Quando la famosa teoria della relatività generale fu creata da Albert Einstein, introdusse anche la regola dicendo che nulla può viaggiare più veloce della luce. Un wormhole – impressione artistica. L'ipotetico motore di curvatura potrebbe usarli per saltare tra le stelle. Credito immagine: Genty tramite Pixabay, licenza gratuita Il triste esito di questa regola è il fatto che i nostri sforzi di esplorazione spaziale sono strettamente limitati: non saremo mai in grado di raggiungere qualcosa che dista da noi diverse o diverse decine di anni luce. Naturalmente, tale intervallo è ancora molto potenziale da esplorare, a condizione che saremo in grado di raggiungere velocità relativistiche con le nostre future astronavi. Tuttavia ci sono anche buone notizie. Einstein pensò anche all'idea di uno spazio-tempo curvo. Dal punto di vista pratico, questo potrebbe significare la possibilità di “saltare” semplicemente tra due punti distanti dello spazio. Il che, ancora una volta, potrebbe essere utile se trovassimo un modo per costruire un'astronave in grado di utilizzare questa curvatura spaziale per ridurre notevolmente il tempo necessario per viaggiare tra le stelle. E la cosa più interessante è che questa idea del cosiddetto “motore di curvatura” potrebbe non essere del tutto fantascienza. In realtà, due recenti articoli di ricerca supportano questo concetto. Guarda di più su questo nel seguente video:

70 Views
(Visited 10 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *