Il messaggio di Bumble viene arrestato rivoltosi al Campidoglio

Un imputato partecipante all'attacco al Congresso degli Stati Uniti a gennaio è stato arrestato dopo aver inviato messaggi incriminanti a uno sconosciuto sull'app di appuntamenti Bumble.

Andrew Taake, un 32enne un uomo di Houston, in Texas, è stato arrestato venerdì e accusato di aggressione alla polizia, ostruzione delle forze dell'ordine, condotta disordinata e violenza fisica per motivi ristretti.

I pubblici ministeri affermano che ha aggredito e spruzzato al peperoncino agenti di polizia a gennaio 6 sommossa, durante la quale una folla di sostenitori dell'ex presidente Donald Trump ha fatto irruzione nel Campidoglio degli Stati Uniti nel tentativo di fermare la certificazione della vittoria elettorale di Joe Biden.

Secondo i documenti del tribunale, il signor Taake è stato identificato dopo che l'FBI ha ricevuto una soffiata da qualcuno che ha abbinato con lui su Bumble.

“Il testimone 1 ha inviato un messaggio a Taake su un'app di appuntamenti, Bumble, mentre era a Washington. Sebbene Taake e Witness 1 non si siano mai incontrati di persona, Taake ha discusso della sua partecipazione alla rivolta con Witness 1 e ha inviato diverse foto di se stesso, tra cui una sua foto scattata il 6 gennaio 2021, dopo essere stato presumibilmente spruzzato al peperoncino dalle forze dell'ordine.

“Il testimone 1 ha detto che Taake ha ammesso di essere stato all'interno del Campidoglio degli Stati Uniti per circa 30 minuti.”

CORRELATO: Il poliziotto eroe si scaglia durante l'udienza per la rivolta al Campidoglio

La testimone ha fornito alle forze dell'ordine gli screenshot della sua conversazione con il signor Taake.

“L'intera faccenda è stata selvaggia! Eri vicino a tutta l'azione?” gli chiese lo sconosciuto.

“Sì. Fin dall'inizio”, ha scritto il signor Taake.

Ha detto all'altra persona che era stato spruzzato di spray al peperoncino mentre “stava tranquillamente in piedi”, e le ha inviato una sua foto, che ha detto è stata scattata “circa 30 minuti dopo essere stato spruzzato”.

“Sicuro di dirlo, sono stato la prima persona a essere spruzzato quel giorno”, ha affermato.

“Oh mer*a, è pazzesco”, hanno ha risposto.

Bumble fornisce ai suoi utenti informazioni sulla posizione di potenziali corrispondenze. Il testimone ha preso uno screenshot che mostrava che il signor Taake era ad Alexandria, in Virginia, il 6 gennaio. La città è vicino a Washington.

Dopo la soffiata, l'FBI ha esaminato i registri di volo del signor Taake, determinando che era volato da Houston a Baltimora, nel Maryland, il 5 gennaio – il giorno prima della rivolta – e tornò in Texas l'8 gennaio.

L'agenzia ha anche trovato diversi video e foto pubblicati pubblicamente che mostravano il signor Taake al Campidoglio. Gli hanno mostrato che impugnava presumibilmente spray al peperoncino e un oggetto che sembrava essere una “frusta di metallo” per “attaccare agenti delle forze dell'ordine”.

Il 28 maggio, l'FBI ha mostrato le foto a un corriere FedEx che aveva ha appena consegnato un pacco al signor Taake a casa sua a Houston. L'autista ha identificato il signor Taake come la persona nelle foto.

Il deposito del tribunale cita anche le riprese della telecamera del corpo di un agente di polizia il 6 gennaio.

“A circa 13:16, il corpo La telecamera indossata mostra che Taake si è fatto avanti verso le rastrelliere per biciclette e gli ufficiali del Dipartimento di Polizia Metropolitana. Successivamente ha alzato il braccio e spruzzato al pepe agenti delle forze dell'ordine”, afferma.

“Immediatamente dopo l'attacco, Taake si è ritirato nella folla di rivoltosi.”

Altre riprese da circa Secondo i pubblici ministeri, le 14:00 hanno nuovamente mostrato il signor Taake.

“Alle 14:02, Taake è emerso dalla folla e si possono vedere gli ufficiali colpire gli ufficiali con un'arma che sembra essere una frusta. Dopo l'attacco, Taake si è ritirato di nuovo tra la folla.”

I filmati delle telecamere di sicurezza dall'interno del Campidoglio mostrano presumibilmente il signor Taake che cammina per i corridoi, brandendo di nuovo l'”arma simile a una frusta”.

Il 15 luglio, un agente dell'FBI ha intervistato il signor Taake. Dopo averlo visto di persona, hanno concluso che era davvero l'individuo raffigurato nelle immagini.

Infine, l'FBI ha identificato il suo numero di cellulare, che è stato poi confrontato con i record del ripetitore cellulare di Verizon.

“Durante e intorno al momento dell'incidente, è stato identificato un telefono associato al numero di telefono di Verizon (in questione) che utilizzava un sito cellulare coerente con la fornitura di servizi a un'area geografica che includeva l'interno degli Stati Uniti Capitol”, si legge nel documento.

Il signor Taake ha fatto la sua prima apparizione in tribunale venerdì nel distretto meridionale del Texas. Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, è uno degli oltre 500 presunti rivoltosi arrestati dal 6 gennaio.

33 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *