Lee Martyn e sua figlia adottiva Sophie sono state tra le vittime uccise questa settimana dall'incel loner Jake Davison

Questi sono i volti delle cinque persone innocenti uccise dal pistolero di Plymouth Jake Davison durante la sua furia con il fucile a pompa questa settimana.

Davison, 22 anni, ha sparato a sua madre prima di uccidere casualmente altre quattro persone e poi ha rivolto la pistola contro se stesso in una cupa furia armata a Plymouth giovedì (ora locale).

Lee Martyn, 43 anni, e la figlia Sophie erano tra le cinque persone massacrate mentre Davison apriva il fuoco su un tranquillo cul-de-sac.

Twisted Davison ha sparato alla coppia a caso dopo aver preso di mira per la prima volta il cancro della madre sofferente Maxine Davison, 51 anni, nella sua casa.

Ha poi ucciso Stephen Washington, 59, che stava portando a spasso il suo cane, e Kate Shepherd, 66, che è stata portata d'urgenza in ospedale ma in seguito è morta.

Il figlio di Mr Washington, Simon, ha reso omaggio a suo padre, scrivendo: “Dopo gli eventi di stasera abbiamo perso nostro padre.

“Mia madre ha perso il suo mondo. I miei figli, i miei fratelli e le mie sorelle hanno perso il nonno.

“A ognuno di noi mancherà profondamente, RIP papà mancherai a te, ti amo.”

Mamma- di una Kate è stata uccisa vicino a Henderson prima che Davison puntasse la pistola contro se stesso.

Il vicino Terry Billing, 75 anni, ha detto: “Era una donna adorabile e una vicina perfetta. Salutava sempre.

“Lei e suo marito John erano in pensione. Quello che è successo a Kate e a tutte quelle povere altre vittime è atroce.”

I tributi sono ora inondati per papà Lee, che aveva adottato Sophie con sua moglie circa due anni fa.

È si sa che stavano tornando a casa quando Davison ha aperto il fuoco usando l'arma da fuoco legale, con Sophie che spingeva una carrozzina giocattolo.

In un tragico colpo di scena, la moglie di Lee è un'infermiera di terapia intensiva nel vicino ospedale di Derriford dove le vittime ferite sono stati presi – anche se non è noto se fosse in servizio in quel momento.

Un amico ha detto che erano “senza parole”.

“Eri un gentiluomo così gentile e altruista che hai messo tutti gli altri prima di te abbiamo condiviso molti ricordi insieme.

“Non dimenticherò mai le cose che hai fatto per me nella vita, sarai per sempre nel mio cuore Lee Martyn”.

“Grazie a quelli in lungo e in largo che mi hanno controllato per vedere se sono al sicuro, sì lo sono ma sono totalmente sconvolto dal fatto che un buon amico fratello e nipote siano stati presi in un modo così orribile, mio il cuore è spezzato ing per il mio amico e la sua famiglia per questa notizia molto molto triste”, ha detto un altro.

“Le più sentite e sincere condoglianze a tutti i deceduti e spero che i feriti si riprendano rapidamente.” )Incel ha ucciso prima sua madre

Il crepacuore arriva dopo Lee, che lavora per Toshiba, ha pubblicato una foto sul suo Facebook nel 2019 rivelando di aver adottato la piccola Sophie.

Ha detto all'epoca: “Finalmente abbiamo adottato Sophie dopo quasi 15 mesi! La svolta.”

Davison ha iniziato la furia intorno alle 18:11 (ora locale) del 12 agosto quando ha fatto irruzione in una casa su Biddick Drive.

Sono scoppiati colpi di pistola mentre sparava a sua madre Maxine prima di sgattaiolare per la strada con in mano un fucile a pompa.

Ha poi ucciso Sophie e Lee prima di lasciare un uomo e una donna con ferite significative.

Una delle vittime ferite è stata chiamato localmente come Ben Parsonage, 33 che è stato ucciso insieme a sua madre Michele, 53.

Il fratello di Ben, Jordan, ha pubblicato su Facebook: “Solo un piccolo aggiornamento su mia madre e mio fratello. Ben ora è a casa e si riprenderà completamente.

“Mia madre deve essere operata al braccio e dovrebbe guarire completamente.”

Davison ha continuato il baldoria sparando e uccidendo Stephen Washington mentre entrava in un parco.

Dopo essersi diretto a Henderson Place, ha sparato a Kate Shepherd, 66 anni, che poi è morta in ospedale.

Davison poi ha rivolto la pistola contro se stesso mentre i poliziotti armati sono accorsi sulla scena.

La polizia ha ora nominato tutte e cinque le vittime dell'orrore della sparatoria.

La cronologia agghiacciante è stata rivelata oggi in una conferenza stampa dal capo della polizia del Devon e della Cornovaglia Shaun Sawyer.

L'ufficiale ha affermato che l'arma utilizzata nella sparatoria, che è stata recuperata, è stata descritta come un “fucile a pompa”.

Il le armi sono legali nel Regno Unito purché abbiano una capacità del caricatore fissa di non più di tre cartucce e un certificato di fucile valido.

Ha anche confermato Davison, i cui account sui social media dipingono l'immagine di una pistola- ossessionato da solo r, aveva una licenza di porto d'armi che risale al 2020.

La licenza significava che era noto alla polizia, ma CC Sawyer non sarebbe stato tratto sul fatto che il gruista avesse precedenti penali.

L'attacco è stato senza precedenti, ha detto il capo della polizia

Ha anche detto che non c'è motivo noto al momento, aggiungendo: “Ai miei tempi non abbiamo mai avuto un omicidio seguito da un attacco violento con armi da fuoco su membri casuali del pubblico e poi la morte.

“Questo è senza precedenti ai miei tempi come capo della polizia.”

Davison è stato ora rivelato come un gruista di destra ossessionato dalla cultura americana delle armi.

Il suo Facebook è disseminato di propaganda americana come l'immagine di un aquila davanti a una bandiera e un'immagine della statua di Lexington Minuteman che raffigura un contadino coloniale che impugna un moschetto.

Killer rivelato come incel solitario

L'uomo armato, che sostiene di essere nato in Arizona, ha anche condiviso una citazione di Donald Trump.

Ri annunci: “In America, non cerchiamo di imporre il nostro stile di vita a nessuno, ma piuttosto di lasciarlo brillare come un esempio da guardare per tutti.”

Davison ha anche una pagina oscura di YouTube dove divaga sulla sua vita amorosa fallita e segue innumerevoli account pro-pistola.

Solo due giorni fa, ha aggiunto una clip ai suoi video “mi piace” di un fucile semiautomatico M1 Garand che viene sparato.

A Davison piace anche Incel TV, un gruppo di supporto online per “celibi involontari” che è legato alla supremazia maschile e alla misoginia.

Il movimento è stato etichettato come un gruppo di “odio” con molti seguaci accusati di credere di essere sesso dovuto dalle donne.

Canada killer legato al gruppo incel

È stato collegato all'uccisione di dieci persone in Canada nel 2018 dopo che Alek Minassian ha postato un messaggio su Facebook che mostrava il suo sostegno agli incel prima di arare un furgone tra la folla.

Solo due settimane fa, Davison parla di quanto sia difficile “avere forza di volontà” quando “la vita non ti ha mai premiato” .

L'uomo armato afferma inoltre di non parlare con una ragazza da quando aveva 18 anni e ha affermato di aver “consumato l'overdose di pillola nera”.

Il termine si riferisce a una convinzione di successo con il sesso opposto è determinato dalla genetica alla nascita con i blackpiller che affermano che nessuna somma di denaro o allenarsi porterà a una relazione, quindi potrebbero anche uccidersi.

Parlando direttamente nella telecamera, Davison inveisce dicendo: “Sono ancora nella stessa posizione, nello stesso periodo della vita – ancora fottuto questo-quello, vergine, fottutamente grasso, brutto come vuoi chiamarlo.

” Cosa è cambiato? Niente.”

L'attacco dell'orrore è stato il primo “sparatutto attivo” visto nel Regno Unito per 11 anni da quando il tassista Derrick Bird ha ucciso 12 persone in Cumbria nel giugno 2010.

Devon e La polizia della Cornovaglia ha confermato che non sta trattando la sparatoria di massa come collegata al terrorismo.

Il segretario alla Difesa Ben Wallace ha dichiarato oggi: “È una tragedia quello che è successo lì. Possiamo escludere il terrorismo da quell'evento.

“Va a sottolineare l'importanza di questioni come il controllo delle armi ma anche ciò che sta accadendo nelle case delle persone su e giù per il paese.

“ È davvero importante che la nostra polizia sia adeguatamente attrezzata e supportata per affrontarlo.”

Mentre Boris Johnson ha dichiarato: “I miei pensieri sono con gli amici e la famiglia di coloro che hanno perso la vita e con tutte le persone colpite dal tragico incidente a Plymouth la scorsa notte.

“Ringrazio i servizi di emergenza per la loro risposta.”

Questo articolo è apparso originariamente su The Sun e è stato riprodotto con il permesso

31 Views
(Visited 15 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *