Quando pensiamo alla programmazione, a volte immaginiamo un impiegato nel suo ufficio che lavora dalle cinque alle sette, o un secchione nel seminterrato alle 3 del mattino che cerca di finire un programma. La maggior parte delle volte questa visione è lontana dalla verità. Alcune persone che non sono direttamente collegate all'IT lo usano ogni giorno: scienziati che creano report automatizzati, team di marketing che analizzano l'efficienza dell'anno scorso o grafici 3D che creano script per generare oggetti con un clic. Ma sono tutti geni della matematica che creano algoritmi complessi in pochi minuti? Probabilmente no. La programmazione non riguarda solo la matematica o le notti insonni cercando di compilare codice. Dovresti iniziare a programmare anche tu? Bene, non sta a noi deciderlo, ma ti daremo alcune indicazioni sul mondo della programmazione, così puoi decidere tu stesso. Credito immagine: Pixabay (licenza gratuita di Pixabay) I computer che possediamo comprendono solo il codice binario. Questo non significa che dobbiamo programmarli inserendo insiemi di zeri e uno per creare un programma, sebbene questa sia ancora una parte importante della programmazione. Alla fine degli anni '40 Kathleen Booth ha scritto il primo linguaggio assembly, che ci ha permesso di scrivere codice in un modo più leggibile e anche molto più veloce. Da quel punto della storia sono nate centinaia di lingue. Al giorno d'oggi utilizziamo linguaggi di programmazione di alto livello (HL). A differenza dei linguaggi assembly, il codice scritto nei linguaggi HL non corrisponde fortemente alle istruzioni di un processore. Queste lingue forniscono una struttura e parole chiave comprensibili per gli umani. Si occupano anche di molte cose come la gestione della memoria o dei dati nei registri all'interno di un processore, ma costa la velocità e la flessibilità di un programma. L'evoluzione della codifica non finisce qui! Potresti aver sentito parlare di Scratch. L'intero processo di programmazione è stato spogliato dalla scrittura del codice solo all'implementazione della logica visivamente. Con la programmazione visuale, invece di scrivere istruzioni, metti semplicemente i blocchi uno sopra l'altro; ma non addolciamo: anche se è più facile, sei ancora l'architetto di un algoritmo, una formula per risolvere un problema. Fortunatamente per noi, ci sono biblioteche. Sono raccolte di funzioni e dati condivisi da altri programmatori, in modo da non dover reinventare la ruota. È una pratica comune usarli e non c'è vergogna nel non fare tutto da soli. Una buona prova di entrambi sono Github e Stack Overflow, i siti Web più popolari in cui puoi porre domande e trovare il codice di cui hai bisogno. La comunità dei programmatori è disposta a rispondere alla domanda più semplice che puoi immaginare nel modo più informativo. Ma la principale e sicuramente la più dettagliata fonte di conoscenza è la documentazione. Consiste in una descrizione di ogni singola funzione e quali argomenti dovresti passare per usarli. Copre anche esempi di utilizzo ecc. La documentazione può essere noiosa e confusa per i principianti. Tuttavia, abituarsi a leggerlo si tradurrà in una comprensione più profonda del codice che si scrive e nell'utilizzo del pieno potenziale delle librerie. Figura 1: esempi di codice che visualizza “Hello, World!” sullo schermo. Credito immagine: Jędrzej Drozdowski La programmazione può essere suddivisa in diversi rami come lo sviluppo web, lo sviluppo di applicazioni mobili, lo sviluppo di videogiochi e molti altri, e le linee tra di loro a volte diventano sfocate. Questo è il motivo per cui esistono una varietà di linguaggi di programmazione: diversi usi, idee e modi di programmazione (chiamati anche paradigmi). Potresti non voler utilizzare lingue lente in un dispositivo che esegue migliaia di misurazioni al secondo. Ciò significa che probabilmente dovrai imparare più di una lingua a seconda di ciò che vuoi ottenere. Potrebbe anche essere necessario mescolare più lingue in un singolo progetto, ma per ora non preoccupiamoci di questo. “Scelgo una persona pigra per fare un lavoro duro. Perché una persona pigra troverà un modo semplice per farlo”. – Bill Gates Siamo onesti, gli esseri umani cercano intrinsecamente il comfort, la semplicità e un modo per evitare il lavoro. Questo è l'unico scopo dei computer: fare le cose per noi. Come potresti, utente occasionale di un computer, usare la programmazione per semplificarti la vita? Diamo un'occhiata ad esempi di linguaggi di programmazione e loro applicazioni: Python: un linguaggio semplice, facile da scrivere, ma lento, simile all'inglese. Utilizzato nella scienza dei dati, nello sviluppo web, nell'apprendimento automatico e nell'automazione delle attività. Se stai raccogliendo molti dati, puoi utilizzare questo linguaggio per la visualizzazione dei dati. È particolarmente utile se gestisci le tue spese o tieni traccia delle abitudini, come una dieta. Fai un grafico con quei dati! La creazione di grafici non è solo un ottimo modo per aiutarti a capire cosa sta succedendo, ma anche un esercizio per comprendere le basi delle statistiche. Esistono molte librerie, come Pandas e Matplotlib ampiamente utilizzate, che rendono molto semplice la manipolazione dei dati e la loro rappresentazione grafica. Quando ti senti a tuo agio con le basi della programmazione e delle statistiche, puoi immergerti nell'apprendimento automatico, alimentare il tuo algoritmo con numeri e potenzialmente prevedere tendenze future. C – uno dei linguaggi di programmazione più popolari e antichi. Ha avuto una grande influenza su altre lingue. Ti permette di fare molte cose liberamente ed è veloce, ma lo svantaggio è la responsabilità del tuo codice: gestire la memoria a mano, nessuna gestione diretta degli errori, ecc. Anche se la storia di questa lingua è iniziata nel 1972, è ancora viva, soprattutto nel mondo della programmazione embedded. Ci sono piattaforme (come Arduino) che ti permettono di programmare da sole usando il C. Un po' di conoscenza dell'elettronica e molta pazienza possono portare a dispositivi fatti in casa, come un sistema di irrigazione automatico delle piante o una macchina CNC. Java – un linguaggio universale. È usato in quasi tutti i campi. Anche il videogioco più venduto al mondo, Minecraft, è scritto in Java! Java è puramente orientato agli oggetti (OOP). Alcuni considerano l'OOP l'approccio più naturale alla programmazione, il più vicino a come pensano gli umani. Potrebbe essere un buon punto di partenza per i principianti, anche se non è la lingua più semplice. È interoperabile con Kotlin, un linguaggio che sta guadagnando popolarità nello sviluppo di applicazioni mobili, quindi l'apprendimento di entrambi potrebbe costituire un buon set di abilità se stai pianificando di scrivere app per dispositivi mobili. Quindi, dopo aver letto questo articolo, devi riconoscere che tutte queste informazioni sono solo la punta di un iceberg. Anche la domanda nel titolo è retorica. La vera domanda è hai un progetto in mente? Se lo fai, usa lo strumento giusto per questo. Se c'è un singolo e semplice documento da creare, non c'è bisogno di passare il mese successivo ad imparare Python solo per automatizzarlo. Come non useresti una mazza per un chiodo per mettere un dipinto sul muro: è un'esagerazione. Inoltre, non scegliere uno strumento “abbastanza vicino”. Può sembrare un martello e puoi usarlo come un martello non significa che sia un buon martello. Dovresti cercare su internet qual è il linguaggio di programmazione più adatto o se ci sono librerie utili per il tuo progetto in un linguaggio di programmazione che conosci, e qual è l'approccio migliore. Non c'è niente che ti impedisca di iniziare un viaggio con la programmazione se non la volontà di farlo. Approfitta della community che i programmatori hanno creato, sii curioso e paziente. COW è un linguaggio di programmazione esoterico che consiste solo di modifiche della parola “moo”. Un codice di esempio richiesto per generare la sequenza di Fibonacci: MoO moO MoO moo MOO OOM MMM moO moO MMM mOo moo moO MMM moo MMM moO moO MOO MOo moo MoO moO moo moo moo moo Il più antico linguaggio di programmazione ancora in uso è Fortran. È stato creato nel 1957 da John Backus. Secondo il sondaggio annuale di Stack Overflow, i linguaggi di programmazione più amati, temuti e ricercati sono rispettivamente: Rust, VBA, Python. Ada Lovelace è considerata la prima programmatrice. Era una matematica e lavorava su un computer meccanico noto come motore analitico. Un “bug” è un malfunzionamento di un programma per computer o di una macchina. Il primo uso registrato del termine risale al 1878 in una lettera scritta da Thomas Edison: “Avevi ragione in parte, ho trovato un 'bug' nel mio apparato, ma non era nel telefono vero e proprio. Apparteneva al genere 'callbellum'. L'insetto sembra trovare le condizioni per la sua esistenza in tutti gli apparecchi di chiamata dei telefoni. Nel secondo trimestre del 2021 i linguaggi più frequenti nei progetti sono stati JavaScript (~19%), Python (~16%) e Java (~13%). Questo articolo è un lavoro congiunto di Jędrzej Drozdowski (Facoltà di Ingegneria Ambientale e Meccanica, Università di Scienze della Vita di Poznań) e Karol Masztalerz (Dipartimento di Fisica e Astronomia, Università di Manchester) come parte del progetto Science Embassy. Riferimenti: Pereira, M. Couto, F. Ribeiro et. al. Classificazione dei linguaggi di programmazione per efficienza energetica, Science of Computer Programming, Volume 205, (2021) DOI: 10.1016/j.scico.2021.102609 Bissyandé, F. Thung & D. Lo & L. Jiang & L. Reveillere, Popolarità, interoperabilità e impatto dei linguaggi di programmazione in 100.000 progetti open source, atti – Conferenza internazionale sui software e le applicazioni per computer, 303-312, (2013) DOI : 10.1109/COMPSAC.2013.55. Cifuentes, D. Simon, A. Fraboulet. Assemblaggio alla traduzione linguistica di alto livello. Proceedings, International Conference on Software Maintenance (Cat. No. 98CB36272), (1998) DOI: 10.1109/icsm.1998.738514

18 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *