La cifra “ottimista” potrebbe far deragliare il piano per porre fine ai blocchi

Agli australiani è stata finalmente data un'idea di quando possono dire addio ai blocchi, ma una figura cruciale ha il potenziale per far deragliare il biglietto per la libertà del paese.

La scorsa settimana il Primo Ministro Scott Morrison ha rivelato che l'Australia potrebbe iniziare a uscire dai blocchi una volta vaccinato il 70% degli adulti.

Ma gli esperti hanno avvertito che le cifre su cui si è basato il Doherty Institute per la modellazione del governo sono “lanose” e potrebbero vedere scenari molto peggiori in Australia se si rivelassero sbagliati. è, e gli esperti affermano che la modellazione Doherty ha utilizzato una figura ottimistica per eliminare gradualmente i blocchi. , noto anche come R0, da qualche parte tra 5 e 10.

In effetti i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno stimato che sia contagioso quanto la varicella e che ogni persona infetta ne infetti in media otto o nove altre .

Il modello di Doherty utilizza una cifra molto più bassa di 3.6, par perché presuppone che alcune persone continueranno a prendere misure per evitare l'infezione anche se non sono obbligate dalle restrizioni.

La differenza tra 3.6 e 5 è significativa.

“Se il R0 arriva fino a cinque, quindi è molto importante vaccinare gli adolescenti, al di sotto del limite di 15 anni, altrimenti non raggiungeremo l'immunità di gregge e continueranno a essere serbatoi di infezione “, ha affermato il professor McBryde.

Se si usa la figura 3.6, allora è possibile raggiungere l'immunità di gregge senza vaccinare i bambini.

“Penso che sia un po' lanoso e non credo che possano sedersi lì ed essere sicuro che sia il numero giusto “, ha detto il professor McBryde.

CORRELATO: i blocchi potrebbero essere necessari anche una volta raggiunti gli obiettivi del vaccino

La sua preoccupazione è condivisa dal professor Tony Blakely, epidemiologo dell'Università di Melbourne, che ha notato che la cifra di 3,6 era basata sull'R0 nel NSW di marzo di quest'anno, un periodo in cui c'erano restrizioni sociali minime e nessun focolaio importante.

Il prof Blakely ritiene che ci fossero troppo pochi casi nel NSW in questo momento per dire con certezza che 3.6 è un numero realistico.

Dato che le stime per i decessi e i ricoveri variano molto a seconda di questo numero, crede ha bisogno di più lavoro.

Il prof McBryde ha affermato che l'R0 è stato uno dei componenti più importanti di qualsiasi modellazione perché potrebbe portare a risultati così diversi. Nel suo lavoro ha esaminato tre diversi scenari R0: 3, 5 e 7.

Ha affermato che la differenza tra l'impostazione dell'R0 a 3,6, rispetto a 5, includeva il potenziale per i bambini di mantenere l'epidemia

“R0 3.6 significa che il virus non è abbastanza infettivo, ma se è 5, i bambini possono sostenere l'epidemia.”

Il prof McBryde ha sottolineato che i bambini sembravano già casi di guida nel Queensland e in una certa misura nel NSW.

“Quindi penso che dobbiamo davvero considerare quanto sia infettivo il virus”, ha detto.

CORRELATO: Cattive notizie per il NSW tra i modelli di Doherty

Ciò non significa che non sia d'accordo con i blocchi rilassanti una volta che il 70% degli adulti viene vaccinato.

“ La mia opinione è che una volta che tutte le persone di età superiore ai 12 anni hanno avuto l'opportunità di vaccinarsi, è allora che dovremmo aprirci”, ha detto.

“Non possiamo costringere le persone a vaccinarsi e se noi siamo seduti al 69 per cento, ci fermiamo a chiederci quale sia il piano B? Penso che abbiamo bisogno di una misura pragmatica di quando possiamo aprirci.”

Il costo per sbarazzarsi dei blocchi

Mentre la prof.ssa McBryde crede che le cifre di Doherty siano un po' rosee, ha detto che la metodologia sembrava valida, anche se era difficile dirlo con certezza senza vedere il codice sottostante, che non è stato rilasciato.

“È un quadro un po' ottimista, anche se è positivo che stia preparando gli australiani al fatto che ci saranno trasmissioni e morti”, ha detto.

” Sono solo un po' preoccupato che se le cose non andranno come previsto, le persone esiteranno ad aprirsi.”

Il prof McBryde è preoccupato che la modellazione possa sembrare ad alcuni come se continuasse a mirare per la tolleranza zero nei confronti di qualsiasi trasmissione di Covid-19.

“Non voglio che la gente pensi che il 70 per cento vada bene, quindi mi chiedo perché ci sono casi, perché ci sono morti? E sii sorpreso da questo, perché è quello che succederà”, ha detto.

Il modello di Doherty stima che ci sarebbero ancora 1908 morti entro i primi 180 giorni di un grave focolaio, anche se il 70% dei gli adulti sono stati vaccinati utilizzando un approccio di “riduzione della trasmissione” che si concentra su quelli di età compresa tra 20 e 39 anni.

Ciò si ridurrebbe a 16 decessi, se restrizioni di basso livello, nonché test, tracciamento, isolamento e quarantena ottimali misure erano in atto.

“Penso che (16 decessi) sia irrealistico, non credo che scenderemo a 16”, ha detto il professor McBryde.

“I speriamo di poterlo fare, ma immagino che lo scopriremo.”

Sedici persone sono già morte nell'ultimo focolaio del NSW in 49 giorni, e c'è una media di 642 decessi per influenza ogni anno secondo i dati dal 2016-2019.

Tuttavia, la modellazione Doherty guarda solo ai primi sei mesi di un focolaio e in alcuni scenari, i casi potrebbero non aver ancora raggiunto il picco, il che significa che potrebbero esserci più morti e casi per molti mon dopo questo periodo di tempo.

CORRELATO: Il nuovo vaccino si concentra sui super-diffusori di virus

“Saremo esposti al Covid”

Il prof McBryde ha osservato che l'apertura con il 70% degli adulti vaccinati (che equivale al 56% della popolazione totale australiana) non fornirà molta immunità di gregge.

Ciò significa che i benefici della vaccinazione saranno percepiti principalmente da coloro che hanno avuto il vaccino, mentre altri nella comunità potrebbe infettarsi e morire.

“Se ci apriamo vaccinati al 70%, saremo esposti al Covid e chi non è vaccinato avrà il rischio di morire, che dipenderà dalla sua età, ma il tasso di mortalità è di circa 1 su 200″, ha affermato il professor McBryde.

“Dipende da quanto sono efficaci le restrizioni del “tocco leggero”, ma la protezione della mandria è piuttosto ridotta, quindi il rischio per le persone non vaccinate è solo leggermente meglio di nessuna vaccinazione.”

Si prevede che circa 2700 persone contraggono infezioni sintomatiche da Covid-19, w on circa il 58% dei casi si stima che riguardino i bambini non vaccinati di età inferiore ai 16 anni.

Il prof McBryde ha affermato che i bambini avevano meno probabilità di ammalarsi gravemente, ma non era ancora chiaro se Delta fosse diverso. Anche gli impatti del “lungo Covid” sui bambini non erano chiari.

“Potrebbe valere la pena vaccinare i bambini per il loro bene e per il bene della comunità e questo deve essere considerato con certezza”, ha affermato.

Alcune persone pensano che il Covid-19 debba essere trattato come il comune raffreddore, in cui i bambini lo prendono e costruiscono l'immunità, quindi una volta che sono adulti, nessuno muore a causa di esso.

“Penso che non sapremo per una generazione o giù di lì se è così”, ha detto il professor McBryde.

“È meglio giocare sul sicuro, mi piacerebbe vedere una conversazione seria sul fatto che i bambini e certamente gli adolescenti dovrebbero essere vaccinati.”

Il prof McBryde ha affermato che l'Australia doveva arrivare al punto in cui non si concentrava su ogni caso di Covid.

“Non voglio vedere l'Australia trascorrere un altro anno cercando di azzerare il Covid”, ha detto.

“Non penso che sia realistico e penso che dobbiamo abituarci all'idea che non sia più un'opzione. ”

Vaccinarsi contro il Covid-19 è l'unico modo per gli australiani riavere le loro vite normali, ma come nazione stiamo lottando.

La campagna Our Best Shot di News.com.au risponde alle vostre domande sul lancio del vaccino contro il Covid-19.

È giusto dire che il lancio del vaccino ha confuso gli australiani. Esamineremo il giro e ti forniremo informazioni chiare in modo che tu possa prendere una decisione informata.

charis.chang@news .com.au | @charischang2

17 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *