La subdola tattica dei talebani per trovare gli avversari

I talebani hanno promesso di mantenere la pace dopo aver preso il controllo dell'Afghanistan all'inizio di questo mese.

Ma la sua ultima tattica – che coinvolge militanti che fingono di essere soldati statunitensi per cercare di attirare la gente da le loro case — ha lasciato molti terrorizzati.

I talebani stanno intensificando i loro attacchi e raid contro le persone che si sono opposte al regime brutale negli ultimi 20 anni.

Secondo quanto riferito, i combattenti talebani hanno avuto accesso a i sistemi informatici del governo la scorsa settimana e hanno iniziato a dare la caccia a chiunque si fosse opposto a loro o avesse aiutato le forze alleate o il governo civile.

Queste informazioni hanno portato i talebani a fare irruzione nei quartieri e costringere le persone a lasciare le loro case.

Un capo della polizia afghano, noto per la sua ferma opposizione ai talebani, è stato braccato e giustiziato dal regime la scorsa settimana.

Una studentessa universitaria, che ha anche denunciato pubblicamente i talebani , ha detto all'ABC di aver ricevuto messaggi di testo da un ufficiale dell'esercito americano che la invitava a incontrarsi vicino a Kabul Interna tional Airport.

Ha detto alla pubblicazione che era certa che i messaggi fossero una trappola e provenissero invece dai talebani nel tentativo di attirarla fuori dal nascondiglio.

CORRELATO: Donne terrorizzate per il loro futuro dopo l'acquisizione dei talebani

I talebani hanno condotto “visite mirate porta a porta” alla ricerca di oppositori e delle loro famiglie, comprese persone che ha lavorato con le forze statunitensi e della NATO, secondo un documento di intelligence per le Nazioni Unite pubblicato la scorsa settimana.

Il rapporto, scritto dal Centro norvegese per le analisi globali, afferma che i militanti stavano anche controllando le persone sulla strada per Kabul all'aeroporto.

“Prendono di mira le famiglie di coloro che rifiutano di arrendersi e perseguono e puniscono le loro famiglie 'secondo la legge della sharia'”, ha detto all'AFP Christian Nellemann, direttore esecutivo del gruppo.

“Ci aspettiamo che entrambi gli individui che hanno lavorato in precedenza con le forze NATO/USA e i loro alleati, insieme ai loro familiari, siano esposti ed alle torture e alle esecuzioni.”

I talebani hanno ripetutamente promesso un diverso tipo di regola al loro regime brutale degli anni '90 che vedeva le donne confinate nelle loro case, la maggior parte degli intrattenimenti vietati e punizioni tra cui lapidazioni ed esecuzioni pubbliche .

Si sono impegnati a rispettare i progressi compiuti nei diritti delle donne, ma solo secondo la loro rigida interpretazione della legge islamica.

Il rebranding dei talebani viene trattato con scetticismo, con esperti che si chiedono se sarà un'offerta a breve termine per cercare il riconoscimento internazionale e la continuazione degli aiuti vitali.

46 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *