Coprire un deserto con pannelli solari sembra un'idea logica. Un sacco di spazio inutilizzato, un numero annuo particolarmente elevato di giorni di sole, con temperature fino a 80 gradi Celsius, e anche un favorevole angolo di altitudine solare che consente di ottenere elevate efficienze di conversione dell'energia – tutti questi fattori portano inevitabilmente a supporre che qualsiasi deserto dovrebbe essere ricco di parchi energetici fotovoltaici. Il deserto del Sahara ricoperto di pannelli solari potrebbe generare una quantità di energia cento volte superiore a quella di cui l'umanità ha attualmente bisogno. Credito immagine: Pixabay, licenza gratuita Gli scienziati stimano che il più grande deserto caldo del mondo, il Sahara, riceva circa 22 milioni di terawattora di energia sotto forma di radiazione solare in un solo anno. è molto? Ebbene, con i nostri attuali tassi di consumo energetico, i bisogni dell'intera umanità sarebbero soddisfatti con appena l'1% di tale importo. Ci sono problemi negativi in questo? Perché non iniziamo subito a costruire enormi centrali solari nei nostri deserti? Il seguente video discute questa idea, soppesando i suoi aspetti positivi e anche negativi:

32 Views
(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *