Possiamo fermare le Olimpiadi, non ci sarà medaglia d'oro più importante di questa

Il sollevatore di pesi trionfante Hidilyn Diaz può ora rilassarsi dopo anni di esilio, sacrificio, allenamento e nutrizione.

Il suo ultimo massiccio sollevamento di 127 kg ha eclissato il detentore del record mondiale cinese Liao Qiuyun nella classe femminile 55 kg e ha dato al suo paese un primo oro dopo 97 anni di competizioni olimpiche.

La sollevatrice di pesi, scoppiata in lacrime mentre veniva suonato l'inno nazionale del suo paese, è stata costretta a costruire la sua palestra quando è rimasta bloccata in Malesia a causa di un'epidemia di Covid-19.

Diaz, che misura solo 1,58 alto m, utilizzava oggetti di uso quotidiano per allenarsi, anche utilizzando due borracce appese a un palo di bambù per fare esercizio.

“No barbo, No problem. Bastone di bambù e 2 grandi bottiglie d'acqua”, ha scritto su Instagram, spiegando il suo regime di allenamento.

Diaz, 30 anni, si era già assicurato un posto nel folklore sportivo del suo paese – insieme a artisti del calibro di Manny Pacquiao – come l'unica donna del vasto arcipelago ad aver mai vinto una medaglia olimpica quando ha conquistato un argento a sorpresa nella classe 53 kg a Rio cinque anni fa.

Ciò ha posto fine a una siccità di 20 anni di medaglie per il paese che per primo ha gareggiato sul palcoscenico olimpico nel 1924 a Parigi.

CORRELATO: La pugile australiana Skye Nicolson infrange il sogno olimpico in nove minuti

Era determinata a trasformare l'argento di Rio nell'oro di Tokyo e ha reclutato il miglior allenatore cinese Gao Kaiwen due mesi prima di vincere il primo oro del suo paese ai Giochi asiatici di sollevamento pesi a Jakarta nel 2018.

Gao, che è stato anche capo allenatore della squadra cinese nazionale dell'esercito femminile, “ha fatto la differenza nei miei sollevamenti”, ha detto Diaz. “È una persona positiva e mi piace averlo intorno a me.”

Gao ha allenato diverse medaglie olimpiche cinesi tra cui la vincitrice dell'oro dei pesi massimi nel 2012 Zhou Lulu.

La sua esperienza è stata inestimabile alla donna in servizio dell'aeronautica militare delle Filippine Diaz, che è sbocciata in ritardo nella sua carriera di sollevamento pesi – non ha minacciato il podio nelle sue prime due apparizioni olimpiche a Pechino e Londra.

Gao ha introdotto nuove routine e pesi più pesanti in allenamento prima ha arruolato un secondo allenatore, Julius Naranjo, in quello che lei chiama “Team HD”, da quando la progressione nel suo sollevamento è stata fenomenale.

Diaz ha sollevato 92kg nello snatch e 115kg nel clean and jerk tre anni fa per vincere i Giochi Asiatici, 7kg in più del suo argento olimpico totale.

Lunedì a Tokyo ha infranto quei segni, anche se con una divisione di 2kg in più, con uno snatch di 97kg e una serie impeccabile di 119kg, 124kg e 127kg nei suoi tre tentativi puliti e jerk.

È tutto il mo è notevole perché Diaz vive in esilio in Malesia dal febbraio dello scorso anno a causa della pandemia di Covid-19.

'Non vedo l'ora di godermi la vita '

Ha dovuto sospendere la sua vita al di fuori dello sport: la sua famiglia, la sua carriera nell'aviazione, gli studi universitari e la gestione del suo sollevamento pesi palestra nella sua città natale di Zamboanga, nell'isola meridionale di Mindanao.

Ora non vede l'ora di tornare a casa.

“Non vedo l'ora di godermi la vita perché ho sono stata in Malesia, non so, quasi due anni, quindi sono davvero grata di poter andare a casa ora e festeggiare con la mia famiglia e le persone che mi supportano”, ha detto al Forum internazionale di Tokyo dopo essere stata presentata con lei medaglia d'oro.

Figlia di un conducente di triciclo in un povero villaggio vicino a Zamboanga, Diaz non vede la sua famiglia da dicembre 2019.

Inizialmente è andata ad allenarsi in Malesia nel febbraio 2020 perché Gao pensava che sarebbe stato meglio per lei mentre si concentrava sulla qualificazione per To kyo.

Ma nel giro di poche settimane sono arrivate le restrizioni per il Covid-19, lasciando Diaz a combattere la chiusura delle palestre, la mancanza di accesso alle attrezzature per il sollevamento pesi e l'incertezza schiacciante sul fatto che i Giochi si sarebbero tenuti. Per mesi Diaz e “Team HD” sono rimasti bloccati in un condominio nella capitale Kuala Lumpur dove dovevano stare attenti a non rompere il pavimento piastrellato mentre si allenavano con i pesi.

Ma l'instancabile Diaz continua è riuscita a trovare il tempo per raccogliere fondi attraverso sessioni di formazione online per distribuire pacchi alimentari alle famiglie povere a casa che soffrivano durante il blocco del coronavirus.

Nell'ottobre dello scorso anno, si è trasferita nello stato costiero meridionale di Malacca, dove hanno hanno vissuto in una casa di proprietà di un ufficiale di sollevamento pesi malese.

Ha iniziato a usare una palestra vicina ma le restrizioni sono state nuovamente inasprite, costringendola ad allenarsi nel soffocante posto auto coperto all'aperto della casa negli ultimi mesi .

Ora tutte le difficoltà sono state ricompensate e le sarà data una benvenuto da eroe quando torna nelle Filippine.

“Non so se sono un eroe nazionale”, ha detto dopo aver vinto il suo storico oro olimpico lunedì.

“ Ma sono grato che Dio mi abbia usato per ispirare tutte le giovani generazioni e tutti i filippini a continuare a combattere durante questa pandemia.”

– con AFP

41 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *