Tumulti per la decisione di non invitare i sopravvissuti, i primi soccorritori al memoriale dell'11 settembre a New York

Questo memoriale è passato da non dimenticare mai – a dimenticare gli eroi dell'11 settembre.

Una cerimonia il mese prossimo per onorare coloro che sono stati uccisi 20 anni fa l'11 settembre sarà limitata a familiari dei caduti, dopo che gli organizzatori hanno deciso che i primi soccorritori, i sopravvissuti e altri non sarebbero stati invitati alla commemorazione della pietra miliare.

Il solenne raduno presso il sito del World Trade Center fungerà da monumento commemorativo della città su un giorno che ha devastato i newyorkesi e scosso la nazione.

Negli anni passati, alla lettura dei nomi di 2983 deceduti hanno assistito gli ex presidenti George W. Bush e Barack Obama, senatori, governatori e altri dignitari statunitensi .

Migliaia sono accorse a Ground Zero per rendere omaggio negli anniversari precedenti, tra cui vigili del fuoco, poliziotti, operatori del pronto soccorso e altri soccorritori, tutti insieme ai membri della famiglia tra il pubblico.

Quest'anno , il Memoriale e il Museo dell'11 settembre hanno inviato i consueti inviti ai parenti delle vittime dicendo: “La cerimonia sarà esclusivamente per i membri della famiglia dell'11 settembre.”

Gli inviti serviranno come “credenziale per l'ammissione alla cerimonia sulla piazza commemorativa”, dicono le lettere, e i partecipanti si raggrupperanno vicino alle due piscine commemorative bordate di i nomi incisi di coloro che sono morti.

“Solo i membri della famiglia sono invitati”, ha detto la portavoce del memoriale Lee Cochran. “I membri della famiglia invitati possono portare tutti gli ospiti aggiuntivi che desiderano.”

La signora Cochran ha insistito sul fatto che quest'anno non c'è niente di nuovo.

Ma le regole sono state imposto liberamente per limitare la partecipazione e mantenere l'evento sotto controllo.

Jim Riches, un vigile del fuoco in pensione il cui figlio del pompiere, Jimmy, è stato ucciso negli attacchi, ha partecipato a tutte le cerimonie dell'11 settembre e ha detto che molti soccorritori sono stati ammessi senza pass.

“Hanno chiuso un occhio e li hanno fatti entrare”, ha detto. “So che alcuni in alta uniforme sono entrati e hanno anche visto altri allontanarsi”.

“Penso che l'11 settembre sia successo a molte persone, e non possiamo dimenticare i sopravvissuti. Non è successo esclusivamente alle persone che sono state massacrate quel giorno. Ha colpito profondamente altre persone, che sono state ferite fisicamente o emotivamente”, ha detto la signora Regenhard.

“Le persone nei servizi in uniforme considerano le persone con cui lavorano come fratelli e sorelle: sono una famiglia. Dovrebbero fare uno sforzo per far sì che ogni singolo primo soccorritore che vorrebbe partecipare, vada. Dovrebbe essere aperto a tutti loro, in particolare a coloro che hanno risposto alla chiamata del dovere l'11 settembre”, ha detto.

Tim Frolich, un impiegato della Fuji Bank il cui piede è stato schiacciato mentre scappava dalla nuvola di polvere quando la Torre Sud è crollata, attribuisce a due poliziotti dell'Autorità Portuale e a un pompiere il merito di averlo portato in salvo.

Crede che tali eroi dovrebbero essere invitati alla cerimonia dell'11 settembre.

“Loro” le persone a cui ci siamo rivolti in un momento di puro caos per aiutarci”, ha detto Frolich.

Frank Siller, CEO della Tunnel to Towers Foundation, il cui fratello pompiere, Stephen Siller, è stato ucciso il 9 /11, ha affermato che i soccorritori e i sopravvissuti non dovrebbero essere respinti.

“Solo perché sono trascorsi 20 anni non significa che sei completamente guarito”, ha detto. “Vogliono rendere omaggio e onorare i loro eroi. Penso che dovrebbero essere ammessi laggiù.”

La tradizione di riunirsi e leggere i nomi dei perduti è iniziata l'11 settembre 2002, quando dignitari e membri della famiglia si sono riuniti a Ground Zero, allora ancora a bocca aperta buco a Lower Manhattan.

Rudy Giuliani, che era sindaco l'11 settembre, iniziò la recita del nome quell'anno, seguito dall'allora Segretario di Stato Colin Powell; i senatori Charles Schumer e Hillary Clinton; e l'attore Robert De Niro. Alle letture hanno preso parte anche i parenti dei perduti.

George Pataki, allora governatore di New York, recitò il discorso di Gettysburg. Il signor Bush è arrivato diverse ore dopo per deporre una corona sul luogo.

Da allora la cerimonia è continuata ogni anno, con i bambini del defunto che leggono i nomi in un'occasione e genitori e nonni in un'altra. I nomi includono quelli uccisi nell'attentato del 1993 al World Trade Center.

Momenti di silenzio segnano quando un aereo ha colpito ciascuna delle Torri Gemelle, il Pentagono e un campo a Shanksville, PA, e quando ogni torre cadde.

L'evento non è stato senza polemiche.

Quando la piazza commemorativa è stata aperta nel 2011 per il decimo anniversario dell'attentato, la città ha detto che non c'era spazio per vigili del fuoco, poliziotti e altri alla cerimonia alla quale hanno partecipato Mr Bush e Mr Obama.

Alcuni vigili del fuoco si sono arrabbiati nel 2016, il 15° anniversario, quando sono stati esclusi dalla cerimonia mentre i politici sono entrati.

“ Quale membro della famiglia ha perso Hillary Clinton o Donald Trump che gli è stato permesso di entrare?” uno dei primi soccorritori, EMT Terry Canham, si è lamentato quell'anno.

La pandemia ha fatto naufragare la tradizione l'anno scorso, quando i funzionari del memoriale, inchinandosi alle preoccupazioni di Covid-19, hanno deciso che non avrebbero riunito nessuno per leggere il nomi, utilizzando invece una recitazione preregistrata.

Ciò ha portato la Fondazione Tunnel to Towers a tenere la propria cerimonia a breve distanza con letture dal vivo.

“Questo non è qualcosa che volevamo fare. È qualcosa che dovevamo fare “, ha detto Siller al New York Post in quel momento.

Un altro furore è scoppiato quando il memoriale dell'11 settembre ha detto che era annullando anche il suo annuale Tribute in Light per proteggere i lavoratori dal Covid-19 mentre si allestiva l'esposizione di due raggi blu sul sito del WTC.

La protesta ha portato la fondazione a invertire la rotta. Questo 11 settembre le luci dovrebbero brillare al tramonto e svanire all'alba del 12 settembre.

La cerimonia dell'11 settembre inizierà alle 8:30 e si concluderà alle 13:00. La piazza aprirà al pubblico alle 15:00.

Il FDNY terrà una cerimonia commemorativa speciale per il 20° anniversario alle 13:30 presso la Cattedrale di San Patrizio.

Questo articolo originariamente apparso su NY Post ed è stato riprodotto con il permesso

44 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *