Il traffico sessuale di Jeffrey Epstein esposto mentre il principe Andrew affronta una causa

L'orribile rete di traffico sessuale di Jeffrey Epstein è stata messa a nudo nei documenti del tribunale poiché una delle sue vittime ha citato in giudizio il principe Andrea dopo essere stata presumibilmente costretta a fare sesso con il duca.

Documenti archiviato dal team legale di Virginia Giuffre includono una mappa compilata dai diari di volo di Epstein che mostrano come il pedone giramondo avrebbe attraversato l'Atlantico.

Epstein volerebbe tra le sue case a New York, Palm Beach, le Isole Vergini americane e Santa Fe a bordo del suo jet privato, che sarebbe poi diventato noto come “Lolita Express”.

E il vile miliardario avrebbe portato a bordo – insieme ad altre giovani ragazze – la Giuffre, allora nota come Virginia Roberts, così potrebbe abusarne e presumibilmente offrirli ai suoi potenti amici.

La mappa – pubblicata a pagina sette del docket di 15 pagine – è stata creata utilizzando i registri di volo pubblicamente disponibili che descrivono in dettaglio quando la signora Giuffre stava volando con Epstein, spesso quando aveva meno di 18 anni.

Mostra l'aereo che sfreccia tra gli Stati Uniti, i Caraibi e l'Europa, con la maggior parte dei viaggi incentrati sulle lussuose proprietà di Epstein.

I documenti legali notano che questa rete è ritenuta solo una frazione del traffico internazionale a cui Epstein ha sottoposto la signora Giuffre.

Le località elencate sulla mappa includono le case multimilionarie di Epstein insieme a Londra, Parigi, Bahamas, Granada e Tangeri.

Il pilota di Epstein ha precedentemente affermato separatamente di aver visto una volta il principe Andrea a bordo di uno dei jet del miliardario con la Giuffre.

L'ormai 38enne ha intentato una causa contro il Duca di York dopo aver affermato di essere stata trafficata con lui a Londra per scopi sessuali.

Afferma anche di essere stata abusata da Andrew, il terzo figlio della regina, a New York e sull'isola di Epstein, Little St James.

Andrew nega ferocemente qualsiasi accusa, dicendo che non ricorda nemmeno di aver incontrato Roberts, e ha ha detto che non aveva sospetti sulle malefatte di Epstein durante la loro amicizia.

È la prima volta che il principe è stato su soggetto a contenzioso sulle accuse.

Epstein e la sua cosiddetta “signora” Ghislaine Maxwell avrebbero reclutato la signora Giuffre mentre lavorava al club di Donald Trump Mar-a-Lago – attirandola sotto la pretesa che l'avrebbero addestrata come massaggiatrice.

Tuttavia, si è trovata risucchiata in un mondo inquietante di abusi sessuali, potere e ricchezza straordinaria.

“Epstein ha anche portato la querelante su il suo aereo a livello nazionale e internazionale numerose volte quando aveva meno di 18 anni”, si legge nei documenti legali.

“Solo parti dei registri di volo degli aerei privati di Epstein sono stati ancora recuperati, ed Epstein ha anche volato frequentemente sulle compagnie aeree commerciali per incontrare lui e altri.

“Tuttavia, il grafico sottostante, che mostra i voli del querelante sull'aereo privato di Epstein dai registri limitati disponibili, illustra la portata internazionale del traffico sessuale di Epstein.”

Depositato ieri presso il tribunale del distretto meridionale di New York, la causa contro t Andrew descrive le complessità della “impresa di traffico sessuale” di Epstein.

Epstein ha usato la sua “ricchezza e risorse apparentemente illimitate, per creare una rete di traffico sessuale transcontinentale che servisse se stesso, i suoi co-cospiratori e alcuni delle persone più potenti del mondo.”

La signora Giuffre afferma di essere stata “prestata” da Epstein ad “altri uomini potenti per scopi sessuali” – e la causa afferma che lui e la signora Maxwell “recluterebbero attivamente ragazze minorenni”.

Gli altri reclutatori di Maxwell e Epstein avrebbero preso di mira le vittime “ovunque, comprese scuole, centri benessere, aree di sosta per roulotte e la strada” mentre cercavano ragazze vulnerabili che potevano sfruttare.

“Epstein aveva perfezionato uno schema per la manipolazione e l'abuso di giovani donne”, si legge.

Epstein si vantava della sua ricchezza e del suo potere per impressionare e intimidire le sue vittime – e le faceva vivere nella paura con minacce e sorveglianza costante.

Alla sig.ra Giuffre è stato ordinato di recarsi in Thailandia nel settembre 2002 o n “incarico” per riportare Epstein una “ragazza”, e poi ha usato questo per fuggire, trasferendosi in Australia perché temeva per la sua vita.

La causa prosegue poi dettagliando la presunta amicizia di Andrew con Epstein, affermando che il duca ha incontrato il pedone nel 1999 tramite la signora Maxwell e quello stesso anno ha iniziato a volare sul suo aereo privato. -denominato “Libro nero” dei potenti, insieme al numero di telefono 12, affermano i documenti.

La signora Giuffre sostiene di essere stata costretta attraverso minacce e paura per la vita a fare sesso con il Duca.

Il suo team legale sostiene che fosse una “bambina spaventata e vulnerabile senza nessuno a proteggerla” quando è stata presumibilmente abusata da Epstein, Ms Maxwell e Andrew.

Le azioni del principe Andrew sono state “oltre ogni decenza”

Andrew è l'unico imputato nominato nella nuova causa, ma i documenti fanno menzioni ripetute di Epstein e della signora M axwell.

Il Duca avrebbe compiuto atti sessuali senza il consenso della Giuffre, pur consapevole della sua età e pur «sapendo di essere stata vittima di tratta sessuale», affermano i documenti.

I documenti aggiungono che le presunte aggressioni “hanno causato, e continuano a causarle, disagio e danni emotivi e psicologici significativi”.

“Le azioni del principe Andrew, descritte sopra, costituiscono una condotta estrema e oltraggiosa che sciocca il coscienza”, ha affermato la causa descrivendo il disagio emotivo sofferto dalla sig.ra Giuffre.

“L'abuso sessuale da parte del principe Andrea di un bambino che sapeva essere una vittima del traffico sessuale, e quando aveva circa 40 anni , va oltre ogni possibile limite di decenza ed è intollerabile in una comunità civile”, ha aggiunto.

Il Duca non ha ancora commentato questa nuova causa, ma si ritiene che non possa invocare l'immunità diplomatica sul caso.

Tuttavia, i funzionari statunitensi hanno precedentemente insistito sul fatto che non stanno cercando di estradare Andrew.

In una precedente dichiarazione, il Palazzo ha dichiarato: “Si nega con forza che il Duca di York abbia avuto qualsiasi forma di contatto o relazione sessuale con Virginia Roberts.

“Qualsiasi affermazione contraria è falso e senza fondamento.”

Gli avvocati della signora Giuffre affermano di aver tentato più volte di contattare il Duca e il suo team legale ma sono stati ignorati.

E i documenti accusano il team di Andrew di attacchi “vili e infondati” nei confronti di lei e di altri.

I documenti affermano che il legale per le vittime della tratta di Epstein ha richiesto una telefonata ad Andrew o ai suoi rappresentanti, ha “respinto tutte queste richieste” .

“In questo paese nessuna persona, presidente o principe, è al di sopra della legge, e nessuna persona, non importa quanto impotente o vulnerabile, può essere privata della protezione della legge”, affermano i documenti.

Il principe Andrew afferma di non avere “nessun ricordo” di aver incontrato la signora Giuffre

“Vent'anni fa la moglie del principe Andrea Lth, il potere, la posizione e le connessioni gli hanno permesso di abusare di una bambina spaventata e vulnerabile senza nessuno a proteggerla.

“È passato molto tempo per lui di essere chiamato a rispondere.”

In una famigerata Newsnight

intervista con Emily Maitlis della BBC nel novembre 2019, Andrew ha negato le affermazioni di aver dormito con la signora Giuffre e ha detto di non avere “nessun ricordo” di averla mai incontrata.

Ha anche detto di non ricordare la famosa fotografia di lui con il braccio intorno alla vita della signora Giuffre a casa della signora Maxwell, e si è chiesto se era la sua stessa mano nell'immagine.

Le conseguenze dell'intervista hanno visto il reale criticato per aver mostrato una mancanza di empatia nei confronti delle vittime di Epstein e una mancanza di rimorso per la sua amicizia con il finanziere caduto in disgrazia.

Andrew ha lasciato i suoi doveri reali e ha promesso pubblicamente di collaborare con le autorità statunitensi per indagare sui crimini di Epstein, anche se da allora ha dovuto affrontare una guerra di parole tra il suo campo e le autorità americane per il suo avai incapacità di rispondere alle domande.

In una dichiarazione, la signora Giuffre, che vive in Australia, ha dichiarato: “Ritengo il principe Andrea responsabile per quello che mi ha fatto. I potenti e i ricchi non sono esenti dall'essere ritenuti responsabili delle loro azioni.

“Spero che altre vittime vedano che è possibile non vivere nel silenzio e nella paura, ma si può reclamare la propria vita parlare e chiedere giustizia.

“Non ho preso questa decisione alla leggera. Come madre e moglie, la mia famiglia viene prima di tutto. So che questa azione mi sottoporrà a ulteriori attacchi da parte del principe Andrea e dei suoi surrogati.

“Ma sapevo che se non avessi intrapreso questa azione, avrei deluso loro e le vittime ovunque.”

Questo articolo è apparso originariamente su The Sun ed è stato riprodotto con il permesso

22 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *