Non sarebbe bello ricordare non solo il passato, ma anche il futuro? Naturalmente, questa è un'idea della fantascienza. Tuttavia, se guardiamo alle leggi della fisica, in realtà non hanno due linee temporali separate, una per il passato e una per il futuro. Tutte le equazioni funzionano in qualsiasi momento ci si inserisca, e matematicamente è possibile analizzare la progressione di diversi eventi in una direzione a ritroso. Il nostro cervello percepisce il passato attraverso le nostre singole esperienze coscienti in modo molto vivido. La percezione del tempo costituisce la base delle nostre funzioni cognitive attraverso l'ordinamento dei ricordi, la sincronizzazione dei nostri “orologi interni”. Allora perché il nostro cervello costruisce correlazioni con il suo ambiente solo in una particolare direzione del tempo? La risposta a questa domanda non risiede solo nelle neuroscienze, ma anche nella fisica. Guarda il seguente video per una spiegazione interessante:

36 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *