quindi quello che ti chiedo è di andare a fondo di quello che è successo.”

Ha paragonato il signor Trump, le cui bugie sulle elezioni “truccate” contro ha attirato i suoi sostenitori a Washington, a qualcuno che assume un sicario.

“Se viene assunto un sicario e uccide qualcuno, il sicario va in prigione. Ma non solo il sicario va in prigione, ma anche la persona che li ha assunti”, ha detto Dunn.

“C'è stato un attacco effettuato il 6 gennaio e un sicario li ha mandati. Voglio che tu vada fino in fondo. Grazie.”

'Morirai in ginocchio'

Il signor Hodges ha detto al comitato che uno dei rivoltosi aveva cercato di “costruire un rapporto” con lui, chiedendo: “Sei mio fratello?”

“Un altro ha preso una tattica diversa, gridando : 'Morirai in ginocchio'”, ha detto.

Questo è stato prima di rimanere intrappolato sulla soglia, un calvario che ha continuato a descrivere in dettaglio.

“Ho era essenzialmente indifeso, e gradualmente si feriva a causa della pressione della folla.

“Un uomo ha colto l'occasione della mia vulnerabilità, ha afferrato la parte anteriore della mia maschera antigas e l'ha usata per sbattere la testa contro la porta. ”

Lo stesso uomo alla fine ha strappato la maschera del signor Hodges, poi ha afferrato il suo manganello e lo ha picchiato sulla testa con esso.

“Sapevo che non avrei potuto subire molti più danni e rimanere in piedi. Nella migliore delle ipotesi, crollerei e sarei un peso per i miei colleghi. Nel peggiore dei casi, essere trascinato tra la folla e linciato.

“Incapace di muovermi e segnalare agli agenti dietro di me che dovevo ripiegare, ho fatto l'unica cosa che potevo e ho gridato aiuto . Per fortuna la mia voce è stata ascoltata.”

I colleghi del signor Dunn lo hanno aiutato a ripiegare, brevemente. Dopo essersi ripreso, è tornato alla rissa.

Il signor Gonell ha preso di mira Trump, dicendo che l'ex presidente era personalmente responsabile dell'attacco.

Alla domanda sulla descrizione del signor Trump del folla al suo raduno il 6 gennaio come “amorevole” (in precedenza ha affermato che i rivoltosi stavano “abbracciando e baciando” le forze dell'ordine, l'ufficiale di polizia era sprezzante.

“È sconvolgente. È una scusa patetica per il suo comportamento, per qualcosa che lui stesso ha contribuito a creare, questa mostruosità”, ha detto Gonell.

“Mi sto ancora riprendendo da quegli 'abbracci e baci' quel giorno.

“È offensivo. È demoralizzante. Tutto ciò che abbiamo fatto è stato impedire alle persone in Campidoglio di farsi male. E quello che stava facendo, invece di inviare i militari, il supporto o dire ai suoi sostenitori di smetterla con queste sciocchezze, li ha incitati.

“Tutti ci dicevano: 'Trump ci ha mandato'. Nessun altro. Non era Antifa, non era Black Lives Matter, non era l'FBI. Sono stati i suoi sostenitori che ha mandato. Ha co Avrei fatto molte cose.

“Quello a cui siamo stati sottoposti quel giorno era come qualcosa di una battaglia medievale. Abbiamo combattuto corpo a corpo, centimetro dopo centimetro.”

A un certo punto si sentiva “perdere ossigeno”.

“Ricordo di aver pensato tra me e me: 'Ecco come Sto per morire, difendendo questo ingresso'”, ha detto.

“Ci sono alcuni che esprimono indignazione quando qualcuno si inginocchia mentre chiede giustizia sociale”, ha aggiunto, alludendo alle critiche degli atleti per essersi inginocchiati durante l'inno nazionale.

“Dove sono quelle stesse persone che esprimono lo sdegno di condannare il violento attacco alle forze dell'ordine, il Campidoglio, nella nostra democrazia? Sto ancora aspettando.

“Non chiediamo medaglie o riconoscimenti. Vogliamo semplicemente giustizia e responsabilità.”

'Dobbiamo sapere cosa è successo'

La sig.ra Cheney, la repubblicana di rango nel comitato, ha implicitamente dato un'oscillazione alla leadership del suo stesso partito nella sua dichiarazione di apertura.

“Ognuno di noi qui ha votato per, e Avrei preferito che queste questioni fossero indagate da una commissione indipendente e apartitica, composta da cinque eminenti americani scelti da ciascuna parte”, ha affermato la signora Cheney.

“È stata sconfitta dai repubblicani al Senato. E questo ci lascia dove siamo oggi.

“Non possiamo lasciare ignote le violenze del 6 gennaio e le sue cause. Il popolo americano merita la testimonianza piena e aperta di ogni persona con conoscenza della pianificazione e preparazione del 6 gennaio. Dobbiamo sapere cosa è successo qui in Campidoglio.

“Dobbiamo anche sapere cosa è successo ogni minuto di quel giorno alla Casa Bianca. Ogni telefonata, ogni conversazione, ogni incontro prima, durante e dopo l'attacco.

“Se i responsabili non sono ritenuti responsabili e se il Congresso non agisce in modo responsabile, questo rimarrà un cancro per il nostro repubblica costituzionale, minando il trasferimento pacifico del potere al centro del nostro sistema democratico.

“Affronteremo la minaccia di ulteriori violenze nei mesi a venire, e un altro 6 gennaio ogni quattro anni.

“Dobbiamo superare i molti sforzi che stiamo già vedendo per insabbiare e oscurare i fatti.”

Ogni altro membro del comitato ha fatto un monologo comparabile. Non li esamineremo tutti, ma vale la pena menzionare l'unico repubblicano della signora Cheney, il signor Kinzinger, che è scoppiato in lacrime mentre si rivolgeva ai testimoni.

“Voi ragazzi potreste, individualmente, sentire un un po' rotto”, ha detto il signor Kinzinger.

“Ma voi ragazzi avete vinto. Ragazzi, avete tenuto. Sai, le democrazie non sono definite dai nostri giorni brutti. Siamo definiti da come torniamo dai giorni brutti. Come ci assumiamo la responsabilità.

“E nonostante tutta la retorica surriscaldata che circonda questo comitato, la nostra missione è molto semplice. È per trovare la verità ed è per garantire la responsabilità.”

Trump denuncia le indagini

In una dichiarazione rilasciata prima dell'udienza di oggi, Trump ha definito l'indagine del comitato ristretto “falsa” e “altamente partigiana”.

Ha accusato la Pelosi delle scene del 6 gennaio C'è una convinzione a destra, sposata da alcuni politici repubblicani, che il Presidente abbia negato una richiesta per le truppe della Guardia Nazionale di essere di stanza in Campidoglio due giorni prima dell'insurrezione.

Non ci sono prove per quella teoria al momento. Se una tale prova esiste, presumibilmente verrà fuori durante l'indagine del comitato.

“Nancy Pelosi sta spendendo molto tempo, sforzi e denaro per la formulazione di un comitato falso e altamente partigiano del 6 gennaio. ”, ha detto Trump.

“Nancy indagherà su se stessa e su quelli a Capitol Hill che non volevano protezione aggiuntiva, tra cui più polizia e Guardia Nazionale, quindi essere impreparata nonostante la grande folla di persone che tutti conoscevano stava arrivando?

“Nancy e il suo comitato studieranno la massiccia frode elettorale che ha avuto luogo durante le elezioni presidenziali del 2020, in particolare negli stati in bilico, questo è stato il motivo per cui centinaia di migliaia di persone si sono riversate a Washington e, quindi, deve essere un fattore importante nel rapporto finale della commissione?”

Ci siamo già passati, ma sono obbligato a notare che il signor Trump e i suoi alleati non hanno mai prodotto uno straccio di prova credibile per sostenere le sue affermazioni di frode elettorale diffusa.

L'ex presidente impugnato i risultati elettorali in tribunale. Le sue affermazioni sono state ascoltate da una lunga serie di giudici, molti dei quali erano conservatori nominati dallo stesso Trump.

Queste cause sono state respinte e i giudici hanno ripetutamente rimproverato il team legale di Trump per non aver offerto prove a sostegno della sua accuse.

Non credermi sulla parola. Ecco la sentenza scritta dal giudice Stephanos Bibas, nominato da Trump, per conto dei conservatori d'appello della Corte distrettuale del terzo. È rappresentativo del periodo post-elettorale.

Torna alla dichiarazione di Trump.

“Nancy rilascerà le migliaia di ore di nastri così possiamo vedere fino a che punto Antifa e Black Lives Matter ha avuto un ruolo, rivelando anche chi ha ucciso Ashli Babbitt? Occorre fare un'indagine reale e approfondita su questo”, ha continuato.

“E che dire di tutte le violenze, gli omicidi, le rivolte e gli incendi che hanno avuto luogo nelle città democratiche in tutti gli Stati Uniti da Antifa e Black Lives Matter, senza praticamente alcuna conseguenza per questa morte e distruzione?”

In effetti, migliaia di persone sono state arrestate durante le proteste a livello nazionale di Black Lives Matter dello scorso anno, scoppiate in risposta all'omicidio di George Floyd.

Diverse centinaia di quelle proteste si sono trasformate in violenze. Tuttavia, uno studio ha rilevato che il 93 percento delle manifestazioni era pacifico.

Come ha precedentemente testimoniato il direttore dell'FBI Christopher Wray, non ci sono prove di sorta che Antifa o Black Lives Matter abbiano “giocato un ruolo” il 6 gennaio.

La signora Babbitt, una veterana dell'aeronautica di 35 anni, era tra i sostenitori di Trump che hanno attaccato il Campidoglio. Un ufficiale di polizia le ha sparato mentre cercava di aprirsi un varco attraverso una porta barricata ed entrare nell'atrio dell'oratore, che è adiacente alla camera della Camera dei rappresentanti.

Al momento della sparatoria, la polizia era ancora in il processo di evacuazione dei membri del Congresso dalla camera.

I pubblici ministeri dell'ufficio del procuratore degli Stati Uniti hanno deciso che l'ufficiale non aveva alcun caso a cui rispondere.

Il signor Trump ha passato gli ultimi due mesi a chiedere che le autorità rivelino pubblicamente il nome dell'ufficiale. Ha definito la signora Babbitt una “donna innocente, meravigliosa, incredibile”.

Ancora una volta, tornando alla dichiarazione.

“Nancy esaminerà le feroci indagini partigiane di conservatori e repubblicani che stanno avvenendo dai pubblici ministeri di tutto il paese?” ha chiesto il signor Trump.

“L'indagine quinquennale su di me e tutto ciò che molti hanno dovuto affrontare, inclusa la falsa accusa di Russia, Russia, Russia e compresi i pubblici ministeri di New York controllati dai democratici che lavorano 24 ore su 24 per ottenere il presidente Donald Trump, mentre assassini, spacciatori di droga e trafficanti di esseri umani sono liberi!”

Non è chiaro a quali “indagini di parte” si riferisse Trump. Se queste indagini stanno davvero avvenendo “in tutto il Paese”, forse la prossima volta vorrebbe citare un esempio.

Il suo problema con i pubblici ministeri di New York è più evidente: hanno accusato la Trump Organization e il suo direttore finanziario di lunga data Allen Weisselberg su un presunto piano per frodare lo stato falsificando i documenti aziendali.

Tornato a Washington, il capo della polizia del Campidoglio Tom Manger ha elogiato i quattro agenti per aver preso parte all'udienza.

“Sono orgoglioso degli ufficiali che hanno avuto il coraggio di condividere le loro storie di fronte al comitato ristretto e al nostro intero paese per descrivere gli orrori e l'eroismo del 6 gennaio”, ha detto Chief Manger.

“Sono ugualmente orgoglioso di tutti in questo dipartimento e delle nostre agenzie partner che hanno combattuto come un inferno per preservare la nostra democrazia.”

34 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *