Volo evacuato dopo che una foto falsa della pistola è stata inviata ai telefoni dei passeggeri

Un volo statunitense è stato costretto a sbarcare dopo che un adolescente avrebbe inviato un messaggio ad altri passeggeri con l'immagine di una pistola giocattolo mentre l'aereo era sulla pista.

Il volo è stato “ritardo a causa di un problema di sicurezza che coinvolge un cliente a bordo”, ha detto un portavoce della United Airlines The Independent dell'incidente.

United Airlines Flight 2167 da San Francisco a Orlando si stava preparando a decollare il 22 luglio quando diversi passeggeri hanno affermato di aver ricevuto una foto di una pistola softair dall'aspetto realistico da un altro passeggero, ha riferito la NBC.

CORRELATO: Il volo più devastato dell'Australia route

La foto era stata inviata tramite Airdrop, un servizio che consente alle persone di trasferire contenuti in modalità wireless tra dispositivi Apple.

Ha spinto i funzionari a evacuare passeggeri dell'aereo “per abbondanza di cautela”. I passeggeri sono stati nuovamente controllati e l'aereo è stato ispezionato prima che i viaggiatori potessero salire a bordo, ha detto il portavoce dell'aeroporto Doug Yakel.

Il volo era già stato ritardato diverse volte prima dell'acrobazia.

Le autorità hanno quindi identificato un adolescente senza nome come il sospetto burlone, che è stato successivamente rimosso dall'aereo.

I funzionari hanno stabilito che il ragazzo non aveva la pistola con sé e che la foto è stata scattata in una data precedente fuori dall'aeroporto, ha detto il signor Yakel.

“I funzionari delle forze dell'ordine sono stati avvisati e le nostre squadre stanno lavorando con loro per esaminare la questione”, ha detto il portavoce della United Airlines.

Questo è' t la prima volta che uno scherzo ha spinto i funzionari a rimuovere i passeggeri da un aereo. Un volo europeo ha dovuto essere evacuato nel 2019 dopo che un uomo serbo ha telefonato con una finta minaccia di bomba nel tentativo di ottenere un appuntamento con un'assistente di volo.

Questo articolo originariamente apparso sul New York Post ed è stato riprodotto con il permesso

25 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *