I non vaccinati non hanno più scuse

Mercoledì di questa settimana il premier del Victoria Dan Andrews ha pubblicato un tweet di una sola parola: “Zero”.

Hemingway stesso non avrebbe potuto evocare una dichiarazione di più drammatica brevità. Purtroppo lo scenario che descriveva era altrettanto breve.

Andrews si riferiva ovviamente al numero di nuovi casi di Covid giornalieri nel Victoria. In quel momento sembrava che la dura e rapida strategia di blocco di Victoria avesse funzionato, in netto contrasto con l'approccio più rilassato e graduale adottato dal NSW.

Ma quel momento era fugace. Ventiquattro ore dopo, Andrews ha annunciato un altro blocco di sette giorni, appena una settimana dopo la fine del precedente blocco di due settimane.

Allo stesso modo, anche la stragrande maggioranza della popolazione del Queensland è stata in isolamento per un settimana e lo rimarrà almeno fino a domenica tarda, con la possibilità che possa essere esteso – come è stato nel Victoria – se il numero di casi durante la notte non sarà infinitamente basso.

E anche se le restrizioni venissero revocate, i cittadini saranno nuovamente bloccati al primo segno di un nuovo focolaio, proprio come lo sono stati ora a Victoria.

CORRELATI: Lo studio mostra i tratti condivisi dai trasgressori delle regole Covid

CORRELATO: Piano di PM per escludere gli australiani non vaccinati

E questo ci porta alla fredda e dura verità che anche i più ferventi e timorosi appassionati di lockdown devono sicuramente arrivare a rendersi conto – no importa quanto limiti o limiti il p l'opinione pubblica questo virus non sta andando via.

Naturalmente questo causerà molti colpi di tosse e sputacchi – e non del tipo Covid – ma è un semplice fatto spiacevole. Anche quando altri stati si stavano chiudendo e bloccando a causa dei ceppi precedenti molto meno contagiosi, non lo stavano effettivamente eliminando, si stavano semplicemente nascondendo da esso. Con Delta è chiaro che nemmeno nascondersi è un'opzione.

La risposta del NSW ha dimostrato tutto questo con grande orgoglio e grande delusione. I nostri traccianti di contatti sono stati in grado di sopprimere tutti i focolai precedenti senza ricorrere a blocchi importanti: i cluster Casula, Northern Beaches e Berala e innumerevoli perdite di quarantena sono stati tutti sconfitti dai migliori.

Altri stati e città hanno dovuto chiudere i loro confini o bloccare i loro residenti in circostanze molto minori. Non l'abbiamo mai fatto.

Il ceppo Delta, però, ci ha battuto. Anche con blocchi sia diffusi che mirati e un numero record di migliori tracciatori di contatti del mondo che lavorano 24 ore su 24, riusciamo a malapena a tenerlo a bada. Avevamo tutte le ragioni per credere di poterlo contenere come avevamo gli altri e ci sbagliavamo.

CORRELATI: Settima persona muore dopo il vaccino AstraZeneca

CORRELATI : Gli esperti supplicano gli australiani di ottenere il vaccino

Forse Victoria e Queensland se la caveranno meglio dopo essere andati più duri e prima o forse la variante Delta finirà per scavalcarli anche loro. In entrambi i casi saranno prigionieri per fermare-avviare i blocchi fino a quando non diventeremo reali sul fatto di battere questa cosa, non di scappare da essa.

L'ex vice direttore medico australiano, Nick Coatsworth, uno specialista in malattie infettive che sta ora guidando la campagna nazionale di vaccinazione, ha reso tutto questo abbondantemente chiaro quando ha descritto l'eliminazione come un “falso idolo”.

Ma sembra che “ascolta gli esperti!” i guerrieri del lockdown non stavano ascoltando il più grande esperto di tutti.

In effetti, solo tre settimane fa il dottor Coatsworth ha detto The Australian Financial Review che l'Australia aveva bisogno di imparare a convivere con il Covid e che un tasso di vaccinazione del 50 per cento dovrebbe essere sufficiente per iniziare ad allentare le restrizioni.

“Puoi” Per dire che nessuna morte per Covid è accettabile”, ha detto.

“Il 2021 deve essere un anno di transizione in cui abituare la comunità australiana all'idea di Covid nella nostra comunità attraverso un programma di vaccinazione di successo, e il 2022 deve essere l'anno in cui abbiamo il Covid in Australia.”

La posizione eliminazionista è resa ancora più ridicola dal fatto che molti attivisti del blocco si rifiutano di farsi vaccinare, una posizione che rivaleggia solo per idiozia dal fatto che così tanti attivisti anti-lockdown si rifiutano di fare lo stesso.

CORRELATO: I datori di lavoro possono costringere i lavoratori per ottenere il vaccino?

CORRELATI: 27anni Covid vittima “testata negativa” prima della morte

Ironia della sorte, la soluzione è semplice per entrambi – se hai paura di prendere il Covid, fatti vaccinare. Se hai paura di essere rinchiuso, fatti vaccinare.

Ma il problema è che le ondate di lockdown e chiusure delle frontiere inviano il messaggio opposto. Stiamo distruggendo la nostra società, la nostra economia, le nostre relazioni e il futuro dei nostri figli, tutto per il bene di pochi egoisti – anzi molti egoisti – che semplicemente non faranno la più piccola cosa possibile per far sparire tutto questo.

Ogni singolo adulto in Australia ha avuto settimane o mesi per ricevere la prima dose di vaccino, qualcosa che darà loro il 70% di possibilità di protezione contro malattie gravi da Covid-19 e una protezione incommensurabile per i loro cari quelli.

Chi non l'ha fatto, senza una nota letterale del proprio medico, non ha più scuse.

Sì, ci sono stati messaggi confusi da il governo, le autorità sanitarie e i media, ma il messaggio ora è abbondantemente chiaro.

Sì, ci sono stati problemi di approvvigionamento, ma ci sono dosi infinite del vaccino AstraZeneca estremamente sicuro per chiunque lo desideri .

Sì, ci sono state barriere linguistiche, ma ora i leader della comunità stanno uscendo a frotte per diffondere il messaggio in qualsiasi cosa r lingua che vuoi.

Ci stiamo avvicinando rapidamente a un punto in cui chiunque rifiuti qualsiasi vaccino per cui ha diritto non può più considerarsi un membro veramente decente della società.

Perché se tieni al tuo paese, se tieni alla tua comunità e se tieni alla tua famiglia c'è solo una cosa che devi fare per dimostrarlo.

Quindi fallo. In data odierna.

47 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *